Ra­mi­rez cen­tra­van­ti Di Va­io ester­no at­tac­co im­pre­ve­di­bi­le

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Dall’in­via­to

CE­SE­NA - Ba­sta­no qua­ran­ta mi­nu­ti per gua­da­gnar­si il fu­tu­ro? Ba­sta­no, e avan­za­no, an­che se esci a ma­lin­cuo­re, per una bot­ta al pol­pac­cio; an­che se ti osti­ni a pro­va­re a gio­ca­re quan­do non ce la fai più a pie­ga­re il pie­de co­me ha fat­to Ga­ston Ra­mi­rez, fre­sco ven­ten­ne (li ha com­piu­ti il 2 di­cem­bre) che si è fat­to - ie­ri più che mai - por­ta­to­re sa­no del fu­tu­ro del Bo­lo­gna, al­me­no di quel­lo che va in cam­po e scan­sa l’Ir­pef con una fin­ta; il fu­tu­ro che par­la la lin­gua del cal­cio e la­scia ai ra­gio­nie­ri quel­la dei bi­lan­ci e del­le fi­de­jus­sio­ni. Ba­sta­no qua­ran­ta mi­nu­ti per tro­va­re un equi­li­brio di squa­dra in­se­gui­to fin qui al Ma­nuz­zi? Ba­sta­no per­ché il Bo­lo­gna ha tro­va­to il gio­ca­to­re che gli man­ca­va. E l’ha tro­va­to nel­la zo­na ne­vral­gi­ca del cam­po, lì do­ve i buo­ni pro­po­si­ti di­ven­ta­no real­tà.

DE­CI­SI­VO - Il tu­ni­si­mo Yo­han Be­na­loua­ne ha gio­ca­to qua­ran­ta mi­nu­ti sot­to choc. Im­ba­raz­zan­te per co­me non ave­va ca­pi­to nien­te di quel­lo che suc­ce­de­va at­tor­no. Gli si era spenta la lu­ce, e chi l’ha spenta era sta­to lui: Ra­mi­rez. Con il suo mo­vi­men­to, con i suoi ta­gli, con la ca­pa­ci­tà di far sa­li­re la squa­dra e con­tem­po­ra­nea­men­te gio­ca­re in ap­pog­gio a Di Va­io; Ra­mi­rez è sta­to la chia­ve del Bo­lo­gna che - fin dai pri­mi mi­nu­ti - ha por­ta­to la par­ti­ta dal­la pro­pria par­te. Era ar­ri­va­to a Bo­lo­gna (cin­que mi­lio­ni al Pe­na­rol: pri­ma o poi ar­ri­ve­ran­no, no?) sco­per­to da Car­mi­ne Lon­go (cha­peu). Tut­ti ave­va­no inui­to il ta­len­to che ave­va in do­te, nes­su­no sa­pe­va - co­me ca­pi­ta spes­so con i ca­val­li di razza - do­ve que­sto ta­len­to avreb­be po­tu­to ren­de­re di più. E’ sta­to te­sta­to sul­la fa­scia de­stra, be­ne ma non be­nis­si­mo, è sta­to im­pie­ga­to da tre­quar­ti­sta pu­ro, ma in que­sto mo­do il Bo­lo­gna ne usci­va sna­tu­ra­to. In­fi­ne, Ma­le­sa­ni gli ha tro­va­to la col­lo­ca­zio­ne: lì da­van­ti, in mez­zo, con lo sguar­do ri­vol­to al­la por­ta av­ver­sa­ria, li­be­ro di an­da­re do­ve più gli ag­gra­da.

E’ l’idea al­la qua­le Ma­le­sa­ni la­vo­ra da set­ti­ma­ne: «Ga­ston mi dà qua­li­tà, tie­ne pal­la, fa gi­ra­re la squa­dra, la fa gio­ca­re co­me vo­glio io»

PRO­MOS­SO - «Ha fat­to be­ne, ha fat­to mol­to be­ne, pec­ca­to per l’in­for­tu­nio, Ga­ston mi sta­va dan­do quel­lo che vo­le­vo». Co­sì Al­ber­to Ma­le­sa­ni a fi­ne par­ti­ta, men­tre spie­ga­va la pre­sta­zio­ne dell’uru­gua­ia­no e si di­ce­va ot­ti­mi­sta sul suo re­cu­pe­ro: «Spe­ria­mo che non ab­bia nien­te di gra­ve». E’ pia­ciu­to, Ga­sto­ne pie­de dol­ce. Ma­le­sa­ni avreb­be già vo­lu­to schie­rar­lo ti­to­la­re con­tro il Chie­vo. Glie­lo im­pe­dì la ne­ve. L’il­lu­mi­na­zio­ne l’ave­va avu­ta a Ca­glia­ri, nel­la not­te di Cop­pa Ita­lia che per il ra­gaz­zo ha se­gna­to una ve­ra e pro­pria svol­ta. Quel­la not­te, Ma­le­sa­ni eb­be la cer­tez­za che c’era un so­lo po­sto do­ve far gio­ca­re Ra­mi­rez: in mez­zo, da «cen­tra­van­ti ar­re­tra­to» co­me lo de­fi­ni­sce il tec­ni­co, in­som­ma ri­sco­pren­do di fat­to il ruo­lo del cen­tra­van­ti di ma­no­vra che an­da­va mol­to di mo­da ne­gli an­ni ‘70 e ‘80, quan­do era la qua­li­tà ad ave­re la me­glio sui mu­sco­li. «E Ra­mi­rez mi dà qua­li­tà, tie­ne pal­la, fa gi­ra­re la squa­dra, la fa gio­ca­re co­me vo­glio io». La po­si­zio­ne de­fi­la­ta di Di Va­io sul­la si­ni­stra, a que­sto pun­to, è una con­se­guen­za. Tra l’al­tro: è lo stes­so Di Va­io, che ha sa­pu­to rein­ven­tar­si in un nouo­vo ruo­lo, a be­ne­fi­ciar­ne. Og­gi nel cuo­re del gio­co del Bo­lo­gna c’è Ga­ston Ra­mi­rez, ta­len­to uru­gua­ia­no che ha la qua­li­tà dei vir­tuo­si: al­lar­ga­re gli oriz­zon­ti, con­se­gna­re al fu­tu­ro del Bo­lo­gna un po’ di spe­ran­za, lì do­ve la fan­ta­sia non è una vo­ce da met­te­re a bi­lan­cio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.