«La­vez­zi e Ibra tor­na­no da noi Pa­pà? Al­le­ne­rà una gran­de»

Da­vi­de Lip­pi, pro­cu­ra­to­re e fi­glio dell’ex ct az­zur­ro ci an­ti­ci­pa af­fa­ri e trat­ta­ti­ve «Mou lo ve­do al Psg Pe­pi­to Ros­si de­ve gio­ca­re Bo­lo­gna piaz­za idea­le»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Da Prima Pagina - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re

Una mi­ni­va­can­za ame­ri­ca­na, il cel­lu­la­re sem­pre ac­ce­so e il mer­ca­to che in­com­be. Da­vi­de Lip­pi è cre­sciu­to co­me fi­glio d’ar­te, ma og­gi è mol­to di più. «L’espe­rien­za pro­fes­sio­na­le in Ci­na di mio pa­dre ci ha fat­to co­no­sce­re me­glio dal pun­to di vi­sta pro­fes­sio­na­le e non più so­lo da pa­dre e fi­glio. Og­gi fra le at­te­se del 2016 c’è an­che quel­la di una pan­chi­na tra le pri­me die­ci d’Eu­ro­pa per... Mar­cel­lo Lip­pi. Si muo­ve­rà tan­to, an­che a giu­gno. E mio pa­dre ha una fa­me e una vo­glia di uno con vent’an­ni di me­no. Non lo di­co da fi­glio, ma da ad­det­to ai la­vo­ri».

Una mi­ni­va­can­za ame­ri­ca­na, il cel­lu­la­re sem­pre ac­ce­so e il mer­ca­to che in­com­be. Da­vi­de Lip­pi è cre­sciu­to co­me fi­glio d’ar­te, ma og­gi è mol­to di più. «L’espe­rien­za pro­fes­sio­na­le in Ci­na di mio pa­dre ci ha fat­to co­no­sce­re me­glio dal pun­to di vi­sta pro­fes­sio­na­le e non più so­lo da pa­dre e fi­glio. Og­gi fra le at­te­se del 2016 c’è an­che quel­la di una pan­chi­na tra le pri­me die­ci d’Eu­ro­pa per... Mar­cel­lo Lip­pi. Si muo­ve­rà tan­to, an­che a giu­gno. E mio pa­dre ha una fa­me e una vo­glia di uno con vent’an­ni di me­no. Non lo di­co da fi­glio, ma da ad­det­to ai la­vo­ri».

Che mer­ca­to di gen­na­io dob­bia­mo aspet­tar­ci?

«Il mer­ca­to di gen­na­io è par­ti­co­la­re. Ci so­no squa­dre che de­vo­no fa­re per mi­glio­rar­si o per di­ven­ta­re un po’ più “lun­ghe” nel­le scel­te. Pen­so al­la Fio­ren­ti­na, al­la Ro­ma, al Milan, al Na­po­li. Gen­na­io po­trà ser­vi­re an­che mol­to a pre­pa­ra­re giu­gno. Ci sa­ran­no di­ver­si gio­ca­to­ri in sca­den­za di con­trat­to».

Nes­su­no an­ti­ci­pe­rà l’ad­dio?

«Mi ver­reb­be da di­re La­vez­zi. Cer­to che La­vez­zi a sca­den­za è una gran­de op­por­tu­ni­tà, an­che se im­ma­gi­no che la­vo­ra­re sull’in­te­sa per l’in­gag­gio non sa­rà sem­pli­ce».

Do­ve po­treb­be an­da­re La­vez­zi, se tor­nas­se in Ita­lia?

«La­vez­zi per me è straor­di­na­rio. Uno co­me lui può an­da­re all’In­ter, al­la Ju­ve. A me pia­ce­reb­be ve­der­lo al­la Ro­ma».

Un af­fa­re in Ita­lia a gen­na­io?

«Giu­sep­pe Ros­si do­vrà an­da­re a gio­ca­re. Per ca­pi­re se è tor­na­to il cam­pio­ne che ab­bia­mo vi­sto».

Do­ve?

