LE AC­CU­SE D SA­BA­TI­NI E LE PO­LE­MI­CHE SPIN­GO­NO IN­TER­ME­DIA ALL’AUT AUT Con­sor­te: Ri­met­to il man­da­to se non pos­so di­fen­der­mi

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Di Clau­dio Beneforti (han­no col­la­bo­ra­to Da­rio Gior­do e Alessandro Mos­si­ni/ass)

Una rab­bia sen­za li­mi­ti: Gio­van­ni Con­sor­te, pre­si­den­te di In­ter­me­dia Fi­nan­ce, mi­nac­cia di ri­met­te­re il man­da­to avu­to per ven­de­re il Bo­lo­gna se non gli sa­rà con­ces­so dai pro­prie­ta­ri (Por­ced­da e Me­na­ri­ni) la pos­si­bi­li­tà di re­pli­ca­re a Clau­dio Sa­ba­ti­ni, e di for­ni­re in­for­ma­zio­ni a di­fe­sa del suo ope­ra­to. Lo bloc­ca­no, al mo­men­to, gli im­pe­gni al­la ri­ser­va­tez­za espres­sa­men­te ci­ta­ti nel pun­to 6 del con­trat­to sot­to­scrit­to fra In­ter­me­dia e gli azio­ni­sti ros­so­blù. E an­che ie­ri il pa­tron del­la Vir­tus ave­va af­fon­da­to i suoi colpi. In tv ave­va det­to: «Io cre­do che i Me­na­ri­ni sia­no sot­to sco­pa di In­ter­me­dia, che la pro­prie­tà sia le­ga­ta a quel man­da­to. Por­ced­da? Tra Me­na­ri­ni, Con­sor­te e Caz­zo­la lui è il mi­glio­re del grup­po, al­me­no è sin­ce­ro».

Con­sor­te in­cal­za: «Do­po es­se­re pas­sa­to so­pra a tan­te co­se of­fen­si­ve che non stan­no né in cie­lo né in ter­ra, in una do­me­ni­ca in cui ci sa­reb­be sta­to da por­ta­re al­le stel­le tut­ti i gio­ca­to­ri per l’im­pre­sa che han­no fat­to a Ce­se­na, no­no­stan­te que­sti gior­ni dif­fi­ci­li che vi­vo­no, c’è sta­to un si­gno­re che an­co­ra una vol­ta ha det­to co­se non ve­re e per le qua­li do­ma­ni si pren­de­rà un’al­tra que­re­la. Con­si­de­ra­to che la pro­prie­tà non c’è mai e io so­no te­nu­to al se­gre­to pro­fes­sio­na­le per quel­lo che è il mio ruo­lo, fi­ni­sce che ven­go at­tac­ca­to sen­za po­ter­mi mai di­fen­de­re. An­che og­gi (ie­ri) so­no an­da­to in gi­ro a fa­re l’ac­cat­to­ne per tro­va­re quei so­ci pron­ti a en­tra­re nel Bo­lo­gna. E poi co­sa suc­ce­de? Ac­cen­do la te­le­vi­sio­ne e c’è qual­cu­no che mi spa­ra ad­dos­so». Più par­la, più si ac­cen­de: «Se do­ma­ni (og­gi, ndr) la pro­prie­tà non mi da­rà l’au­to­riz­za­zio­ne a spie­ga­re al­la gen­te co­me stan­no ve­ra­men­te le co­se, a en­tra­re più a fon­do in quel­li che so­no i pro­ble­mi at­tua­li del Bo­lo­gna, ri­met­te­rò il man­da­to a ven­de­re e mi ri­ti­re­rò in buon or­di­ne. Poi se la ve­dran­no lo­ro, an­che con la gen­te. Per­ché co­sì non si può an­da­re avan­ti, una vol­ta per tut­te di­co ba­sta: mi so­no stan­ca­to di es­se­re of­fe­so sen­za po­ter ri­spon­de­re». Do­man­da: Sa­ba­ti­ni in que­sti ul­ti­mi gior­ni ha det­to di es­se­re sta­to trat­ta­to con mol­ta ar­ro­gan­za. «So­no una per­so­na gen­ti­le, par­lo con tut­ti e ri­ce­vo tut­ti, chi mi co­no­sce lo sa be­ne. Sa­ba­ti­ni è en­tra­to den­tro la mia stan­za chie­den­do­mi qual era la ci­fra che ser­ve per ri­le­va­re il Bo­lo­gna di­cen­do­mi “mi de­ve fa­re ve­de­re i nu­me­ri”. Io ho ri­bat­tu­to che si pre­sen­ta­va co­me Vir­tus, che ha 600.000 eu­ro di pa­tri­mo­nio,era inu­ti­le an­che so­lo ini­zia­re a trat­ta­re. Sa­ba­ti­ni ha ri­bat­tu­to chie­den­do­mi quant’era l’am­mon­ta­re del­la ci­fra per trat­ta­re il Bo­lo­gna, gli ho ri­spo­sto tren­ta mi­lio­ni di eu­ro. Lui a que­sto pun­to si è al­za­to di scat­to e se n’è an­da­to. C’era­no quattro te­sti­mo­ni che pos­so­no di­re co­sa è suc­ces­so e se l’ho trat­ta­to con ar­ro­gan­za». Al di là di Sa­ba­ti­ni, a che pun­to è la ri­cer­ca dei com­pra­to­ri? Con­sor­te ha so­lo vo­lu­to pun­tua­liz­za­re: «Qui c’è una per­so­na che de­ve ono­ra­re fi­no in fon­do il cre­di­to che il Bo­lo­gna ha nei suoi con­fron­ti, per­ché la gen­te non vuo­le re­ga­la­re i sol­di a que­sto si­gno­re». Que­sto si­gno­re è Ser­gio Por­ced­da.

