Jor­dan: Ko­be, sei sta­to gran­de co­me me

MJ ac­co­glie Bryant a Char­lot­te con un vi­deo mes­sag­gio: «Sei un fra­tel­lo mi­no­re»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Sci - Di Ro­ber­to Zan­ni ©RIPRODUZIONE RISERVATA

In Ita­lia è di­ven­ta­to “Il so­gno di Cal­vin”, ma il ti­to­lo ori­gi­na­le di quel film del 2002 era “Li­ke Mi­ke”, e co­sì è sta­ta la car­rie­ra di Ko­be Bryant: co­me “Mi­ke Mi­chael Jor­dan”. Black Mam­ba l’ha stu­dia­to, in­se­gui­to, imi­ta­to in tut­ti gli aspet­ti. C’è an­che un vi­deo, si chia­ma “Iden­ti­cal plays”, che mo­stra le gio­ca­te si­mi­li, an­zi pro­prio iden­ti­che, che uni­sco­no le due star: ti­ro, fin­te, schiac­cia­te, per­si­no la fa­mo­sis­si­ma lin­gua di fuo­ri, il di­to che di­ce di no e le ce­le­bra­zio­ni sul cam­po. Cam­bia so­lo il nu­me­ro di ma­glia e la ni­ti­dez­za del­le im­ma­gi­ni, il re­sto è una fo­to­co­pia.

An­che la let­te­ra d’ad­dio scrit­ta da Bryant il me­se scor­so ave­va avu­to un pre­ce­den­te, nel 2003 (al­lo­ra fu per l’ul­ti­ma par­ti­ta) di Mi­chael Jor­dan na­tu­ral­men­te: iden­ti­co an­che qui l’ini­zio, “Dear Ba­sket­ball” e si­mi­le il con­te­nu­to. Bryant ha sem­pre vo­lu­to emu­la­re Jor­dan, l’ha su­pe­ra­to an­che, nel­la clas­si­fi­ca dei mar­ca­to­ri di tut­ti i tem­pi. Non ce l’ha fat­ta in­ve­ce per gli anel­li: cin­que con­tro i sei di “His Royal Air­ness”. Ma con Sua Al­tez­za Rea­le c’è sta­to sem­pre un rap­por­to di ami­ci­zia

Quel­lo che po­chi ri­cor­da­no è che tra il 2001 e il 2003, quan­do MJ gio­ca­va a Wa­shing­ton, Ko­be ave­va con­fes­sa­to che gli sa­reb­be pia­ciu­to fir­ma­re con i Wi­zards al­la sca­den­za del con­trat­to con i La­kers, nel 2004, per po­ter an­da­re in cam­po al fian­co del suoi ido­lo. Il so­gno sva­nì quan­do Jor­dan, al­la fi­ne del 2002-03, si ri­ti­rò. E KB ri­ma­se a Los An­ge­les, per di­chia­ra­re tem­po do­po: «Avrem­mo po­tu­to co­strui­re un gran­de team io e Mi­chael. E avrem­mo po­tu­to vin­ce­re tan­ti cam­pio­na­ti...».

CO­ME ME. Pro­prio MJ è sta­to tra i pri­mi (se non il pri­mo) a sa­pe­re dei pro­po­si­ti di ri­ti­ro di Bryant, l’esta­te scor­sa. Quante vol­te so­no sta­ti vi­sti an­da­re a ce­na as­sie­me, nei lo­ca­li al­la mo­da di Los An­ge­les? Da Ma­stro’s Stea­khou­se, il ri­sto­ran­te del­le celebrities di Be­ver­ly Hills, c’è sem­pre un ta­vo­lo per Black Mam­ba e MJ. E se le in­ter­vi­ste di Jor­dan so­no più ra­re del­le vit­to­rie dei La­kers di og­gi, lu­ne­dì se­ra il più gran­de, da pa­dro­ne di ca­sa e de­gli Hor­ne­ts, ha vo­lu­to ri­ser­va­re un tri­bu­to spe­cia­le (poi la sua squa­dra ha an­che vin­to...) al suo ere­de, co­me mai si era vi­sto fa­re da un Nu­me­ro Uno: un lun­go vi­deo-mes­sag­gio tra­smes­so pri­ma del­la par­ti­ta a Char­lot­te do­ve gio­ca­va­no i La­kers.

Bryant al Draft del 1996 fu scel­to pro­prio da­gli Hor­ne­ts, ma con quei co­lo­ri ci ri­ma­se giu­sto il tem­po di met­ter­si il cap­pel­li­no in te­sta e poi to­glier­se­lo e an­da­re a Los An­ge­les. In que­sta tap­pa del tour d’ad­dio, Ko­be, se­du­to a bor­do cam­po, ha sen­ti­to con or­go­glio le pa­ro­le del suo mae­stro. Pa­ro­le di ri­spet­to e am­mi­ra­zio­ne per il «fra­tel­lo più pic­co­lo», e poi quel­lo che Bryant si aspet­ta­va di sen­ti­re da sem­pre: «So­no si­cu­ro - ha det­to MJ - che sei co­me me». Due leg­gen­de, una che da stel­la dei par­quet si è tra­sfor­ma­to in ric­chis­si­mo bu­si­ness­man e pro­prie­ta­rio di una fran­chi­gia NBA, l’al­tra il cui fu­tu­ro, una vol­ta smes­so di gio­ca­re, an­che Jor­dan è si­cu­ro sa­rà di suc­ces­so.

«So­no sta­to sem­pre il tuo fra­tel­lo mag­gio­re - ha det­to MJ - so­no un tuo gran­de ti­fo­so, non ve­do l’ora di sa­pe­re co­sa fa­rai do­po e se avrai bi­so­gno di me il mio nu­me­ro lo co­no­sci...».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.