Ciak si gi­ra al San Pao­lo

De Lau­ren­tiis e Tho­hir con­tro: il ci­ne­ma in co­mu­ne e il pro­fu­mo di scu­det­to

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Domani Napoli-inter - Di Fa­bio Man­da­ri­ni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Do­po aver af­fi­da­to l'In­ter a Man­ci­ni, com­ple­ti sar­to­ria­li e spic­ca­te at­ti­tu­di­ni ma­na­ge­ria­li all'in­gle­se, Erick Tho­hir ha co­min­cia­to il nuo­vo cor­so in­ve­sten­do in lun­go e in lar­go dal­la Pre­mier al­la Bun­de­sli­ga, con la ne­ces­si­tà e il di­chia­ra­to in­ten­to di ri­por­ta­re l'In­ter in Eu­ro­pa do­po l'en­ne­si­ma de­lu­sio­ne. Au­re­lio De Lau­ren­tiis, che dell'Eu­ro­pa cal­ci­sti­ca è un ha­bi­tué, ha in­ve­ce sa­lu­ta­to l'in­ter­na­zio­na­le Be­ni­tez all'al­ba del­la nuo­va sta­gio­ne e con una del­le sue ge­nia­li tro­va­te ha ri­fon­da­to e ri­lan­cia­to il Na­po­li nel se­gno del­la Pro­vin­cia ita­lia­na di Ger­mi - pa­ro­le sue - e del­la tu­ta di Sar­ri. Il ri­sul­ta­to di que­sti due mo­di pa­ral­le­li di ve­de­re il cal­cio? Beh, la par­ti­ta in pro­gram­ma do­ma­ni al San Pao­lo: per­ché Na­po­li-In­ter, sep­pur non an­co­ra de­ci­si­va per lo scu­det­to, è una sfi­da fon­da­men­ta­le per la clas­si­fi­ca e per le am­bi­zio­ni di en­tram­be le squa­dre. Nel frat­tem­po De Lau­ren­tiis l'ita­lia­no e Tho­hir l'in­do­ne­sia­no, che ol­tre al cal­cio han­no in co­mu­ne an­che il ci­ne­ma nel no­ve­ro del­le ri­spet­ti­ve at­ti­vi­tà, se la go­do­no: i lo­ro film, con le re­gie di Sar­ri e Man­ci­ni, so­no en­tram­bi can­di­da­ti all'Oscar. Al tro­no d'Ita­lia e al ta­vo­lo dei gran­di di Cham­pions: per co­me stan­no an­dan­do le co­se, per co­me s'è mes­sa la sta­gio­ne e per il ren­di­men­to de­gli at­to­ri del ca­st, In­ter e Na­po­li sem­bra­no de­sti­na­te a sban­ca­re i bot­te­ghi­ni. E per qual­cu­no po­treb­be es­se­re an­che pron­ta l'eti­chet­ta di bloc­k­bu­ster: per il mo­men­to i ne­raz­zur­ri so­no pri­mi e gli az­zur­ri se­con­di (con la Fio­ren­ti­na) a due pun­ti di di­stan­za, poi si ve­drà. La cer­tez­za di ba­se, pe­rò, re­sta: la par­ti­ta di do­ma­ni è la con­trap­po­si­zio­ne di due fi­lo­so­fie agli an­ti­po­di. Tho­hir e De Lau­ren­tiis ami­che­vol­men­te con­tro: l'Orien­te e l'Oc­ci­den­te, il Nord e il Sud. Na­po­li e Mi­la­no, Sar­ri e Man­ci­ni. E in mez­zo il ci­ne­ma co­me ra­gio­ne di vi­ta (per AdL) op­pu­re co­me vo­ce di un ric­co e va­rie­ga­to port­fo­lio (per il col­le­ga). Co­sì vi­ci­ni ma co­sì lon­ta­ni, i due pre­si­den­ti: dal mo­do di ve­sti­re e co­mu­ni­ca­re, a quel­lo di ge­sti­re il club, i bi­lan­ci e il mer­ca­to. Co­sì lon­ta­ni, sì, ma tut­to som­ma­to com­pli­ci in­con­sa­pe­vo­li: se il cam­pio­na­to ita­lia­no è tor­na­to a es­se­re av­vin­cen­te, do­po an­ni di ege­mo­nia ju­ven­ti­na, il me­ri­to è so­prat­tut­to il lo­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.