Chiel­li­ni: La no­stra iden­ti­tà an­che in Cop­pa ita­lia

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Juventus - F.bon. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

- «Pau­lo è un ra­gaz­zo mol­to tran­quil­lo, ar­ri­va­to in pun­ta di pie­di, con gran­de umiltà, con la stof­fa del cam­pio­ne. È sta­to mol­to bra­vo a tra­sfor­ma­re le po­ten­zia­li­tà, che si so­no vi­ste su­bi­to, fin dai pri­mi gior­ni del ri­ti­ro, in real­tà. Per­ché in que­sti ul­ti­mi due me­si è ve­ra­men­te de­ci­si­vo in ogni par­ti­ta». L'en­ne­si­ma in­ve­sti­tu­ra per Dy­ba­la, l'uo­mo del mo­men­to in ca­sa Juve ar­ri­va da Gior­gio Chiel­li­ni, uno dei «se­na­to­ri» del­lo spo­glia­to­io. «La co­sa bel­la di que­sta squa­dra cre­do sia l'am­bien­te, il mo­do in cui si la­vo­ra - ag­giun­ge il di­fen­so­re ai mi­cro­fo­ni di Sky -. E ve­de­re co­me Pau­lo, ma an­che Cua­dra­do e Za­za, ar­ri­va­ti da real­tà mol­to di­ver­se, han­no al­za­to il lo­ro li­vel­lo di al­le­na­men­to e di pre­sta­zio­ni in ma­nie­ra in­cre­di­bi­le». mo gio­ca­re. La co­sa più bel­la è che chi en­tra en­tra e chi gio­ca di me­no, pen­so a Ru­ga­ni, Her­na­nes e Asa­moah, ha sem­pre fat­to gran­di par­ti­te. Que­sto vuol di­re che la squa­dra c'è e sta la­vo­ran­do be­ne». Il suc­ces­so sul­la Ro­ma ha un pe­so enor­me nell'eco­no­mia del­la rin­cor­sa al Na­po­li: «Do­po die­ci vit­to­rie è sem­pre più dif­fi­ci­le con­ti­nua­re a vin­ce­re e non scor­dia­mo­ci che Juve-Ro­ma è sta­ta la par­ti­ta scu­det­to de­gli ul­ti­mi an­ni - pro­se­gue Chiel­li­ni -. Quin­di non era una par­ti­ta co­me le al­tre, an­che se i 3 pun­ti ot­te­nu­ti so­no gli stes­si con­qui­sta­ti con­tro l'Udi­ne­se». Sul­la cor­sa al ti­to­lo, il cen­tra­le ju­ven­ti­no spie­ga: «Le al­tre squa­dre so­no vi­ci­ne, quin­di può suc­ce­de­re ve­ra­men­te di tut­to. È chia­ro che il Na­po­li è fa­vo­ri­to pe­rò da­re per mor­te l'In­ter e la Fio­ren­ti­na mi sem­bre­reb­be sba­glia­to. Se aves­se fat­to ri­sul­ta­to con­tro di noi, la Ro­ma avreb­be avu­to an­co­ra le po­ten­zia­li- tà per rien­tra­re; ades­so do­vreb­be fa­re un mi­ra­co­lo spor­ti­vo».

COP­PA ITA­LIA. Ora i bian­co­ne­ri han­no già nel mi­ri­no la se­mi­fi­na­le di an­da­ta di Cop­pa Ita­lia. Do­ma­ni con­tro l'In­ter, Al­le­gri po­trà an­co­ra una vol­ta do­sa­re le ener­gie del grup­po con il tur­no­ver. Squa­li­fi­ca­to Za­za, in at­tac­co è si­cu­ro l'im­pie­go dall'ini­zio di Mo­ra­ta, al­la ri­cer­ca del gol per­du­to da 19 par­ti­te. Al suo fian­co uno tra Dy­ba­la e Man­d­zu­kic. Tra i pa­li ci sa­rà an­co­ra una vol­ta Ne­to, por­tie­re di cop­pa, men­tre Cua­dra­do do­vreb­be par­ti­re ti­to­la­re a de­stra al po­sto di Li­ch­tstei­ner. Pos­si­bi­le an­che qual­che va­ria­zio­ne a me­tà cam­po, con i bal­lot­tag­gi Khe­di­ra-Stu­ra­ro e Mar­chi­sioHer­na­nes. In di­fe­sa pos­si­bi­le una chan­ce per Ca­ce­res o Ru­ga­ni.

Squa­li­fi­ca­to Za­za, spa­zio a Mo­ra­ta che non se­gna da di­cian­no­ve ga­re In por­ta toc­ca a Ne­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.