«Ci è man­ca­ta so­lo la vo­glia di vincere»

Me­lan­dri ana­liz­za le cause dell’eli­mi­na­zio­ne Cop­pa

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Parma - Di Pao­lo Gros­si ©RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

Da­nie­le Me­lan­dri è uno dei tre ti­ra­to­ri che han­no fal­li­to il lo­ro ri­go­re gio­ve­dì a Cor­reg­gio, de­cre­tan­do co­sì l'eli­mi­na­zio­ne del Par­ma dal­la cop­pa Ita­lia. Il pri­mo ve­ro, e quan­to mai fa­sti­dio­so pas­sag­gio a vuo­to del club gial­lo­blù da quan­do è ri­na­to.

« Di­spia­ce es­se­re usciti, vo­le­va­mo an­da­re avan­ti per­ché sia­mo in tan­ti, avrem­mo po­tu­to gio­ca­re più par­ti­te pos­si­bi­le - ha det­to ie­ri a Col­lec­chio l'at­tac­can­te cro­cia­to - pe­rò ora te­sta al Ro­ma­gna Cen­tro, cer­che­re­mo di ri­far­ci già do­me­ni­ca. For­se come ha det­to Apol­lo­ni è man­ca­ta un po' più di cat­ti­ve­ria e di vo­glia di vincere.

Poi, nel se­con­do tem­po il ca­lo cre­do fos­se pre­ve­di­bi­le, vi­sto che mol­ti ra­gaz­zi era­no al­la lo­ro pri­ma par­ti­ta. Non dev'es­se­re una scu­san­te, di­spia­ce es­se­re usciti ma or­mai è an­da­ta co­sì, dob­bia­mo pen­sa­re a vincere la pros­si­ma. Dob­bia­mo da­re con­ti­nui­tà a que­sti ri­sul­ta­ti, chis­sà ma­ga­ri an­che al­lun­ga­re in clas­si­fi­ca per di­mo­stra­re che que­sto cam­pio­na­to lo vo­glia­mo vincere a tut­ti i co­sti». IN OM­BRA. Do­po un av­vio esal­tan­te, Me­lan­dri da qual­che ga­ra è par­so un po' in om­bra, al pun­to che a Bre­scel­lo con­tro il Lentigione è fi­ni­to in pan­chi­na. «Io co­mun­que mi sto tro­van­do be­ne, il grup­po è buo­no, sto tro­van­do spa­zio e quin­di so­no con­ten­to, spe­ro di tor­na­re ma­ga­ri al­le pre­sta­zio­ni del­le pri­me gior­na­te. Non so il mo­ti­vo del mio ca­lo, for­se è fi­si­co, ma so­no tran­quil- lo, nel sen­so che sto la­vo­ran­do per tor­na­re su quei li­vel­li. Sia­mo in tan­ti, l’al­le­na­to­re fa le sue scel­te ma spe­ro di met­ter­lo in dif­fi­col­tà già per do­me­ni­ca, per­ché vo­glio ri­far­mi e tor­na­re in for­ma. So­no il pri­mo che a fi­ne ga­ra sa che ti­po di pre­sta­zio­ne ho fat­to sia a li­vel­lo per­so­na­le che per la squa­dra, quin­di non so­no sod­di­sfat­to ma­ga­ri del­la par­ti­ta che ho fat­to con­tro il For­lì, ma la­vo­ro tran­quil­lo».

TAN­TI GIO­CA­TO­RI PER IL CAM­PIO­NA­TO. Il ti­mo­re ora è che non sia fa­ci­le ge­sti­re la ro­sa con le so­le ga­re di cam­pio­na­to. « La co­sa ri­guar­de­rà l'al­le­na­to­re e i di­ri­gen­ti. Noi cal­cia­to­ri dob­bia­mo la­vo­ra­re per met­te­re in dif­fi­col­tà il tec­ni­co, per­ché sia­mo tut­ti ele­men­ti va­li­di, po­trem­mo gio­ca­re ovun­que, quin­di noi pos­sia­mo par­la­re so­lo sul cam­po con le pre­sta­zio­ni». La pros­si­ma av­ver­sa­ria è il Ro­ma­gna Cen­tro do­ma­ni al Tar­di­ni. «Co­no­sco il lo­ro al­le­na­to­re per­ché l'ho avu­to per un an­no e mezzo, co­no­sco qual­che gio­ca­to­re, so­no una squa­dra gio­va­ne ma che si­cu­ra­men­te po­trà met­ter­ci in dif­fi­col­tà se non avre­mo l'at­teg­gia­men­to giu­sto. Do­vre­mo es­se­re com­pat­ti, e con­cre­tiz­za­re al mas­si­mo le oc­ca­sio­ni che ci ca­pi­te­ran­no. Per noi ave­re i ti­fo­si dal­la no­stra par­te è un qual­co­sa in più, e do­me­ni­ca vor­rem­mo far­li con­ten­ti».

«Vo­le­va­mo an­da­re avan­ti per­chè sia­mo in tan­ti e po­te­va­mo gio­ca­re più par­ti­te Ora il cam­pio­na­to»

«Io gio­co e sto be­ne ma sto la­vo­ran­do per tor­na­re ai li­vel­li di ini­zio sta­gio­ne Sì, so­no tran­quil­lo»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.