«Pre­mio il Ca­ta­nia del pri­mo tem­po»

Giam­pao­lo: Del­le gran­di la Ju­ve è la più com­pat­ta

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Di Con­cet­to Man­ni­si

Dall’al­to il pre­si­den­te del Ca­ta­nia Pul­vi­ren­ti e l’ad Lo Mo­na­co CA­TA­NIA - Che choc! La di­fe­sa fra le più for­ti del cam­pio­na­to pren­de tre pap­pi­ne dall’at­tac­co più for­te. Che for­za que­sta Ju­ven­tus di Del Ne­ri e Marco Giam­pao­lo, che al­la vi­gi­lia ave­va elo­gia­to il tec­ni­co bian­co­ne­ro, que­sta vol­ta ne avrà ben don­de per ri­ba­di­re i com­pli­men­ti all’av­ver­sa­rio. «Lo spi­ri­to che la squa­dra ha avu­to è sta­to po­si­ti­vo - at­tac­ca - ma ab­bia­mo su­bi­to due gol in fo­to­co­pia che han­no in­fi­cia­to tut­to e se­gna­to il mo­ra­le del­la squa­dra, che poi ha re­ga­la­to al­la Ju­ve il ter­zo gol. Pe­rò quel­lo del Ca­ta­nia è sta­to un gran pri­mo tem­po, men­tre nel se­con­do ci sia­mo un po’ di­su­ni­ti e ab­bia­mo ri­schia­to di pren­de­re an­che il quar­to gol: que­sto non si de­ve fa­re, non mi pia­ce».

«Chia­ro - pro­se­gue - quel gol su­bi­to al­la fi­ne del pri­mo tem­po non ci ha aiu­ta­to, ho do­vu­to la­vo­ra­re nel­lo spo­glia­to­io per ri­sol­le­va­re il mo­ra­le dei ra­gaz­zi. Obiet­ti­va­men­te avrem­mo po­tu­to pa­reg­gia­re, sull’uno a uno avrem­mo an­che po­tu­to rad­dop­pia­re e sul tre a uno avrem­mo po­tu­to ria­pri­re la par­ti­ta. E’ an­da­ta co­sì, ma bi­so­gna es­se­re con­cre­ti e ri­cor­da­re pu­re con qua­le av­ver­sa­rio ci con­fron­ta­va­mo: una buo­na Ju­ven­tus che sia­mo pu­re riu­sci­ti a met­te­re in dif­fi­col­tà». PRE­SI­DEN­TE - Com­pli­men­ti al­la Ju­ve an­che dal pre­si­den­te Ni­no Pul­vi­ren­ti, che pe­rò ci tie­ne a fa­re una pun­tua­liz­za­zio­ne: «Nel pri­mo tem­po ce la sia­mo gio­ca­ta al­la pa­ri. An­zi, a mio pa­re­re il Ca­ta­nia ha fat­to me­glio del­la Ju­ven­tus. Poi, pur­trop­po, do­po quel bot­ta e ri­spo­sta ver­so la mezz’ora, lo­ro so­no riu­sci­ti a ri­por­tar­si in van­tag­gio e que­sto ha pe­sa­to enor­me­men­te sul­la par­ti­ta, che poi è sta­ta chiu­sa con quel ter­zo gol di Qua­glia­rel­la. In ogni ca­so i com­pli­men­ti all’av­ver­sa­rio, un si­gnor av­ver­sa­rio, so­no d’ob­bli­go. Con par­ti­co­la­re ri­fe­ri­men­to a quan­to fat­to nel pri­mo tem­po: la Ju­ve è sta­ta ca­pa­ce di ca­pi­ta­liz­za­re le tre oc­ca­sio­ni da re­te avu­te, vi­sto che mi di­co­no che do­po quel­la tra­ver­sa di Qua­glia­rel­la la pal­la era en­tra­ta e non è sta­to con­ces­so il gol». Di­cia­mo pu­re, che a par­te que­sto epi­so­dio, Da­ma­to non ha pro­prio aiu­ta­to il Ca­ta­nia. C’era un ri­go­re in av­vio per fal­lo su Mo­ri­mo­to. «Non amo par­la­re de­gli arbitri e per­ciò non lo fa­rò in que­sta cir­co­stan­za. Di­cia­mo che l’ar­bi­tro non ha in­flui­to sul ri­sul­ta­to e per­ciò la chiu­dia­mo qui».

MA­XI LO­PEZ - Ar­ri­va Ma­xi Lo­pez, ac­co­sta­to e riac­co­sta­to al­la Ju­ve. «Ma io non so nul­la, per­so­nal­men­te un con­tat­to non c’è sta­to. E’ pre­sto per par­lar­ne». C’è un Ma­xi Lo­pez al­la Ju­ve? «Qual­cu­no si­mi­le a me nel­la Ju­ve? No, lo­ro so­no una squa­dra for­te, con gio­ca­to­ri di qua­li­tà che rien­tra­no an­che a me­tà cam­po. Un gio­ca­to­re che mi pia­ce è Ia­quin­ta che è un gran­de pun­to di ri­fe­ri­men­to per me. Mi pia­ce ispi­rar­mi a lui». E men­tre ra­dio­mer­ca­to con­ti­nua ad an­nun­cia­re un suo im­mi­nen­te pas­sag­gio pro­prio al­la Ju­ven­tus, Pie­tro Lo Mo­na­co, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to ros­saz­zur­ro, giu­ra più vol­te che non sa­rà co­sì: «Ca­pi­sco tut­to - di­chia­ra - ma i tra­sfe­ri­men­ti si fan­no in due. C’è chi ce­de e c’è chi ac­qui­sta. Il Ca­ta­nia non ha al­cu­na in­ten­zio­ne di ven­de­re Ma­xi Lo­pez. Al mas­si­mo lo fa­rà al ter­mi­ne di que­sta sta­gio­ne. Ma sem­pre che ar­ri­vi un’of­fer­ta de­gna di ta­le no­me, per­ché al­tri­men­ti Ma­xi Lo­pez re­sta qui».

MO­RI­MO­TO - Tor­na­to al gol in cam­pio­na­to con­tro una sua vec­chia vit­ti­ma (ave­va già se­gna­to a Buf­fon), Mo­ri­mo­to non na­scon­de la sua de­lu­sio­ne: «So­no con­ten­to del gol, ma so­no di­spia­ciu­to per la scon­fit­ta. Dall’ini­zio del­la sta­gio­ne aspet­ta­vo il mio mo­men­to e per que­sto mi so­no sem­pre al­le­na­to al cen­to per cen­to: do­me­ni­ca scor­sa ho gio­ca­to con la La­zio, ades­so con la Ju­ven­tus. Ho fat­to pu­re un gol, ma so­no di­spia­ciu­to per­ché non è ser­vi­to». Pul­vi­ren­ti con­ti­nua a di­re che uno fra lui e An­te­nuc­ci an­drà via in gen­na­io. «Non so se toc­che­rà a me. Di­pen­de dal­la so­cie­tà. Io fac­cio sem­pre il mio la­vo­ro e ba­sta». Ta­kayu­ki Mo­ri­mo­to, 22 an­ni, au­to­re del mo­men­ta­neo pa­reg­gio del Ca­ta­nia

Ma­xi Lo­pez con­fes­sa «Mi ispi­ro a Ia­quin­ta Io al­la Ju­ve? E’ pre­sto» Pul­vi­ren­ti: «L’ar­bi­tro non ha in­flui­to...»

L’IL­LU­SIO­NE ROS­SAZ­ZUR­RA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.