Sor­pre­sa: cur­va de­di­ca­ta a Weisz

Lo an­nun­cia il sin­da­co Me­ro­la, che pe­rò...spiaz­za Fe­nuc­ci e Di Va­io

Corriere dello Sport Stadio (Emilia) - - Bologna - Di Mat­teo Fo­gac­ci ©RIPRODUZIONE RISERVATA

BO­LO­GNA. « La cur­va San Lu­ca sa­rà in­ti­to­la­ta ad Ar­pad Weisz. La pre­si­den­te del con­si­glio tra­sfor­me­rà la ri­chie­sta di una scuo­la in or­di­ne del gior­no e so­no con­vin­to che il Con­si­glio co­mu­na­le ap­pro­ve­rà la pro­po­sta». Lo ha an­nun­cia­to ie­ri mat­ti­na il sin­da­co Vir­gi­nio Me­ro­la du­ran­te la com­me­mo­ra­zio­ne dell'al­le­na­to­re ros­so­blù de­gli an­ni 30, con il qua­le la squa­dra vin­se gli scu­det­ti del 1936 e 1937 e il Tro­feo dell'Espo­si­zio­ne di Pa­ri­gi nel 1937. Suc­ces­si­va­men­te a cau­sa del­le leg­gi raz­zia­li, es­sen­do lui di ori­gi­ne ebrea, do­vet­te la­scia­re l'Ita­lia e, do­po la mor­te del­la fa­mi­glia nel 1942 nei for­ni di Bir­ke­nau, an­che lui li se­guì il 31 gen­na­io 1944. La sto­ria stes­sa del gran­de al­le­na­to­re lo po­ne cer­ta­men­te co­me esem­pio di sti­le per tut­ti, non so­lo per gli as­si­dui fre­quen­ta­to­ri del­lo sta­dio e la pro­po­sta non avreb­be avu­to nes­sun ti­po di pro­ble­ma­ti­ca se fos­se sta­ta fat­ta nell'am­bi­to del­la col­la­bo­ra­zio­ne che da tem­po Bo­lo­gna cal­cio e Co­mu­ne stan­no por­tan­do avan­ti spe­cie nel­la ri­strut­tu­ra­zio­ne del­lo sta­dio Dall'Ara. Una uni­tà d'in­ten­ti che, pur la­scian­do in­tat­ta la li­ber­tà del Co­mu­ne di pren­de­re de­ci­sio­ni sul­lo sta­dio che è be­ne di sua pro­prie­tà, ri­chie­de­reb­be da en­tram­be le par­ti la con­cor­dan­za su de­ci­sio­ni fu­tu­re le­ga­te al­la strut­tu­ra. Al­la ce­le­bra­zio­ne era­no pre­sen­ti il club ma­na­ger del Bo­lo­gna Mar­co Di Va­io e l'am­mi- ni­stra­to­re de­le­ga­to Clau­dio Fe­nuc­ci, che pur ri­cor­dan­do Ar­pad Weisz co­me uno de­gli esem­pi più lim­pi­di sia dal pun­to di vi­sta uma­no che por­ta­to­re di no­vi­tà di ti­po tat­ti­co che han­no in­nal­za­to il Bo­lo­gna sul tet­to del cal­cio eu­ro­peo, nul­la sa­pe­va­no di que­sta de­ci­sio­ne. Pu­re l'assessore al­lo sport Lu­ca Riz­zo Ner­vo è sem­bra­to stu­pi­to. La so­cie­tà non è vo­lu­ta in­ter­ve­ni­re sull'ar­go­men­to, ma l'im­pres­sio­ne è che, pur ri­te­nen­do Weisz un pro­ta­go­ni­sta in­di­men­ti­ca­bi­le del­la sua sto­ria, non ri­ten­ga ma­tu­ri i tem­pi per una ri­chie­sta di que­sto ti­po, al­me­no fi­no a quan­do non ver­rà co­mu­ni­ca­ta la de­ci­sio­ne del­la Sovrintendenza sul pro­get­to di ri­strut­tu­ra­zio­ne del Dall'Ara. An­che per­chè al­tri cam­pio­ni, uno su tut­ti An­ge­lo Schia­vo, me­ri­ta­no di ve­nir ri­cor­da­ti all'in­ter­no del­la strut­tu­ra ed è chia­ro che i mol­ti nuo­vi spa­zi che vi po­tran­no na­sce­re, po­treb­be­ro per­met­te­re di af­fron­ta­re la que­stio­ne nel­la sua in­te­rez­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.