« In Ita­lia io ve­drei be­ne il Bo­lo­gna per lui, co­me piaz-

za. Se no la Spa­gna».

La Fio­ren­ti­na pren­de­rà Li­san­dro Lo­pez?

«Ci stan­no la­vo­ran­do, non è fa­ci­le. Ma sì, può es­se­re lui l’ac­qui­sto».

L’In­ter può pren­de­re Diar­ra?

«Al­tra trac­cia cre­di­bi­le».

C’è mol­to fer­men­to an­che sul­le panchine. So­prat­tut­to in chia­ve giu­gno ma non so­lo...

«Ci so­no gran­di squa­dre, tra le più gran­di d’Ita­lia e del re­sto d’Eu­ro­pa che cam­bie­ran­no al­le­na­to­re o lo han­no già cam­bia­to. An­ce­lot­ti al Bayern è già uf­fi­cia­liz­za­to, il Chel­sea e il Ci­ty cam­bie­ran­no, Uni­ted e Real so­no in fer­men­to, il Psg di­scu­te il rin­no­vo con Blanc ma per me lì po­treb­be fi­ni­re Mou­ri­n­ho. Da noi la Ro­ma e il Milan. E io non sa­rei nean­che cer­to che Al­le­gri re­sti al­la Ju­ve, an­che se ora sem­bra dif­fi­ci­le pen­sar­lo al­tro­ve».

Gran­di panchine e gran­di al­le­na­to­ri.

«As­so­lu­ta­men­te sì, cre­do che quel­lo dei tec­ni­ci sa­rà un mer­ca­to av­vin­cen­te, for­se più che tra i gio­ca­to­ri. C’è Con­te, c’è Guar­dio­la, c’è Si­meo­ne, ab­bia­mo det­to di Mou e di Al­le­gri. E ce ne è uno che mi sta mol­to a cuo­re...».

Mar­cel­lo Lip­pi do­ve sa­rà nel 2016?

«Su una di que­ste gran­di panchine. Me lo au­gu­ro. Fos­se per me io gli di­rei di guar­da­re all’este­ro. Ma non pon­go li­mi­ti per­ché gli ve­do una ca­ri­ca ad­dos­so...».

Ma il Ci­ty non è già si­ste­ma­to con Guar­dio­la?

«Co­sì sem­bra. Ma io da Guar­dio­la mi aspet­to tut­to: an­che che re­sti fer­mo o che al­la fi­ne va­da al­lo Uni­ted».

Quan­do ve­dre­mo Can­na­va­ro

su una pan­chi­na di se­rie A?

«Can­na­va­ro al Guang­z­hou lo ha vo­lu­to pa­pà quan­do ha de­ci­so di fa­re il di­ret­to­re tec­ni­co. Mi pia­ce in cam­po e mi pia­ce la per­so­na­li­tà di Fa­bio, è una del­le do­ti che un tec­ni­co de­ve ave­re. Io so­no uno di quel­li che cre­de che esi­sto­no i Mon­tel­la e i Man­ci­ni, dal cam­po al­la gran­de pan­chi­na. Ma che è me­glio fa­re una ga­vet­ta per gra­di: lo di­co e pen­so a tec­ni­ci gio­va­ni che se­guo, co­me Broc­chi, Ra­stel­li, Stel­lo­ne. Pro­ce­den­do per gra­di si cre­sce me­glio».

L’al­le­na­to­re ri­ve­la­zio­ne in Ita­lia?

«Più di Sar­ri, che co­no­sce­vo e che a pro­po­si­to del­la ga­vet­ta di cui par­la­vo è un esem­pio straor­di­na­rio, di­co Pau­lo Sou­sa. E bra­va la Fio­ren­ti­na a con­ser­va­re nel cam­bio tec­ni­co la ca­rat­te­ri­sti­ca di vo­ler gio­ca­re con la pal­la tra i pie­di. Lui è mol­to bra­vo e ha un gran­de staff».

Il gio­ca­to­re che ha cam­bia­to ma­glia la scor­sa e sta­te e ha man­te­nu­to o su­pe­ra­to le at­te­se?

