Bar­bo­li­ni: «Que­sta Ita­lia mi è pia­ciu­ta»

Corriere dello Sport Stadio (Bologna) - - Pallavolo - Dall'in­via­to

HA­MA­MA­TSU - Ti­ra­to co­me una cor­da di vio­li­no pri­ma di un con­cer­to, so­lo che la rap­pre­sen­ta­zio­ne è ap­pe­na fi­ni­ta. L'adre­na­li­na viag­gia ve­lo­ce e an­co­ra in quan­ti­tà in­du­stria­le nel­le ve­ne di Mas­si­mo Bar­bo­li­ni. L'Ita­lia ha ap­pe­na sal­ta­to un osta­co­lo, l'Olan­da, che può va­le­re un bo­nus im­por­tan­te per quel­la cor­sa al po­dio iri­da­to che do­mi­na i son­ni e for­se gli in­cu­bi del ct. Una lot­ta sen­za quar­tie­re, pun­to a pun­to, lun­ga più di due ore, quel­le ri­mon­te sen­za fi­ne che avreb­be­ro sner­va­to an­che un san­to. Met­te­te­ci al­me­no tre chia­ma­te de­gli arbitri da fa­re in­fu­ria­re un agnel­lo ap­pe­na na­to, e la ten­sio­ne è più com­pren­si­bi­le. «Non mi aspet­ta­vo una par­ti­ta del ge­ne­re do­po quel pri­mo set. Era dif­fi­ci­le so­lo pen­sar­lo. Sem­bra­va di ri­ve­de­re l'ul- ti­mo scon­tro di­ret­to di Ca­glia­ri per le qua­li­fi­ca­zio­ni al Grand Prix quan­do ci mi­se­ro in to­ta­le dif­fi­col­tà. Lo han­no fat­to an­che qui, pe­rò...». Pe­rò dall'al­tra par­te c'era un'al­tra Ita­lia. « Mi è pia­ciu­ta mol­to la vo­lon­tà, la vo­glia di rea­zio­ne del­le ra­gaz­ze. Han­no ri­co­min­cia­to dal­le in­di­vi­dua­li­tà a da­re qual­co­sa di più per poi ri­tro­var­si co­me grup­po, co­me squa­dra. Di­fe­sa, ri­ce­zio­ne, an­che un po' la bat­tu­ta - ma le no­stre so­no sem­pre un po' trop­po fa­ci­li - un fon­da­men­ta­le al­la vol­ta è tor­na­to a fun­zio­na­re tut­to.. E guar­da­te che que­sta vit­to­ria era im­por­tan­te: lo spar­tiac­que tra il con­ti­nua­re a lot­ta­re per en­tra­re tra le pri­me quattro e ri­schia­re di fi­ni­re nel grup­po dal 5° all'8°» . Stu­pi­to dall'im­pat­to sul­la ga­ra del­la Bar­cel­li­ni? «E' sta­ta bra­va, ha ri­spo­sto nel­la ma­nie- ra mi­glio­re dan­do un gran­de con­tri­bu­to. An­che le gio­va­ni de­vo­no pren­der­si le pro­prie re­spon­sa­bi­li­tà, glie­lo ri­pe­to in con­ti­nua­zio­ne. Al­tri­men­ti sa­reb­be fi­ni­ta co­me al pri­mo set: due gio­ca­tri­ci be­ne e le al­tre fuo­ri par­ti­ta». Me­ri­to an­che del­la sua reat­ti­vi­tà nel cam­bio, che fi­ne ha fat­to il "con­ser­va­to­re" del pas­sa­to? «E' il mio la­vo­ro e poi c'è la ne­ces­si­tà di in­ter­ve­ni­re su gio­ca­tri­ci che an­co­ra non han­no la costanza di ren­di­men­to ne­ces­sa­ria». Quan­te cer­tez­ze re­ga­le­rà al grup­po una vit­to­ria co­me que­sta? « Si­cu­ra­men­te la con­sa­pe­vo­lez­za che si può usci­re da si­tua­zio­ni dif­fi­ci­li, lot­tan­do sen­za per­de­re fi­du­cia. L'im­por­tan­te è non il­lu­der­si che si pos­sa­no ri­pe­te­re, il gio­chi­no non rie­sce sem­pre. Pos­sia­mo e dob­bia­mo mi­glio­ra­re, la stra­da è an­co­ra lun­ga...».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.