DE LAU­REN­TIIS «Due col­pi su­bi­to e uno a giu­gno»

«L’Em­po­li non mol­la Tonelli, noi strin­gia­mo per Bar­ba»

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Napoli - Di An­to­nio Gior­da­no ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Gras­si che co­la­no: per­ché il mer­ca­to, ades­so, re­sta in­chio­da­to nel­le ri­fles­sio­ni del mo­men­to, aspet­tan­do i rin­toc­chi del Big Ben. « Io ho stan­zia­to la ci­fra uti­le per ar­ri­va­re ad un gio­ca­to­re im­por­tan­te, ma ci sia­mo im­bat­tu­ti in dif­fi­col­tà no­te a tut­ti. E co­mun­que ar­ri­ve­ran­no due cal­cia­to­ri e nes­su­no può sa­pe­re, ad esem­pio, se ne ho già bloc­ca­to un al­tro per giu­gno». E gras­so che co­la: per­ché la clas­si­fi­ca, ora, la­scia che si re­sti fe­li­ce­men­te ag­grap­pa­ti ad un so­gno, la Ju­ven­tus due pun­ti più in là, l’In­ter e la Fio­ren­ti­na a quat­tro, dun­que una fa­vo­la che si può scri­ve­re, qua­si una sce­neg­gia­tu­ra da in­ven­tar­si per ten­ta­re di dir­si « L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa». « Ma la stra­da è lun­ga ed è pre­sto di­re che sa­rà una sfi­da tra noi e la Ju­ven­tus. So­no tan­te le squa­dre che pos­so­no com­pe­te­re fi­no all’ul­ti­ma gior­na­ta». OC­CHIO. Ciak, si vo­la: ed è un ra­pi­do viag­gia­re tra il cal­cio e il ci­ne­ma, è un on­deg­gia­re (di Au­re­lio De Lau­ren­tiis) fra Ver­do­ne-Al­ba­ne­se ed i suoi quat­tro moschettieri di Ma­ras­si, è una ri­cer­ca dell’esta­si in cel­lu­loi­de pe­rò an­che dal vi­vo, per­ché sem­bra che il co­pio­ne del cam­pio­na­to (but­ta­to giù dal Na­po­li di Sar­ri) of­fra una chan­ces, an­zi qual­co­sa in più. «Ma io so­no pro­iet­ta­to all’Em­po­li, che non va pre­so sot­to­gam­ba, co­me te­sti- mo­nia­no i ri­sul­ta­ti. E co­mun­que sia­mo at­ten­ti all’evo­lu­zio­ne del mer­ca­to, a quel che suc­ce­de: Giun­to­li e Chia­vel­li stan­no la­vo­ran­do be­ne, ar­ri­ve­ran­no ele­men­ti fun­zio­na­li al pro­get­to. Gras­si de­ve sot­to­por­si al­le vi­si­te me­di­che pri­ma dell’an­nun­cio uf­fi­cia­le e stia­mo cer­can­do un di­fen­so­re cen­tra­le. Sar­ri non par­la di mer­ca­to e co­mun­que non ha det­to che non vuo­le cal­cia­to­ri dell’Em­po­li». Nel­le pa­ro­le bi­so­gna ca­ta­pul­tar­si: Bar­ba o Tonelli? Tonelli o Bar­ba? «Per l’Em­po­li Tonelli è in­ce­di­bi­le, og­gi; re­sta in pie­di la trattativa per Bar­ba».

TOP PLAYER. Fi­ni­rà, pri­ma o poi, que­st’in­ver­no co­me sem­pre rovente, at­tra­ver­sa­to aspet­tan­do «il col­po»: è il cal­cio che ri­ma­ne in­col­la­to al­le sue abi­tu­di­ni, al­le sue ten­den­ze, all’esi­gen­za di emo­zio­ni che si av­ver­to­no (pu­re) con la fie­ra dei so­gni dal­la qua­le De Lau­ren­tiis, al­la pre­sen­ta­zio­ne di « L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa», non si sot­trae. «Ci ab- bia­mo pro­va­to: ho stan­zia­to una som­ma ri­le­van­te, ma quan­do si trat­ta bi­so­gna ve­ri­fi­ca­re se c’è nel­la con­tro­par­te la vo­lon­tà di ce­de­re. Pen­sa­te a Mak­si­mo­vic, ad esem­pio. Ma co­mun­que non è det­to che si sa­reb­be tro­va­to be­ne nel gio­co di Sar­ri. Con­ti­nuo a pen­sa­re che la so­lu­zio­ne mi­glio­re sia la­vo­ra­re su gio­va­ni di pro­spet­ti­va....Que­sto Na­po­li la­vo­ra con di­li­gen­za e con ap­pli­ca­zio­ne, che so­no si­no­mi di amo­re ver­so la cit­tà. Ab­bia­mo una squa­dra che dal­la quar­ta gior­na­ta qua­si non si è fer­ma­ta più, è usci­ta dal­la cop­pa Ita­lia, ve­ro, ma è com­pli­ca­to lot­ta­re su tre fron­ti».

«I NO­STRI EROI». Poi si ri­co­min­ce­rà a gio­ca­re, si smet­te­rà di ro­vi­sta­re al­tro­ve, di scan­da­glia­re l’uni­ver­so-cal­cio, di aspet­ta­re l’ac­qui­sto a ef­fet­to. «Nel no­stro grup­po fan­ta­sti­co, for­ma­to da cal­cia­to­ri per i qua­li ab­bia­mo ri­ce­vu­to of­fer­te ma che per noi so­no in­toc­ca­bi­li, ci so­no an­che equi­li­bri da te­ner pre­sen­te: com- pri un top player e poi che fai, lo met­ti in pan­chi­na in que­sto Na­po­li ir­re­si­sti­bi­le? Op­pu­re ti­ria­mo fuo­ri qual­cu­no di que­sti ra­gaz­zi che stan­no fa­cen­do tan­to be­ne?».

FI­DA­TE­VI. Ed al­lo­ra, ri­ca­pi­to­lan­do, men­tre Gras­si sta per at­ter­ra­re a Ca­po­di­chi­no e Giun­to­li ten­ta di col­ma­re un bu­co nel cuo­re del­la di­fe­sa, c’è una «pel­li­co­la» di ciò che si è vi­sto dal 2004 in poi e che De Lau­ren­tiis esi­bi­sce co­me rac­co­man­da­zio­ne per il fu­tu­ro. «Sia­mo gli uni­ci a gio­ca­re da sei an­ni in Eu­ro­pa; stia­mo fa­cen­do be­ne e me­glio di co­sì era dif­fi­ci­le im­ma­gi­nar­lo; la de­ci­sio­ne di non ven­de­re nes­su­no e cre­de­re in Sar­ri si è ri­ve­la­ta la scel­ta giu­sta; il ti­fo­so è bu­li­mi­co, ave­vo chie­sto die­ci an­ni per co­strui­re un club so­li­do. Pos­sia­mo di­re di es­se­re riu­sci­ti a rea­liz­za­re quel­lo che vo­le­va­mo e ades­so ce la gio­chia­mo fi­no al­la fi­ne». Per far­la an­co­ra più gros­sa...

«Stia­mo la­vo­ran­do con ap­pli­ca­zio­ne e di­li­gen­za, per ave­re ele­men­ti fun­zio­na­li al no­stro pro­get­to»

Il pre­si­den­te ie­ri con la squa­dra al­la pri­ma del suo film, “L’ab­bia­mo fat­ta gros­sa”

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.