Riec­co il cuo­re del­la vec­chia Ju­ve

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio -

quel­la che do­ve­va con­sa­cra­re i rossoneri co­me prin­ci­pa­le al­ter­na­ti­va all‘In­ter nel­la cor­sa ver­so lo scu­det­to (La­zio per­met­ten­do). Nien­te da fa­re, no­no­stan­te l‘av­ver­sa­rio che pa­re­va in gi­noc­chio per in­for­tu­ni e squa­li­fi­che. E ci so­no an­che le av­vi­sa­glie di un pri­mo al­lar­me, per­ché do­po la scon­fit­ta di Ma­drid e que­sto brut­to ca­pi­tom­bo­lo vie­ne il so­spet­to che i rossoneri sof­fra­no a im­por­si nel­le sfi­de con le ri­va­li più ac­cre­di­ta­te. Tra due gior­ni c‘è di nuo­vo il Real: ser­ve un ri­scat­to im­me­dia­to.

La Ro­ma - crean­do mol­to e ri­schian­do un po‘ trop­po - ha bat­tu­to un Lec­ce vi­vo. Ra­nie­ri ha ri­ce­vu­to se­gna­li con­for­tan­ti so­prat­tut­to da Vu­ci­nic: quan­do sta co­sì, e quan­do s‘ac­cen­de par­ten­do dal­la fa­scia, il mon­te­ne­gri­no fa la dif­fe­ren­za. Un al­tro mo­ti­vo di sod­di­sfa­zio­ne vie­ne dal­la clas­si­fi­ca: que­sta Ro­ma bi­strat­ta­ta, in fon­do, non è co­sì stac­ca­ta da chi giu­sta­men­te chiac­chie­ra di scu­det­to, vi­sto che la stes­sa Ju­ven­tus re­sta a tre pun­ti e il Mi­lan ora è a cin­que lun­ghez­ze. Ades­so i gial­lo­ros­si de­vo­no tro­va­re continuità di ri­sul­ta­ti, per­ché nien­te è com­pro­mes­so.

L’ar­go­men­to del gior­no è pe­rò l’espul­sio­ne di Tot­ti, che to­glie­rà il sim­bo­lo del­la Ro­ma al der­by di do­me­ni­ca con­tro la La­zio. Ri­vi­sta in tv, la rea­zio­ne del gial­lo­ros­so al cal­cio da die­tro - e sen­za pal­la - ri­ce­vu­to da Oli­ve­ra è po­ca co­sa: una spin­ta, nem­me­no vio­len­ta, all’av­ver­sa­rio. Nien­te di co­sì gra­ve, in­som­ma, da giu­sti­fi­ca­re l’espul­sio­ne: il car­tel­li­no gial­lo sa­reb­be sta­to più che suf­fi­cien­te, per­ché se ogni ge­sto di que­sto ti­po fos­se pu­ni­to con il ros­so le par­ti­te fi­ni­reb­be­ro tut­te con quin­di­ci gio­ca­to­ri in cam­po. In­ve­ce Ger­va­so­ni da Man­to­va, che era pro­prio vi­ci­no all’azio­ne, ha de­ci­so di fa­re il du­ro, in­ven­tan­do­si un prov­ve­di­men­to di una pe­san­tez­za sen­za sen­so.

Sap­pia­mo che gli arbitri, tal­vol­ta, ama­no di­ven­ta­re pro­ta­go­ni­sti, e que­sto si ri­ve­la il

Lui­gi Del Ne­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.