In­tan­to il tem­po strin­ge sem­pre di più. «I gio­ca­to­ri po­tran­no pa­zien­ta­re an­co­ra qual­che gior­no, poi met­te­ran­no in mo­ra la so­cie­tà. O la que­stio­ne si ri­sol­ve, o qui si chiu­de», spie­ga­va ie­ri il con­su­len­te di mer­ca­to ros­so­blù Car­mi­ne Lon­go nel­la sa­la stam­pa del Ma­nuz­zi. Un se­gna­le for­te, for­se an­che un ten­ta­ti­vo per cer­ca­re di da­re una svol­ta. Di Va­io, nel do­po­ga­ra, raf­for­za­va il con­cet­to: «La no­stra par­te l'ab­bia­mo fat­ta, spe­ro ser­va a con­vin­ce­re qual­cu­no», men­tre Ma­le­sa­ni s'au­gu­ra­va di «non ar­ri­va­re all'in­fer­no».

Tut­to pas­sa per In­ter­me­dia, dun­que, ma so­prat­tut­to dal con­cre­tiz­zar­si del­le of­fer­te che so­no sta­te fat­te nei gior­ni scor­si. Già do­ma­ni po­treb­be far­si avan­ti un grup­po stra­nie­ro, che pa­re ab­bia già stu­dia­to i con­ti del Bfc. Ma dal­la par­ti­ta non s'è an­co­ra de­fi­la­to il pa­tron del­la Vir­tus Clau­dio Sa­ba­ti­ni, seb­be­ne fi­no­ra sia­no sta­ti tan­ti gli osta­co­li che ha in­con­tra­to lun­go il per­cor­so. E poi c'è sem­pre il Bar­clay's Fund, che con­ti­nua a far sa­pe­re di es­se­re pron­to. Chi sem­bra ot­ti­mi­sta è Fran­ce­sca Me­na­ri­ni, ie­ri in tribuna a Ce­se­na. La la­dy ros­so­blù è fi­du­cio­sa. E’ in sin­to­nia con Con­sor­te:«Non lo fa­re­mo fal­li­re, il Bo­lo­gna de­ve re­si­ste­re ed esi­ste­re, e stia­mo fa­cen­do di tut­to per sal­var­lo. Non c'è un gior­no esat­to, ma sa­rà que­stio­ne di po­co tem­po, an­che se c'è qual­che paz­zo psi­co­pa­ti­co che par­la per da­re aria al­la boc­ca e sta met­ten­do i ba­sto­ni tra le ruo­te».

«So­no le­ga­to al se­gre­to pro­fes­sio­na­le e non pos­so re­pli­ca­re. Se la pro­prie­tà non mi dà man­da­to a ri­spon­de­re mol­lo tut­to» «De­vo spie­ga­re co­me stan­no dav­ve­ro le co­se al­tri­men­ti se la ve­dran­no lo­ro con la gen­te. Ades­so ba­sta di es­se­re of­fe­so»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.