Ma­ri­no ve­de la via d’usci­ta

Par­ma-Chie­vo sem­bra una sfi­da de­ci­si­va, ma il tec­ni­co ci va pia­no: «Vi­via­mo al­la gior­na­ta. E co­mun­que stia­mo cre­scen­do»

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - Pao­lo Gros­si/ass

PAR­MA - Par­ma-Chie­vo sfi­da de­ci­si­va? Dif­fi­ci­le so­ste­ner­lo, vi­sto che è la no­na par­ti­ta di cam­pio­na­to. Al­la vi­gi­lia Pa­squa­le Ma­ri­no cer­ca di dif­fon­de­re tran­quil­li­tà: «Man­ca­no tren­ta par­ti­te, usa­re cer­ti ter­mi­ni mi sem­bra ec­ces­si­vo e pre­ma­tu­ro: noi vi­via­mo al­la gior­na­ta. Pos­so so­lo di­re che ab­bia­mo pre­pa­ra­to be­ne la sfi­da con il Chie­vo, in più la squa­dra sta dan­do se­gna­li di ri­pre­sa: li ve­do al­le­na­re con im­pe­gno, stia­mo cre­scen­do fi­si­ca­men­te e stia­mo re­cu­pe­ran­do gio­ca­to­ri». PUN­TI DI VI­STA - Ma­ri­no in­si­ste poi su un con­cet­to già espres­so a cal­do do­po il pa­reg­gio con la Ro­ma. Se la clas­si­fi­ca dei cro­cia­ti è de­fi­ci­ta­ria, la col­pa non è tut­ta del Par­ma. «Cer­to, ab­bia­mo com­mes­so de­gli er­ro­ri, ma qual­che epi­so­dio con­tro non ci ha per­mes­so di ave­re una clas­si­fi­ca con­so­na a quel­lo che ab­bia­mo espres­so: man­ca­no 2-3 pun­ti, e con quel­li in più a que­st'ora fa­rem­mo con­si­de­ra­zio­ni di­ver­se. Ora dob­bia­mo re­cu­pe­ra­re la con­di­zio­ne di al­cu­ni gio­ca­to­ri im­por­tan­ti: c'è chi de­ve gua­ri­re da in­for­tu­ni e c'è chi de­ve ri­tro­va­re i rit­mi giu­sti». Ma­ri­no non dram­ma­tiz­za la si­tua­zio­ne: «In al­tre squa­dre mi è ca- pi­ta­to di at­tra­ver­sa­re pe­rio­di ne­ga­ti­vi, ma lì c'era più ten­sio­ne. Gli in­gre­dien­ti e la cor­ni­ce per fa­re be­ne ci so­no». PUN­TI PER­SI - Già, la clas­si­fi­ca è mol­to cor­ta. Bi­so­gna so­lo ri­tro­va­re un buon pas­so, poi ci si può di­ver­ti­re: «Il mon­dia­le ha fat­to sì che le squa­dre im­por­tan­ti ab­bia­no per­so pun­ti con squa­dre di me­dio-bas­sa clas­si­fi­ca. Al­la lun­ga, pe­rò, ver­ran­no fuo­ri i ve­ri va­lo­ri». Si par­la poi di tat­ti­ca e l'al­le­na­to­re si­ci­lia­no si inal­be­ra quan­do i cro­ni­sti ipo­tiz­za­no che Bo­ji­nov e Cre­spo pos­sa­no gio­ca­re as­sie­me. «Que­sto non va­le so­lo og­gi, gli al­le­na­to­ri non gio­ca­no mai per per­de­re, ma per vin­ce­re. E met­to­no in cam­po chi è più in for­ma. De­vi co­no­sce­re le ca­rat­te­ri­sti­che dei gio­ca­to­ri per fa­re un si­ste­ma di gio­co che si adat­ti a lo­ro. E que­sto di­pen­de an­che dal­le con­di­zio­ni de­gli uo­mi­ni in un da­to mo­men­to. Io pos­so so­lo spe­ra­re che i gio­ca­to­ri del Par­ma ar­ri­vi­no al­la con­di­zio­ne ot­ti­ma­le di for­ma al più pre­sto pos­si­bi­le. Cre­do, co­mun­que, che sia­mo sul­la stra­da buo­na, ve­do una squa­dra in crescita». Co­me di­re: vi­sto l'ap­por­to di­na­mi­co, Cre­spo e Bo­ji­nov de­vo­no gio­ca­re uno al- la vol­ta, o in­sie­me so­lo in ca­si di emer­gen­za... PUN­TI FER­MI - Poi l'al­le­na­to­re tor­na a pro­fes­sa­re ot­ti­mi­smo: «Di ne­ga­ti­vo ab­bia­mo so­lo la clas­si­fi­ca, non sia­mo in dif­fi­col­tà e l'umo­re è buo­no. Quan­do si è in dif­fi­col­tà la pal­la bru­cia e do­me­ni­ca il Par­ma non ha le­si­na­to ener­gie, ab­bia­mo crea­to le pro­spet­ti­ve per vin­ce­re». Per ar­ri­va­re al­la so­spi­ra­ta vit­to­ria che man­ca da ago­sto si spe­ra mol­to nel ri­tro­va­to Gio­vin­co. «Gio­vin­co dal pri­mo mi­nu­to? De­ci­de­re­mo all'ul­ti­mo se­con­do, è un di­scor­so me­di­co: bi­so­gna ca­pi­re l'au­to­no­mia del ra­gaz­zo, va­lu­ta­re i rischi che può cor­re­re se gio­ca tan­to». Poi c'è Pa­let­ta che è sta­to più che con­vin­cen­te quan­do ha gio­ca­to e og­gi con­ten­de la ma­glia a Pa­ci. «Gli al­le­na­to­ri vo­glio­no es­se­re sem­pre in dif­fi­col­tà co­sì. Il pro­ble­ma sem­mai è il con­tra­rio: non ave­re i gio­ca­to­ri». In­som­ma, man­ca­no Gal­lop­pa e Pa­lo­schi, ma la ro­sa a di­spo­si­zio­ne del tec­ni­co con­sen­te, sul­la car­ta, al Par­ma di bat­te­re il Chie­vo. Ora non re­sta che tra­sfor­ma­re idee e pa­ro­le in fat­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.