Su Schu­mi la ven­det­ta di Hill

Pu­ni­to per il sor­pas­so ad Alon­so in re­gi­me di sa­fe­ty car dal pi­lo­ta al qua­le ave­va “scip­pa­to” il Mon­dia­le 1994

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Formula 1 - Dall'in­via­to

MON­TE­CAR­LO - La For­mu­la 1 è un pia­ne­ta la cui esi­sten­za si fon­da sul­la tec­no­lo­gia e non sul­la fi­lo­so­fia. No­no­stan­te ciò, spes­so da que­ste par­ti due più due non fa quattro. Uno stra­no mon­do dav­ve­ro, nel qua­le si pos­so­no sen­ti­re an­nun­ci co­me quel­lo echeg­gia­to ie­ri a tar­da sera: «In con­se­guen­za al­la pe­na­liz­za­zio­ne di Mi­chael Schu­ma­cher, pur non es­sen­do ap­pel­la­bi­le, la Mer­ce­des ha de­ci­so di pre­sen­ta­re ap­pel­lo» . Un tec­ni­ci­smo con­sen­te di op­por­si non al­la pe­na­liz­za­zio­ne, ma al­la de­ci­sio­ne. Fi­ni­rà in una bol­la di sa­po­ne.

Ben più se­ria e con­si­sten­te è la sod­di­sfa­zio­ne con cui Da­mon Hill, ie­ri tra i quattro giu­di­ci di ga­ra, ha ap­po­sto la sua fir­ma sot­to il do­cu­men­to nu­me­ro 37 con cui la Fia ha pu­ni­to Schu­mi per il sor­pas­so ad Alon­so in re­gi­me di sa­fe­ty car. Se­di­ci an­ni so­no pas­sa­ti da quan­do il te­de­sco ad Ade­lai­de, pur di strap­pa­re ad Hill il Mon­dia­le cer­co l'in­ci­den­te con lui, chiu­den­do in quel mo­do in­de­co­ro­so la par­ti­ta. Ven­det­ta non com­pen­sa­ti­va per quell'an­ti­co sgar­bo ma sim­bo­li­ca, ser­vi­ta fred­da e per que­sto gu­sto­sa: ven­ti se­con­di di ar­re­tra­men­to nell'or­di­ne d'ar­ri­vo (al po­sto del dri­ve th­rou­gh non più ese­gui­bi­le), che han­no sbat­tu­to Schu­mi dal se­sto al do­di­ce­si­mo po­sto.

Ma co­me è po­tu­to na­sce­re un gial­lo vi­sto che la nor­ma 40.13 del re­go­la­men­to spor­ti­vo sem­bra cu­ci­ta su mi­su­ra sull'even­to di ie­ri? Sen­ti­te: «Se la ga­ra fi­ni­sce in re­gi­me di Sa­fe­ty car, que­sta en­tre­rà nel­la pit la­ne al­la fi­ne dell'ul­ti­mo gi­ro, e le mac­chi­ne pro­se­gui­ran­no fi­no al­la ban­die­ra d'ar­ri­vo sen­za su­pe­rar­si». Dub­bi? Im­pos­si­bi­le far­se­ne ve­ni­re, ed è an­che chia­ro l'in­ten­to: la nor­ma per­met­te sem­pli­ce­men­te al­la sa­fe­ty car di far­si fi­si­ca­men­te da par­te af­fin­ché il pub­bli­co non deb­ba as­si­ste­re al­la sce­na ri­di­co­la di una mac­chi­na di pro­du­zio­ne che pas­sa sot­to la ban­die­ra a scac­chi "bat­ten­do" le mo­no­po­sto di For­mu­la 1. Que­ste, quin­di, con­ti­nua­no fi­no al tra­guar­do in re­gi­me di sa­fe­ty car, sen­za po­ter­si su­pe­ra­re.

Pos­si­bi­le che non lo sa­pes­se il mu­ret­to Mer­ce­des dov'è ap­pol­la­ia­to "gu­fo sag­gio" Ross Bra­wn, pa­dre di tut­ti gli stra­te­ghi? Sì, pos­si­bi­le per­ché quel­la re­spon­sa­bi­li­tà era in ca­ri­co all'in­ge­gne­re di mac­chi­na di Schu­mi, An­dy Scho­vlin, che gli ave­va da­to la "stor­ta" via ra­dio: «Ap­pe­na rien­tra la sa­fe­ty car puoi sor­pas­sa­re» , ave­va ri­spo­sto a pre­ci­sa do­man­da dell’an­zia­no pi­lo­ta. Ana­lo­go via li­be­ra ave­va ri­ce­vu­to il gio­va­ne Ni­co Ro­sberg, che pe­rò si era op­po­sto: «Non si può, lo im­pe­di­sce il re­go­la­men­to» .

A co­sa si at­tac­ca­va dun­que Schu­ma­cher? «Ci so­no sta­ti da­ti i se­gna­li "sa­fe­ty car in" (in fa­se di rien­tro, ndr) e "track clear" (pi­sta li­be­ra, ndr) - di­ce­va i te­de­sco - Dun­que ho col­to le op­por­tu­ni­tà che mi da­va­no quel­le istru­zio­ni». Si trat­ta­va pe­rò di un me­ro for­ma­li­smo: nor­mal­men­te, quei se­gna­li equi­val­go­no a un'au­to­riz­za­zio­ne a ri­pren­de­re la cor­sa, e quin­di a ten­ta­re sor­pas­si, do­po il pas­sag­gio sul­la li­nea del tra­guar­do. In que­sto ca­so, pe­rò, die­tro quel­la ri­ga non c'era più ga­ra ma cham­pa­gne e fe­steg­gia­men- ti per al­cu­ni, ama­rez­za e po­le­mi­che per al­tri. Ross Bra­wn az­zar­da­va: «C'è una re­go­la que­st'an­no che de­fi­ni­sce "cor­sa" il trat­to che va dal­la li­nea del­la sa­fe­ty car a quel­la dell'ar­ri­vo. La giu­ria ci ha av­vi­sa­ti che la sa­fe­ty car sta­va per rien­tra­re, ma non che la ga­ra fos­se fi­ni­ta e que­sta è una di­stin­zio­ne mol­to im­por­tan­te» .

Pa­ro­le spaz­za­te via dal­la de­ci­sio­ne. E quan­do era an­co­ra in bal­lo qual­cu­no ha ri­cor­da­to a Schu­mi che lì den­tro, nell'uf­fi­cio dei com­mis­sa­ri, la sua sor­te era nel­la lun­ga ma­no e for­se nel­la lun­ga me­mo­ria di Da­mon Hill, lui ha fat­to l'ac­co­mo­dan­te: «In­te­res­san­te. Pe­rò è un bra­vo ra­gaz­zo e so­no si­cu­ro che sa­prà ca­pi­re la si­tua­zio­ne». L’ha ca­pi­ta be­nis­si­mo. E’ la nor­ma del re­go­la­men­to del­la For­mu­la 1 che vie­ta i sor­pas­si sin sul tra­guar­do nel­le ga­re che ter­mi­na­no in re­gi­me di sa­fe­ty car

AN­CO­RA LUI

Mi­chael Schu­ma­cher, 41 an­ni, tor­na­to al­la F.1 do­po l’ab­ban­do­no del 2006

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.