Em­po­li, che sto­ria: quan­do sco­pri­re ta­len­ti è un’ar­te

Il ds Car­li e l’in­du­stria del­le plu­sva­len­ze: da Eder e Ru­ga­ni a Val­di­fio­ri, Hy­saj, Sa­po­na­ra, Tonelli, Bar­ba e Ma­rio Rui

Corriere dello Sport Stadio (Firenze) - - Napoli - Di Fa­bio Mas­si­mo Splen­do­re

Buo­na scuo­la non men­te. Federico Bar­ba sta per an­da­re al Na­po­li. Tut­to va in que­sta di­re­zio­ne. E se le cro­na­che de­gli ul­ti­mi gior­ni rac­con­ta­no che il pri­mo no­me sul­la li­sta del ds Giun­to­li era Lo­ren­zo Tonelli - in­ce­di­bi­le - il gio­va­ne di­fen­so­re scuo­la Ro­ma po­treb­be es­se­re con­si­de­ra­to fret­to­lo­sa­men­te una al­ter­na­ti­va. In real­tà è un in­ve­sti­men­to di­ver­so, più con­te­nu­to, più con­ge­nia­le ad una cop­pia di­fen­si­va col­lau­da­tis­si­ma fi­no­ra co­me Kou­li­ba­lyAl­biol. E’ un ra­gaz­zo che Sar­ri ha avu­to ed evi­den­te­men­te co­no­sce tan­to da da­re l’ok a ri­la­vo­rar­ci as­sie­me. Bar­ba è l’ul­ti­mo anel­lo di una ca­te­na che a Em­po­li pro­du­ce ta­len­ti fat­ti in ca­sa o pic­co­li in­ve­sti­men­ti mi­ra­ti, per mol­ti­pli­ca­re mi­lio­ni. Al­la re­gia di que­sta mac­chi­na per­fet­ta che il pre- si­den­te Fa­bri­zio Cor­si ha mes­so in pie­di c’è Mar­cel­lo Car­li, che è cre­sciu­to ad Em­po­li e con l’Em­po­li, pri­ma al set­to­re gio­va­ni­le ca­pa­ce di pro­dur­re ta­len­to e ric­chez­za, e poi in pri­ma squa­dra, do­ve Sar­ri pri­ma ha co­strui­to un gio­iel­li­no e ora Giam­pao­lo sta la­vo­ran­do con ri­sul­ta­ti al­tret­tan­to fe­li­ci. Si­gni­fi­ca una co­sa so­prat­tut­to: che lo spar­ti­to con­se­gna­to a chi la­vo­ra per l’Em­po­li met­te il di­ret­to­re d’or­che­stra nel­la con­di­zio­ne mi­glio­re. L’esta­te scor­sa Car­li sem­bra­va più lon­ta­no dal­la ca­sa ma­dre. E’ ri­ma­sto, no­no­stan­te le of­fer­te non gli man­chi­no e ci so­no club di pri­ma fa­scia in se­rie A che stan­no ap­prez­zan­do mol­to il suo ope­ra­to fat­to di com­pe­ten­za e low pro­fi­le. Nel suo por­ta­fo­glio ci so­no an­che ces­sio­ni pro­dut­ti­ve im­por­tan­ti co­me Eder al­la Samp (co­stò 500.000 eu­ro dal Cri­ciu­ma, è sta­to ri­ven­du­to a 5 mi­lio­ni e mez­zo) e Ru­ga­ni al­la Juve (pro­dot­to del vi­va­io, al­la fi­ne 4 mi­lio­ni pu­li­ti in cas­sa)

LA GRAN­DE RIC­CHEZ­ZA. Ba­sta met­te­re in fi­la sei gio­ca­to­ri pro­ta­go­ni­sti dell’ul­ti­mo Em­po­li di Sar­ri, quel­lo del­la pas­sa­ta sta­gio­ne. Quat­tro so­no an­co­ra lì, lu­ne­dì ve­ro­si­mil­men­te sa­ran­no tre, con Bar­ba al Na­po­li. Un per­cor­so co­strui­to tra il vi­va­io, da cui ven­go­no Hy­saj, Tonelli e Ma­rio Rui, e con in­ve­sti­men­ti mi­ra­ti: i 250.000 eu­ro per Bar­ba dal­la Ro­ma, gli 800.000 per Val- di­fio­ri dal Ce­se­na e il mi­lio­ne e 100 ser­vi­ti per Sa­po­na­ra dal Ra­ven­na. Sa­po­na­ra è l’uni­co usci­to e rien­tra­to (dal Mi­lan): il suo pre­sun­to flop (il club ros­so­ne­ro de­gli ul­ti­mi due an­ni pur­trop­po non fa mol­to te­sto) non ha mes­so dub­bi al­le al­tre pretendenti, pri­ma fra tut­te la Ju­ven­tus. E il ta­len­to di Sa­po­na­ra a Em­po­li è tor­na­to a bril­la­re.

E al­lo­ra: i 2 mi­lio­ni e 150.000 eu­ro spe­si per que­sti sei ra­gaz­zi si so­no quin­tu­pli­ca­ti so­lo con le ces­sio­ni di Hy­saj e Val­di­fio­ri (5 mi­lio­ni e mez­zo a te­sta). Se ci ag­giun­gia­mo le va­lu­ta­zio­ni dei quat­tro ri­ma­sti al­la ba­se, pos­so­no mol­ti­pli­car­si per 25 vol­te! Per­ché i 18 di Sa­po­na­ra, i 4 di Bar­ba (qua­si in ca­sa...) e i 10 più di 10 di Tonelli (il di­fen­so­re più ri­chie­sto nel­le ul­ti­me due ses­sio­ni di cal­cio­mer­ca­to) e Ma­rio Rui, fan­no 42. Più gli 11 già in cas­sa so­no 53. IL TE­SO­RO CHE VERRA’. In ram­pa di lan­cio c’è Dious­sé, il na­zio­na­le se­ne­ga­le­se che è già in pri­ma squa­dra e pia­ce già tan­to. E il vi­va­io dell’Em­po­li è un oro­lo­gio sviz­ze­ro di­ret­to da Mar­co Ber­tel­li, con 150 ra­gaz­zi nell’ago­ni­sti­ca e una set­tan­ti­na nell’at­ti­vi­tà di ba­se, una re­te di os­ser­va­to­ri in To­sca­na («il no­stro ter­ri­to­rio è quel­lo che vo­glia­mo pri­vi­le­gia­re sen­za per­de­re di vi­sta tut­to il re­sto» spie­ga Ber­tel­li) e 007 mi­ra­ti in al­cu­ne re­gio­ni: Campania (una ter­ra sto­ri­ca­men­te fer­ti­le per l’Em­po­li: da Cac­cia a Mon­tel­la, da Di Na­ta­le a Lo­di) , Si­ci­lia, Ve­ne­to, Mar­che, La­zio. C’è una doz­zi­na di na­zio­na­li tra i ra­gaz­zi dell’Em­po­li, tra que­sti Al­ber­to Pic­chi, pro­ni­po­te d’ar­te (ri­cor­da­te Ar­man­do??) è pron­to al sal­to. Per ora all’Em­po­li. Ma at­ten­ti, c’è la Juve an­che lì.

Un vi­va­io con ol­tre 220 ba­by e una re­te di os­ser­va­to­ri. Ora avan­za il pro­ni­po­te di Ar­man­do Pic­chi...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.