«La mia cor­sa per gli al­tri»

«Sa­li­te e di­sce­se, la “We Run Ro­me” mi pia­ce Fa­rò la pacer, è una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Atletica - C.d.s. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

- Man­ca­no due gior­ni al­la Atle­ti­com We Run Ro­me 2015 e la no­vi­tà di que­st’an­no sa­rà da­ta dal­la pre­sen­za di 200 Pa­cers Ni­ke, che gui­de­ran­no i po­di­sti ver­so il tra­guar­do se­guen­do un rit­mo pre­sta­bi­li­to. Sa­ran­no fa­cil­men­te di­stin­gui­bi­li ed aiu­te­ran­no i run­ners du­ran­te il per­cor­so.

Al con­tra­rio di un “apri­pi­sta”, che at­tra­ver­sa la li­nea in un tem­po sta­bi­li­to, la mis­sio­ne e la prio­ri­tà del pacer per­so­na­le sa­rà quel­la di so­ste­ne­re il pro­prio com­pa­gno di cor­sa. Pro­prio per con­so­li­da­re una buo­na af­fi­ni­tà ogni al­le­na­men­to del NRC Ro­ma è sta­to so­ste­nu­to dai pa­cers Ni­ke.

Que­st’an­no an­che l’atle­ta az­zur­ra Va­le­ria Stra­neo sa­rà un pacer d’ec­ce­zio­ne ed al ri­guar­do del suo ruo­lo par­ti­co­la­re ci tie­ne a pre­ci­sa­re: «Il pacer, que­st’an­no sa­rà una no­vi­tà, ma per me sa­rà una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà poi­ché non cor­re­rò per sta­bi­li­re il mio tem­po ma la mia cor­sa sa­rà al ser­vi­zio del­la col­let­ti­vi­tà dei run­ners che de­ci­de­ran­no di se­gui­re il tem­po che mi ver­rà as­se­gna­to. E’ ca­ri­no cor­re­re insieme ad al­tre per­so­ne ed è uti­lis­si­mo sia per i run­ners che per i prin­ci­pian­ti. Il pacer ti spro­na a non mol­la­re mai e og­gi in mol­te ma­ra­to­ne è pre­vi­sto il ruo­lo dei pa­cers ed è un im­por­tan­te ser­vi­zio per chi de­ci­de di pren­de­re par­te ad una ga­ra».

SOD­DI­SFA­ZIO­NE. Va­le­ria Stra­neo è mol­to con­ten­ta di es­se­re un pacer al­la cor­sa dell’ul­ti­mo dell’an­no: «Per me sa­rà la pri­ma vol­ta in una ga­ra uf­fi­cia­le e sa­rà mol­to bel­lo. Quan­do io cor­ro vo­glio con de­ter­mi­na­zio­ne an­da­re più ve­lo­ce in­ve­ce do­ma­ni do­vrò met­te­re un mag­gio­re im­pe­gno men­ta­le al fi­ne di non sba­glia­re pas­so e te­ne­re un rit­mo co­stan­te ed al con­tem­po spro­na­re i run­ners a se­guir­mi».

A pro­po­si­to del­la We Run Ro­me Va­le­ria è de­ci­sa.

«E’ una ga­ra che mi pia­ce tan­tis­si­mo è im­pe­gna­ti­va per via del­le sa­li­te e di­sce­se pre­vi­ste dal per­cor­so, Ro­ma è stu­pen­da e cor­re­re per le vie del cen­tro è dav­ve­ro una fe­sta per­ché sa­rà en­tu­sia­sman­te cor­re­re con al­tre mi­glia­ia di run­ners. Tut­ti gli iscrit­ti non ri­mar­ran­no de­lu­si dall’at­mo­sfe­ra che si vi­vrà e sa­rà un po­me­rig­gio ma­gi­co per­ché de­ci­de­re di chiu­de­re co­sì l’an­no è dav­ve­ro un mo­men­to uni­co»

Un ul­ti­mo pen­sie­ro è ri­vol­to al suo fu­tu­ro. « Il 2015 non è sta­to per me un buon an­no, per via de­gli in­for­tu­ni e chiu­der­lo di cor­sa sa­rà sen­za dub­bio di buon au­spi­cio, vo­glio fi­ni­re l’an­no cor­ren­do e vo­glio con­ti­nua­re a cor­re­re be­ne per tut­to il 2016 per­ché è l’an­no olim­pi­co ed è un tra­guar­do mol­to im­por­tan­te. In­fat­ti per pren­de­re par­te al­le pros­si­me Olim­pia­di è ne­ces­sa­rio ot­te­ne­re il tem­po mi­ni­mo, che per la ma­ra­to­na è fis­sa­to in due ore e 45 mi­nu­ti. Do­po la We Run Ro­me nel me­se di gen­na­io per pre­pa­ra­re al me­glio la sta­gio­ne ago­ni­sti­ca an­drò in Ke­nya per tre set­ti­ma­ne ed a feb­bra­io fa­rò senz’al­tro una mez­za ma­ra­to­na. Poi a mar­zo an­drò a fa­re una ma­ra­to­na in Giap­po­ne il 13 mar­zo. Suc­ces­si­va­men­te an­drò ad Am­ster­dam per gli Eu­ro­pei che sa­ran­no per me un ve­ro ban­co di pro­va per le Olim­pia­di, in­som­ma un an­no di buo­na cor­sa, ma ora pen­se­rò a chiu­de­re be­ne il 2015 cor­ren­do per le vie di Ro­ma la We Run Ro­me».

«È una no­vi­tà, l’im­pe­gno men­ta­le sa­rà an­che mag­gio­re ri­spet­to a una ga­ra nor­ma­le»

«Non pos­so sba­glia­re pas­so de­vo te­ne­re un rit­mo co­stan­te e spro­na­re i run­ners»

ISCRI­ZIO­NI. Og­gi è l’ul­ti­mo gior­no uti­le per po­ter­si iscri­ve­re. Lo si può an­co­ra fa­re esclu­si­va­men­te on­li­ne sul por­ta­lew­ww.we­run­ro­me2015.com, (sal­vo esau­ri­men­to dei 10.000 po­sti di­spo­ni­bi­li). Da­ta la gran­de ri­chie­sta, so­no sta­ti at­ti­va­ti al­tri tre pun­ti iscri­zio­ne, al­lo Sta­dio del­le Ter­me di Ca­ra­cal­la in Lar­go Vit­ti­me del ter­ro­ri­smo 1, da LBM Sport in Via Tu­sco­la­na 187A e da Atle­ti­com, in Via Mon­ti del­la Far­ne­si­na 77. Le iscri­zio­ni so­no co­mun­que li­mi­ta­te ai pri­mi 10.000, nel caso in cui si rag­giun­ga il li­mi­te di par­te­ci­pan­ti non po­trà es­se­re ga­ran­ti­ta la ta­glia del­la ma­glia.

«È sta­to un brut­to 2015 per me a cau­sa de­gli in­for­tu­ni ma pen­so a un an­no mi­glio­re»

«Mi pre­pa­re­rò in Ke­nya e poi in Giap­po­ne. Eu­ro­pei ban­co di pro­va per l’Olim­pia­de di Rio»

Va­le­ria Stra­neo, 39 an­ni, in ma­glia az­zur­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.