De Gu­z­man, il no­do da scio­glie­re: Swan­sea o Car­pi

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Napoli - Ant. gio. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

no stra­vol­te, per­ché pu­re nel cal­cio c’è l’im­pon­de­ra­bi­le, e quan­do il Na­po­li ha ca­pi­to che avreb­be ri­schia­to di ri­tro­var­si in dif­fi­col­tà, per­ché in­tan­to il de­sti­no le sta­va to­glien­do (per un po’) il centrocampista ap­pe­na ac­qui­sta­to, al­lo­ra è sta­to in­ter­pel­la­to il Ve­ro­na e si è pas­sa­ti al­la fa­se ope­ra­ti­va, che ver­rà de­fi­ni­ta in gior­na­ta, quan­do Io­ni­ta, mol­da­vo e tut­to­fa­re del cen­tro­cam­po, do­vreb­be spo­star­si a Ca­stel Vol­tur­no. Quan­do si di­ce una sor­pre­sa.

Ma la stra­te­gia è nel gio­co del­le par­ti, tra chi cede e chi ac­qui­sta, è il sa­le del mer­ca­to, che quan­do sem­bra stia per an­nun­cia­re un affare s’ac­cor­ge

LO SPRINT. Il Na­po­li cer­ca un di­fen­so­re, vuo­le Bar­ba per­ché ha va­rie qua­li­tà (è gio­va­ne, è man­ci­no, è già den­tro gli sche­mi di Sar­ri) e l’Em­po­li non mol­la, per­ché vuol rea­liz­za­re (quat­tro mi­lio­ni di eu­ro) men­tre l’of­fer­ta vie­ne ri­te­nu­ta an­co­ra in­suf­fi­cien­te. Di­stan­ze non più siderali, am­mes­so lo sia­no mai sta­te: balla un mi­lio­ni­ci­no di eu­ro, co­mun­que la scel­ta d’un so­sti­tu­to che in To­sca­na stan­no cer­can­do e non han­no an­co­ra tro­va­to. Ed al­lo­ra è uno stop & go pe­ren­ne, con fra­si di cir­co­stan­za che si ac­ca­val­la­no e si­len­zi che ten­ta­no di oc­cul­ta­re un ac­cor­do che pa­re nei fat­ti: pe­rò do­me­ni­ca c’è la pal­la al cen­tro e si vor­reb­be chiu­der­la pri­ma. In­tan­to Giun­to­li si è or­ga­niz­za­to, è an­da­to a bus­sa­re al­tro­ve, sem­pre se­guen­do cal­cia­to­ri che ab­bia­no im­pat­to im­me­dia­to gra­zie al­la co­no­scen­za di­ret­ta del me­to­do-Sar­ri: al­la Samp­do­ria c’è Regini, fa l’ester­no di si­ni­stra ma all’oc­cor­ren­za sta pu­re nel cen­tro, dun­que è eclet­ti­co, può (po­treb­be) es­se­re uti­liz­za­to al­tro­ve e co­mun­que ser­ve an­che per met­te­re un po­chi­no di «agi­ta­zio­ne» all’Em­po­li, op­pu­re per ave­re una scor­cia­to­ia at­tra­ver­so la qua­le ar­ri­va­re a quel quar­to di­fen­so­re che in que­sto mo­men­to c’è, ed è il gio­va­ne Lu­per­to.