«Dy­ba­la. E mi pia­ce mol­to an­che Bac­ca».

Un cal­cia­to­re da por­ta­re in Ita­lia dal­la Ci­na?

« Zhang Lin­peng del Guang­z­hou. E’ il ca­pi­ta­no, lo chia­ma­vo il pic­co­lo Ser­gio Ra­mos co­me po­ten­zia­li­tà fi­si­che. Vor­rei ve­der­lo cre­sce­re ul­te­rior­men­te sul­le ca­ren­ze tat­ti­che. An­che il co­rea­no Kim, sem­pre del Guang­z­hou, un al­tro di­fen­so­re, è mol­to bra­vo. Ma non è fa­ci­le por­ta­re in Eu­ro­pa i top dal­la Ci­na: gua­da­gna­no mol­to e chi li pren­de non è di­spo­sto a spen­de­re al­tret­tan­to di in­gag­gio».

E qua­le ita­lia­no por­te­reb­be in Ci­na?

« Lo ho fat­to con Gi­lar­di­no e Dia­man­ti ed è an­da­ta be­ne. Ma cal­ci­sti­ca­men­te mi sem­bra un Pae­se per su­da­me­ri-

ca­ni e afri­ca­ni».

Ri­schia­mo di per­de­re i no­stri gio­va­ni, at­trat­ti dal­le si­re­ne este­re. Be­rar­di, Man­dra­go­ra e Ber­nar­de­schi, li ve­dre­mo an­dar via?

«Io cre­do che la Ju­ve non si fa­rà scap­pa­re Be­rar­di. Ber­nar­de­schi mi ri­sul­ta che piac­cia mol­to al Bayern, quan­do si muo­vo­no cer­ti club bi­so­gna ve­de­re che ar­go­men­ti por­ta­no... Ma non bi­so­gna per­der­lo. Per Man­dra­go­ra è di­ver­so: me­glio che pri­ma fac­cia un cam­pio­na­to di A nel suo club, il Ge­noa. La ve­ri­tà è che do­po qual­che an­no ri­co­min­cia­mo ad ave­re gio­va­ni mol­to in­te­res­san­ti e do­vre­mo “di­fen­der­li” dal­la Pre­mier che con il nuo­vo con­trat­to tv ha ri­sor­se enor­mi».

Chi vin­ce lo scu­det­to?

«Pri­ma di In­ter-La­zio avrei det­to l’In­ter. Ora mi sem­bra che ab­bia mo­stra­to un fian­co di vul­ne­ra­bi­li­tà e la Ju­ve, che ha for­za e cat­ti­ve­ria ago­ni­sti­ca, può ap­pro­fit­tar­ne. Sa­rà cor­sa a tre an­che con il Na­po­li».

Chi vin­ce l’Eu­ro­peo?

«Mi pia­ce Con­te che la­vo­ra sul­la te­sta dei gio­ca­to­ri. At­ten­ti all’Ita­lia. E poi di­co il Bel­gio. Le al­tre gran­di non le no­mi­no: Fran­cia, Spa­gna e Ger­ma­nia ar­ri­va­no sem­pre».

Cri­stia­no Ro­nal­do può an­da­re da An­ce­lot­ti?

«Io ora non lo ve­do lon­ta­no da Madrid. Ma con cam­pio­ni che muo­vo­no cer­ti sol­di può suc­ce­de­re tut­to».

Un col­po a giu­gno per l’Ita­lia?

«Ibra che fa sce­glie­re il cuo­re e tor­na al Milan».

Un de­si­de­rio per il 2016?

« Pos­so dir­ne due? Mar­cel­lo Lip­pi su una di quel­le panchine che di­ce­va­mo. E Ste­fa­no Sa­bel­li del Ba­ri in se­rie A».

Da­vi­de Lip­pi (38 an­ni, a de­stra) con il suo as­si­sti­to Chiel­li­ni (30)

BARTOLETTI

Da­vi­de Lip­pi, 38 an­ni, agen­te dal ‘99 do­po un’espe­rien­za nell’area mar­ke­ting Ju­ven­tus

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.