Buf­fon: La­sce­rò do­po il Mon­dia­le 2018

Il por­tie­re bian­co­ne­ro: «Dy­ba­la ha sor­pre­so tut­ti. Il se­gre­to del Na­po­li è an­che Rei­na»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Juventus - Di Fu­rio Fe­de­le ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Po­te­va e do­ve­va es­se­re lui, Gi­gi Buf­fon, lo « Spor­ti­vo dell’An­no 2015» che ie­ri se­ra ha ri­ce­vu­to qui a Mi­la­no il pre­mio de­di­ca­to a Gian­ni Bre­ra. Pron­to a con­ce­de­re il «bis» se la sua Juve do­ves­se con­ti­nua­re a ma­ci­na­re vit­to­rie an­che nel 2016. Ma ie­ri Buf­fon ha an­che an­nun­cia­to il mo­men­to in cui di ri­ti­re­rà dal­la ri­bal­ta ago­ni­sti­ca ri­spon­den­do a Bep­pe Ma­rot­ta che ave­va ri­ba­di­to: «Buf­fon ha car­ta bian­ca, è arbitro del suo de­sti­no. Po­trà re­sta­re qui fi­no a quan­do vor­rà». Co­sì Gi­gi: «Il di­ret­to­re ha det­to co­sì per­chè ha... an­nu­sa­to che se riu­sci­rò a spin­ger­mi fi­no al Mon­dia­le del 2018 an­drò avan­ti, poi ca­le­rà la sa­ra­ci­ne­sca». Cioè a 40 an­ni.

RE­CORD. Un­di­ci vit­to­rie con­se­cu­ti­ve in cam­pio­na­to, pe­rò, non sa­zia­no an­co­ra i bian­co­ne­ri. «È una Juve che sta si­cu­ra­men­te vi­ven­do un mo­men­to ec­ce­zio­na­le - ha am­mes­so Buf­fon - per­ché 11 vit­to­rie con­se­cu­ti­ve non le con­qui­sti se non sei al mas­si­mo del­la for­ma psi­co­fi­si­ca. Pe­rò, co­me in tut­te le co­se, bi­so­gna sta­re mol­to at­ten­ti per­ché an­che i re­cord e le “strisce” di vit­to­rie so­no de­sti­na­te pri­ma o poi a fi­ni­re, per cui dob­bia­mo cer­ca­re di al­lun­ga­re il più pos­si­bi­le que­sta stri­scia, per cer­ca­re di met­te­re del fie­no in ca­sci­na per i pe­rio­di più bui».

SU­PER-DY­BA­LA. Il «fan­ta­sma» di Te­vez è scom­par­so qua­si su­bi­to di fron­te al suo gio­va­ne con­na­zio­na­le. «Dy­ba­la ave­va già fat­to in­trav­ve­de­re l'an- no scor­so un qual­co­sa di straor­di­na­ria­men­te im­por­tan­te e bel­lo - ha com­men­ta­to Buf­fon - È chia­ro che ve­der­lo in una so­cie­tà di pro­vin­cia è di­ver­so ri­spet­to che ve­der­lo re­pli­ca­to al­la Ju­ven­tus. Que­sto è un qual­co­sa che sor­pren­de tut­ti per­ché in po­chis­si­mo tem­po si è ap­pro­pria­to del­le fa­se rea­liz­za­ti­va e fi­na­liz­za­ti­va del­la squa­dra».

SCU­DET­TO. Buf­fon è con­vin­to che la cor­sa ver­so lo Scu­det­to sa­rà sem­pre piut­to­sto af­fol­la­ta. «Non si può di­re che sia un di­scor­so a due, Na­po­li e Ju­ven­tus, per­ché que­st'an­no ci so­no sta­ti pa­rec­chi col­pi di sce­na - ha det­to - e non c'è mai sta­ta una squa­dra che ha do­mi­na­to e ca­peg­gia­to la gra­dua­to­ria per lun­go tem­po. Per cui cre­do che le due squa­dre che ades­so so­no da­van­ti lo me­ri­ti­no. Da qui a di­re che il duel­lo sa­rà Juve-Na­po­li fi­no al­la fi­ne ne cor­re tan­to». L’in­sul­to... di De Ros­si a Man­d­zu­kic du­ran­te Juve-Ro­ma ha fat­to di­scu­te­re: «Ogni tan­to in cam­po noi com­met­tia­mo de­gli er­ro­ri, pe­rò quan­do hai la te­le­ca­me­ra ad­dos­so che ti co­glie in... fal­lo, è chia­ro che de­vi chie­de­re scu­sa».

Buf­fon si è com­pli­men­ta­to con Pepe Rei­na che sta con­tri­buen­do al­le for­tu­ne del Na­po­li. «Se il Na­po­li ha que­sta po­si­zio­ne in clas­si­fi­ca - ha am­mes­so Gi­gi - mol­to lo de­ve al suo por­tie­re per­ché ol­tre al­le do­ti che tut­ti gli ri­co­no­scia­mo, tec­ni­che e qua­li­ta­ti­ve, ha un ca­ri­sma che se­con­do me in un am­bien­te e in uno spo­glia­to­io co­me quel­lo di Na­po­li è per­fet­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.