«Pa­ler­mo, un an­no esal­tan­te»

De­lio Ros­si: Or­go­glio­so del­la squa­dra, sia­no fie­ri an­che i ti­fo­si. Il rim­pian­to? La ga­ra di Ge­no­va

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - di Gian­car­lo Gnec­chi

BER­GA­MO - De­lio Ros­si ar­ri­va in sa­la stam­pa con il sor­ri­so sul­le lab­bra, flem­ma­ti­co co­me sem­pre e scher­za con Si­ri­gu che gli sta ce­den­do il po­sto da­van­ti ai mi­cro­fo­ni: "Ma tu che non par­li mai co­sa ave­vi da di­re og­gi vi­sto che stai qui da un'ora?". Il mi­glior mo­do per stem­pe­ra­re la de­lu­sio­ne del man­ca­to ag­gan­cio al quar­to po­sto, ma il tec­ni­co met­te su­bi­to i pun­ti­ni sul­le i : "Par­lia­mo di bi­lan­cio vi­sto che fi­nal­men­te sia­mo a boc­ce fer­me. Ci tro­via­mo di fron­te al­la fi­ne di un cam­pio­na­to esal­tan­te sia in ter­mi­ni nu­me­ri­ci, sia nel mo­do col qua­le sia­mo giun­ti al ter­mi­nal. Pen­so che so­lo il tem­po di­rà cos'ha fat­to que­sta squa­dra dal­la tre­di­ce­si­ma gior­na­ta in avan­ti, lot­tan­do fi­no all'ul­ti­mo istan­te per un po­sto pre­sti­gio­so, im­pen­sa­bi­le all'ini­zio. Quin­di cre­do che la gen­te di Pa­ler­mo deb­ba es­se­re or­go­glio­sa di una squa­dra co­me l'at­tua­le. Se io fos­si un ti­fo­so ro­sa­ne­ro ne sa­rei for­te­men­te or­go­glio­so. Spe­ro che que­sta sera la ti­fo­se­ria sia sod­di­sfat­ta, so­prat­tut­to con i gio­ca­to­ri, i ve­ri pro­ta­go­ni­sti di que­sta stu­pen­da ca­val­ca­ta". Qual­cu­no gli chie­de qua­le sa­rà il fu­tu­ro dei tan­ti gio­va­ni ta­len­ti che so­no ve­nu­ti al­la ri­bal­ta: "Pri­ma godiamoci la fe­sta, me­ri­ta­ta, poi ci rim­boc­che­re­mo le ma­ni­che ed im­po­ste­re­mo il fu­tu­ro". Lun­go que­sta ga­lop­pa­ta vin­cen­te c'è sta­to un mo­men­to che ri­cor­da con ram­ma­ri­co, vi­sto che non è ar­ri­va­to il quar­to po­sto? "Pri­ma di tut­to è do­ve­ro­so sot­to­li­nea­re che la Samp­do­ria è ar­ri­va­ta pri­ma di noi ed è il giu­di­zio inap­pel­la­bi­le del cam­po. L'uni­co mio ram­ma­ri­co, ed è gros­so, è quel­lo di non es­se­re an­da­to a par­la­re con i gior­na­li­sti do­po la par­ti­ta di Ge­no­va. Tut­to quel­lo che ab­bia­mo ot­te­nu­to ce lo sia­mo gua­da­gna­to sul ter­re­no di gio­co, col la­vo­ro ed il sa­cri­fi­cio: eb­be­ne quan­to ci era­va­mo gua­da­gna­ti a Ge­no­va in quell'oc­ca­sio­ne qual­cu­no ce lo ha tol­to. Per­chè può suc­ce­de­re di gio­car be­ne e per­de­re, ma quel­la par­ti­ta noi l'ave­va­mo vin­ta e ci han­no tol­to quei due pun­ti che, guar­da ca­so, og­gi ci man­ca­no".

Ve­nen­do al mat­ch con­tro l'Ata­lan­ta co­me ha vis­su­to le va­rie coin­ci­den­ze con quan­to ac­ca­de­va a Ge­no­va: "Io du­ran­te que­sta set­ti­ma­na ho sem­pre ri­pe­tu­to ai ra­gaz­zi che do­ve­va­mo ono­ra­re fi­no in fon­do il cam­pio­na­to, es­se­re se­ri, e gio­car­ce­la fi­no al­la fi­ne. Sia­mo sta­ti sem­pre pro­ta­go­ni­sti e ta­li do­ve­va­mo es­ser­lo pu­re qui, al di là di quan­to sta­va fa­cen­do la Samp­do­ria. Be­ne i blucerchiati han­no vin­to, bra­vi lo­ro, e noi dob­bia­mo uni­ca­men­te con­si­de­ra­re quan­to ab­bia­mo co­strui­to. Ab­bia­mo tra­sfor­ma­to una sta­gio­ne nor­ma­le in una esal­tan­te, do­po due an­ni il Pa­ler­mo tor­ne­rà a di­spu­ta­re una ma­ni­fe­sta­zio­ne eu­ro­pea, con una squa­dra gio­va­ne che ha an­co­ra mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to. In con­clu­sio­ne dob­bia­mo es­se­re tut­ti fie­ri per un cam­pio­na­to che dif­fi­cil­men­te si di­men­ti­che­rà".

Si­ri­gu da par­te sua ha pun­tua­liz­za­to più aspet­ti: "Sia­mo ve­nu­ti a Ber­ga­mo con­vin­ti di po­ter ag­guan­ta­re la vit­to­ria, an­che do­po il pa­reg­gio ata­lan­ti­no. Di­pen­de­va in par­te an­che dal­la Samp­do­ria e pur­trop­po per noi ha vin­to pu­re es­sa; pe­rò com­pli­men­ti a lo­ro. Han­no vin­to so­prat­tut­to per i due por­tie­ri: Ca­stel­laz­zi pri­ma e Sto­ra­ri poi. An­zi nel fi­na­le pro­prio Sto­ra­ri ha fat­to la dif­fe­ren­za e quan­do in por­ta hai un pun­to fer­mo co­me lui tut­to di­ven­ta mol­to più fa­ci­le. Per quan­to mi ri­guar­da cre­do di es­se­re sta­to all'al­tez­za del­la si­tua­zio­ne e le vo­ci che cir­co­la­no sul mio fu­tu­ro han­no po­co sen­so. Io so­no fe­li­ce di gio­ca­re nel Pa­ler­mo". Chiu­dia­mo con Mut­ti: "An­che og­gi le de­ci­sio­ni ar­bi­tra­li ci han­no det­to ma­le. E' sta­to fi­schia­to un ri­go­re che non c'era. Mi di­spia­ce di non aver sal­va­to la squa­dra e la­scio con tan­ta ama­rez­za".

Edin­son Ca­va­ni, 23 an­ni, au­to­re di una dop­piet­ta

Il sa­lu­to di De­lio Ros­si ai suoi ti­fo­si, al fi­schio fi­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.