Guaz­zo zit­ti­sce tut­ti quan­ti

L’at­tac­can­te tor­na, se­gna il suo pri­mo gol, si pro­cu­ra un ri­go­re e lan­cia la fu­ga del Par­ma

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Parma - Di Lo­ren­zo Lon­ghi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Tre co­me i gol se­gna­ti ie­ri, tre per­ché si trat­ta del ter­zo 0-3 ester­no dei cro­cia­ti in que­sto cam­pio­na­to, sei co­me il nu­me­ro che da ie­ri tor­na a rap­pre­sen­ta­re il van­tag­gio del Par­ma sul­la se­con­da in clas­si­fi­ca, per­ché men­tre gli emi­lia­ni pas­seg­gia­va­no in ca­sa di un Del­ta Ro­vi­go sva­ga­to, è toc­ca­to al Ra­ven­na fre­na­re il For­lì nel der­by ro­ma­gno­lo e ri­cac­cia­re i bian­co­ros­si al­la di­stan­za che ave­va­no pri­ma che la squa­dra di Apol­lo­ni in­ciam­pas­se con­tro l'Imo­le­se. Le ci­fre rac­con­ta­no que­sto, ma di­co­no an­che che, do­po tan­ta pan­chi­na e il con­se­guen­te di­giu­no, qual­che po­le­mi­ca e la squa­li­fi­ca, ie­ri il Par­ma ha tro­va­to la pri­ma re­te sta­gio­na­le di Mat­teo Guaz­zo, che non so­lo ha aper­to le mar­ca­tu­re ren­den­do la par­ti­ta in di­sce­sa pri­ma del­la mezz'ora, ma si è gua­da­gna­to suc­ces­si­va­men­te an­che il ri­go­re - se­gna­to da Co­ra­pi - che ha con­so­li­da­to una par­ti­ta pres­so­ché a sen­so uni­co, ce­sel­la­ta poi nel fi­na­le da Ba­raye con la re­te che ha chiu­so l'in­con­tro. RAB­BIA E OR­GO­GLIO. Sin qui, ap­pun­to, i nu­me­ri, dai qua­li si de­su­me una gior­na­ta per­fet­ta, una del­le tan­te che il Par­ma ha vis­su­to in que­sto cam­pio­na­to di su­pre­ma­zia co­mun­que im­pres­sio­nan­te. Sul cam­po ef­fet­ti­va­men­te è an­che co­sì, ma a ren­de­re me­mo­ra­bi­le - per al­tri mo­ti­vi - la par­ti­ta di ie­ri è un epi­so­dio che ha vi­sto pro­ta­go­ni­sta lo stes­so Guaz­zo do­po la pri­ma re­te. Rewind: un gol­lon­zo, per co­me il Ro­vi­go lo ha re­ga­la­to (mi­nu­to 27: Ac­ka sba­glia un rin­vio spa­rac­chian­do la pal­la a cam­pa­ni­le, il por­tie­re ve­ne­to Ra­di­kon esce in sal­to per rac­co­glie­re, Co­ra­pi lo an­ti­ci­pa e Guaz­zo toc­ca nel­la por­ta vuo­ta), ma era pro­prio ciò che ser­vi­va al­la pun­ta per sbloc­car­si e ri­co­min­cia­re da lì la sua av­ven­tu­ra cro­cia­ta, can­cel­lan­do il pas­sa­to e guar­dan­do so­lo al fu­tu­ro. Non fos­se che la rab­bia ac­cu­mu­la­ta nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne ha por­ta­to l'or­go­glio­so Guaz­zo ad esa­ge­ra­re nell'esul­tan­za, con un di­to da­van­ti al­la boc­ca a zit­ti­re chi lo ave­va cri­ti­ca­to e un in­sul­to, cap­ta­to tan­to dal­le te­le­ca­me­re quan­to dai so­ste­ni­to­ri stes­si.

PRO­TA­GO­NI­STA. Epi­so­dio che avreb­be avu­to una co­da a fi­ne ga­ra, com'era ine­vi­ta­bi­le che fos­se, ma nel frat­tem­po, con­clu­sa l'esul­tan­za rab­bio­sa, Guaz­zo ha pro­se­gui­to a gui­da­re il 4-2-3-1 di Apol­lo­ni - ie­ri in schie­ra­men­to con­sue­to ma con al­cu­ne no­vi­tà ne­gli in­ter­pre­ti, dal ri­tor­no di Gior­gi­no al debutto dal 1' di Si­mo­net­ti - co­me gran­de op­por­tu­ni­sta quan­do, tre mi­nu­ti più tar­di, ha let­to al me­glio un pes­si­mo re­tro­pas­sag­gio di un di­fen­so­re del Del­ta ru­ban­do pal­la, en­tran­do in area e gua­da­gnan­do­si il ri­go­re per l'in­ter­ven­to fal­lo­so di Ra­di­kon. Da­gli un­di­ci me­tri Lau­ria non ha fal­li­to lo 0-2. La par­ti­ta ha avu­to di lì in avan­ti ben po­co da di­re, in­stra­da­ta com'era sul­la via di una co­mo­da vit­to­ria per il Par­ma, con il con­sue­to Lu­ca­rel­li do­mi­nan­te sul fan­to­ma­ti­co spau­rac­chio Pe­ra, Guaz­zo all'er­ta su ogni pal­la e il so­li­to Zom­mers at­ten­to nei mo­men­ti in cui la pal­la, a ri­sul­ta­to ac­qui­si­to, pas­sa­va dal­le sue par­ti. E co­sì, quan­do Apol­lo­ni ha ri­chia­ma­to Guaz­zo so­sti­tuen­do­lo con Ba­raye, l'usci­ta del bom­ber ter­mi­na­va cer­to la sua par­ti­ta ma non la sua gior­na­ta da pro­ta­go­ni­sta.

CHIA­RI­MEN­TO. Quel­la si sa­reb­be chiusa so­la­men­te do­po il tri­pli­ce fi­schio, con Guaz­zo a rap­por­to sot­to il set­to­re ospi­ti per un chia­ri­men­to ne­ces­sa­rio ma nem­me­no trop­po aspro nei to­ni, an­che se c'è da im­ma­gi­na­re che le po­le­mi­che in set­ti­ma­na non man­che­ran­no, po­le­mi­che dal­le qua­li l'at­tac­can­te fa­reb­be be­ne a di­sin­te­res­sar­si. An­che per­ché il suo so­sti­tu­to, Ba­raye, il gol del­lo 0-3 lo ha tro­va­to an­che in bel­lo sti­le met­ten­do a se­de­re il por­tie­re, lui che ma­ga­ri si sa­reb­be aspet­ta­to di par­ti­re dal 1' e, con il gol, ha vo­lu­to ri­can­di­dar­si con for­za al­la ma­glia da ti­to­la­re.

Il For­lì fer­ma­to a Ra­ven­na: ora i pun­ti di van­tag­gio di Apol­lo­ni sul­la se­con­da so­no sei

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.