«Non ho ob­bli­ghi con nes­su­no quin­di pos­so sem­pre cam­bia­re la mia de­ci­sio­ne»

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Basket Supercoppa - Di An­drea Ra­maz­zot­ti

Flavia Pen­net­ta non ha cam­bia­to idea e la con­vi­zio­ne di in­ter­rom­pe­re la sua car­rie­ra ce l’ha esat­ta­men­te co­me do­po la vit­to­ria dell’US Open, quan­do an­nun­ciò l’ad­dio a fi­ne 2015. Con il pas­sa­re dei gior­ni, pe­rò, la sua cer­tez­za è sem­pre me­no gra­ni­ti­ca e ie­ri, al pa­di­glio­ne del­la Co­ca Co­la all’Ex­po di Mi­la­no, lo ha con­fer­ma­to: «In que­sto mo­men­to so­no mol­to con­ten­ta e se­re­na per­ché da­gli Sta­ti Uni­ti so­no tor­na­ta con­sa­pe­vo­le di aver fat­to una gran­de im­pre­sa. Non mi aspet­ta­vo tan­to amo­re da par­te di gen­te che non co­no­sce­va nep­pu­re le re­go­le del tennis e an­che a Brin­di­si mi han­no det­to che, gra­zie a me, mol­ti ra­gaz­zi han­no abbandonato il cal­cio per ini­zia­re a gio­ca­re a tennis».

Tut­ti que­sti at­te­sta­ti di sti­ma, ar­ri­va­ti da per­so­ne co­mu­ni, ma an­che da per­so­na­li­tà del mon­do del­lo sport, la stan­no fa­cen­do ri­flet­te­re sul suo fu­tu­ro.

«Ci so­no tan­te pres­sio­ni per­ché vor­reb­be­ro che fa­ces­si l’Olimpiade e in par­ti­co­la­re il Co­ni mi sta ad­dos­so... (sor­ri­so, ndr): Ma­la­gò è sem­pre mol­to gen­ti­le e ho ap­prez­za­to il fat­to che sia ve­nu­to a Barcellona per ce­na­re con me per par­la­re con tran­quil­li­tà. Fo­gni­ni? Il mio fi­dan­za­to mi so­stie­ne e ri­spet­ta le mie de­ci­sio­ni. È nor­ma­le che le per­so­ne che mi vo­glio­no be­ne, spe­ri­no che non smet­ta, ma tut­ti ca­pi­sco­no il mio pun­to di vi­sta».

QUEL 2%. La sen­sa­zio­ne è che la par­ti­ta non si an­co­ra fi­ni­ta e che i col­pi di sce­na sia­no an­co­ra pos­si­bi­li.

«Ve­dre­mo quel­lo che suc­ce­de­rà: il 2% di pos­si­bi­li­tà che con­ti­nui c’è ed è co­stan­te. Non ci so­no even­ti o fat­to­ri ester­ni che pos­so­no far­lo au­men­ta­re: la de­ci­sio­ne de­ve ma­tu­ra­re den­tro di me. La mia scel­ta l’ho fat­ta due me­si pri­ma dell’US Open per­ché smet­te­re era quel­lo che ri­te­ne­vo più giu­sto. Co­me ho pre­so que­sta de­ci­sio­ne, pe­rò, pos­so an­che cam­biar­la, vi­sto che non ho ob­bli­ghi con nes­su­no».

L’Olimpiade la ten­ta e il ruo­lo di por­ta­ban­die­ra pro­po­sto da Ma­la­gò sul­la brin­di­si­na eser­ci­ta un cer­to fa­sci­no.

«Il mio obiet­ti­vo in que­sto mo­men­to so­no i tor­nei in Ci­na e la qua­li­fi­ca­zio­ne per il Ma­sters fi­na­le a Sin­ga­po­re. Ro­ber­ta Vin­ci è già par­ti­ta per l’Orien­te e si­cu­ra­men­te quan­do la rag­giun­ge­rò (par­ti­rà do­ma­ni, og­gi sa­rà al­le sfi­la­te di Ar­ma­ni, ndr) e ce­ne­re­mo in­sie­me pro­ve­rà a con­vin­cer­mi a non smet­te­re. Rio 2016? Sa­reb­be la ci­lie­gi­na su una tor­ta per­fet­ta. Tra die­ci an­ni non mi ve­do sen­za tennis per­ché è la mia pas­sio­ne, non il mio la­vo­ro. Vor­rei ri­ma­ne­re in am­bi­to ten­ni­sti­co e in­se­gna­re quel­lo che so. E poi vor­rei ave­re una fa­mi­glia, an­che se per ac­qui­sta­re... un abi­to da spo­sa c’è an­co­ra tem­po».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.