Ma­ra­do­na: Il com­plean­no più tri­ste

«Non so­no fe­li­ce per­ché mi han­no tol­to la Na­zio­na­le». Ma Na­po­li lo ha fe­steg­gia­to lo stes­so

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Calcio - Dal­la re­da­zio­ne

NA­PO­LI - Quel­la scrit­ta sul­le mu­ra del ci­mi­te­ro di Pog­gio­rea­le è sta­ta or­mai can­cel­la­ta dal tem­po. Si leg­ge­va:« Non sa­pe­te co­sa vi sie­te per­si », ri­fe­ri­to ai de­fun­ti che non ave­va­no po­tu­to gioi­re per il pri­mo scu­det­to del­la sto­ria del Na­po­li. E Ma­ra­do­na, nel gior­no del suo cin­quan­te­si­mo com­plean­no, non sa co­sa si è per­so. Non po­trà mai sa­pe­re l’af­fet­to ri­ce­vu­to dai na­po­le­ta­ni, da uo­mi­ni di cal­cio e di spet­ta­co­lo, da fans di tut­to il mon­do. Non ca­pi­rà quan­ta sti­ma an­co­ra re­si­sta per il cal­cia­to­re e an­che per l’uo­mo sep­pu­re in­ciam­pa­to in una se­rie di guai.

« È il com­plean­no più tri­ste del­la mia vi­ta» , ha di­chia­ra­to nell’in­ter­vi­sta al quo­ti­dia­no spor­ti­vo ar­gen­ti­no Olè. L’ex fuo­ri­clas­se del Na­po­li ri­ve­la co­me Ve­ro­ni­ca (la com­pa­gna) e Dal­ma (la fi­glia) ab­bia­no in­si­sti­to af­fin­ché fe­steg­gias­se il com­plean­no: « Ma non mi han­no con­vin­to. Ho qual­co­sa nel pet­to che mi im­pe­di­sce di fa­re fe­sta. An­drò a ca­sa del­la mia vec­chia mam­ma e lì ver­ran­no a sa­lu­tar­mi i miei fra­tel­li, i ni­po­ti e gli al­tri pa­ren­ti. Poi pe­rò me ne tor­ne­rò a ca­sa mia. Dal­ma e Gian­ni­na han­no fat­to a ga­ra per es­se­re la pri­ma per­so­na a far­mi gli au­gu­ri ». Tri­ste? E per­ché mai? «Esat­ta­men­te, per­ché mi im­ma­gi­na­vo al­la gui­da del­la na­zio­na­le e il fat­to di es­se­re ri­ma­sto sen­za chan­ce mi fa sta­re ma­le. Il mio lut­to per­so­na­le è co­min­cia­to quan­do sia­mo sta­ti eli­mi­na­ti dal Mon­dia­le. Ed il re­ga­lo più bel­lo sa­reb­be quel­lo di tor­na­re ad al­le­na­re la na­zio­na­le, ciò che chie­de­rò quan­do spe­gne­rò le can­de­li­ne sul­la tor­ta ».

Ha ri­cor­da­to Na­po­li e co­me non avreb­be po­tu­to:« Non vo­le­va­no an­dar­ci nep­pu­re gli ita­lia­ni. Pao­lo Ros­si fir­mò un con­trat­to e su­bi­to do­po lo re­scis­se. Io lì non ho mai tro­va­to una ca­sa e ho sem­pre vis­su­to in ap­par­ta­men­to, fin­ché Fer­lai­no mi ha da­to la pos­si­bi­li­tà di es­se­re com­pe­ti­ti­vo al­le­sten­do squa­dre per vin­ce­re il cam­pio­na­to. Due scu- det­ti, per noi e per il Sud, la Cop­pa Ita­lia e la Cop­pa Ue­fa: ogni gior­no che pas­sa di­ven­ta­va­mo più gran­di ».

Il mi­glio­re com­pa­gno con cui ha gio­ca­to?

« Ne ho avu­ti tan­ti ma quel­lo con cui mi so­no di­ver­ti­to di più è sta­to Ca­nig­gia. L'ho di­fe­so quan­do Bi­lar­do vo­le­va far­lo fuo­ri. Pri­ma dei Mon­dia­li del '90 Bi­lar­do mi chia­mò e mi dis­se che Ca­nì sa­reb­be sta­to esclu­so. Gli ri­spo­si che al­lo­ra a sta­re fuo­ri sa­rem­mo sta­ti in due. Era il no­stro mi­glior gio­ca­to­re e lui vo­le­va esclu­der­lo dal­la li­sta... ».

La cit­tà ha fe­steg­gia­to co­me se lui fos­se sta­to al­la Sa­ni­tà o ai Quar­tie­ri. Han­no brin­da­to da Ca­pri (spu­man­te of­fer­to da Cic­cio Sta­ia­no) a To­kyo (tor­ta pre­pa­ra­ta da Mi­chi­ho An­do, una giap­po­ne­se che non ha ha mai smes­so di ti­fa­re Na­po­li dal gior­no in cui co­nob­be Die­go), a Roberto So­sa, il Pam­pa, l’ul­ti­mo a in­dos­sa­re il 10 di Ma­ra­do­na: « Chi ama non di­men­ti­ca: io ho in­cor­ni­cia­to quel­la ma­glia e guai a chi la toc­ca ».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.