E AL­LO­RA? L’in­ter­ro­ga­ti­vo che sor­ge spon­ta­neo e che è de­sti­na­to ad es­se­re ri­sol­to in fret­ta, per­ché non si scap­pa poi

Le va­li­gie sul let­to: poi si ve­drà se sa­rà per un lun­go viag­gio, se bi­so­gne­rà an­da­re Ol­tre­ma­ni­ca o spo­star­si ap­pe­na un po’ più a Nord, se tor­na­re do­ve è già sta­to o se sco­pri­re l’ef­fet­to (e l’af­fet­to) del­la sa­na pro­vin­cia ita­lia­na. Pe­rò ci sia­mo, o al­me­no do­vrem­mo es­ser­ci, co­me an­nun­cia­to da un bel po’: e bi­so­gne­rà aspet­ta­re, mi­ca tan­to, per ca­pi­re se lo Swan­sea ha an­co­ra bi­so­gno di De Gu­z­man o se in­ve­ce sa­rà il Car­pi a pren­der­si l’olan­de­si­no vo­lan­te e ten­ta­re nell’im­pre­sa del­la sal­vez­za.

Il mer­ca­to è am­pio, va­rio e si le­ga, a vol­te, a det­ta­gli inim­ma­gi­na­bi­li: pa­re­va non ci fos­se­ro più dub­bi sull’ar­ri­vo di De Gu­z­man al­lo Swan­sea, poi in­ve­ce è mu­ta­ta la sce­na, si so­no mo­di­fi­ca­te le esi­gen­ze e ciò ch’è sta­to - che do­vreb­be es­se­re - di­vie­ne car­ta strac­cia. Il Car­pi aspet­ta, for­te d’un rap­por­to di­ret­to e chia­ra­men­te

Di­fen­so­re: si pro­va a chiu­de­re pri­ma di do­me­ni­ca. Regini re­sta l’al­ter­na­ti­va: la stra­da è aper­ta

so­li­do con Giun­to­li, che pe­rò ie­ri ha sco­per­to di do­ver fron­teg­gia­re un’ina­spet­ta­ta evo­lu­zio­ne del la­st mi­nu­te: dal­la Fran­cia han­no pro­va­to ad in­for­mar­si su Ra­fael, che vor­reb­be una por­ta tut­ta per sé. E’ un’ipo­te­si, nep­pu­re que­sta age­vo­lis­si­ma, per­ché com­por­te­reb­be poi la ri­cer­ca d’un ter­zo, ma ci so­no si­tua­zio­ni com­pli­ca­te da do­mi­na­re ed il de­si­de­rio del cal­cia­to­re - in ca­si del ge­ne­re - fi­ni­sce per in­ci­de­re in ma­nie­ra as­sai ri­le­van­te. CER­CA­SI POR­TIE­RE. Il Na­po­li non può sco­prir­si, al­le spal­le di Rei­na e di Ga­briel, e pri­ma di da­re il via a qual­sia­si di­scor­so ha pre­mu­ra di ac­cer­tar­si che esi­sta un so­sti­tu­to: la per­lu­stra­zio­ne im­me­dia­ta, con il Ve­ro­na per Cop- po­la, è nau­fra­ga­ta, ma se al­le in­ten­zio­ni (di al­lac­cia­re una trattativa) do­ves­se­ro se­gui­re i fat­ti, al­lo­ra si pro­ce­de­reb­be, la­scian­do al bra­si­lia­no la pos­si­bi­li­tà di an­dar­se­la a gio­ca­re. E’ il mo­men­to de­gli ar­ri­ve­der­ci e de­gli ad­dii: il pri­mo è sta­to quel­lo di Ca­mi­lo Zu­ni­ga, fi­ni­to al Bo­lo­gna, pe­rò con tra­sfe­ri­men­to (per il mo­men­to) si­no a giu­gno; poi è toc­ca­to a Ra­do­se­vic, che è tor­na­to al Ri­je­ka (e de­fi­ni­ti­va­men­te); ades­so può sa­lu­ta­re an­che De­zi, per il qua­le è co­min­cia­ta una (lun­ga) chiac­chie­ra­ta con il Ba­ri. Ma sia­mo al­le bat­tu­te fi­na­li, si do­vreb­be pro­ce­de­re con il pre­sti­to sec­co.

Il ds Giun­to­li strin­ge per la ces­sio­ne del me­dia­no. Ra­fael è in bi­li­co: si cer­ca un ter­zo por­tie­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.