Mu­tu in­ven­ta, Fi­ren­ze so­gna

Il ro­me­no in gol do­po 11 me­si, quar­to suc­ces­so in­ter­no di fi­la: si av­vi­ci­na la zo­na che con­ta

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Calcio - Dall’in­via­to

FI­REN­ZE - Un an­no do­po, Adrian Mu­tu. Mul­ta­to, do­pa­to, squa­li­fi­ca­to, in­da­ga­to fuo­ri dal cam­po. De­ci­si­vo, fon­da­men­ta­le, inaf­fer­ra­bi­le, fe­no­me­na­le in cam­po. Mi­schia­re l’uo­mo e il gio­ca­to­re non è com­pi­to di chi scri­ve. Par­lan­do di cam­po, è il gio­ca­to­re che ci de­ve in­te­res­sa­re e che di si­cu­ro in­te­res­sa a Si­ni­sa Mi­ha­j­lo­vic. Ie­ri lo ha ri­mes­so in cam­po do­po l’ul­ti­mo in­for­tu­nio mu­sco­la­re e tre set­ti­ma­ne d’as­sen­za ed è sta­to co­me ri­tro­va­re se non il gio­co, quan­to me­no la scin­til­la del gio­co. Se c’è Mu­tu, tut­ta la squa­dra si sen­te più si­cu­ra. E’ ciò che por­ta in do­te il gio­ca­to­re di qua­li­tà.

Se n’è ac­cor­ta an­che la di­fe­sa del Ca­glia­ri, che si è fat­ta in­fi­la­re dal ro­me­no (col­po di te­sta in an­ti­ci­po su Ca­ni­ni do­po una pu­ni­zio­ne di D’Ago­sti­no) e che lo ha sof­fer­to dall’ini­zio al­la fi­ne. In as­sen­za di Gi­lar­di­no, Adrian ha gio­ca­to da pri­ma pun­ta. Nel pri­mo tem­po non ha sba­glia­to un mo­vi­men­to e sull’uni­ca pal­la buo­na a sua di­spo­si­zio­ne (as­si­st di D’Ago­sti­no) è an­da­to a un pas­so dal gol (usci­ta tem­pe­sti­va di Agaz­zi), nel se­con­do ha se­gna­to e di­stri­bui­to una se­rie im­pres­sio­nan­te di ot­ti­mi pal­lo­ni.

UN TEM­PO DA CAN­CEL­LA­RE - Il Ca­glia­ri ha per­so per col­pa di Mu­tu e an­che un po’ per col­pa pro­pria. Il ri­sve­glio dei sar­di, al­la pri­ma scon­fit­ta con Do­na­do­ni in pan­chi­na, è av­ve­nu­to in ri­tar­do, quan­do nel fi­na­le di una ri­pre­sa pie­na di emo­zio­ni e as­sai con­ci­ta­ta la Fio­ren­ti­na ha com­mes­so l’er­ro­re di sem­pre, in­die­treg­gian­do di fron­te non tan­to all’av­ver­sa­rio quan­to al­la pau­ra che ha di vin­ce­re la par­ti­ta.

Il pri­mo tem­po era sta­to qua­si tut­to da can­cel­la­re. La Fio­ren­ti­na cer­ca­va di gio­ca­re so­lo con i lan­ci lun­ghi (ma sen­za Gi­lar­di­no non ave­va­no al­cun sen­so), con la squa­dra che si spez­za­va in due tron­co­ni an­che per­ché D’Ago­sti­no non ave­va nè la for­za nè le idee per te­ner­la uni­ta, men­tre il Ca­glia­ri avan­za­va a rit­mi trop­po bas­si per im­pen­sie­ri­re Gam­be­ri­ni e il gio­va­ne Cam­po­re­se. Ma­tri era co­me se non ci fos­se. Cos­su lo stes­so. Nel se­con­do tem­po, la par­ti­ta si è ac­ce­sa. La Fio­ren­ti­na ha co­min­cia­to a gi­ra­re, gio­ca­re e cor­re­re. Era cam­bia­to l’at­teg­gia­men­to di Lja­jic, più vi­ci­no a Mu­tu e me­glio in­se­ri­to nel­la ma­no­vra. Ades­so era du­ra per Con­ti fer­ma­re il gio­va­ne ser­bo. Var­gas at­tac­ca­va con for­za a si­ni­stra, do­ve Do­na­do­ni ave­va spo­sta­to Ca­ni­ni (met­ten­do­lo un po’ in dif­fi­col­tà) per l’in­for­tu­nio di La­ner che nel pri­mo tem­po, pur es­sen­do fuo­ri ruo­lo (man­ca­va­no i ter­zi­ni Pi­sa­no e Pe­ri­co) non ave­va com­mes­so er­ro­ri gra­vi. Mu­tu ha se­gna­to do­po 7’ e do­po al­tri 4’ Agaz­zi ha fat­to il fe­no­me­no su un col­po di te­sta di Lja­jic, so­lo in area, smar­ca­to da un cross di Var­gas.

IL CAM­BIO DI LAZ­ZA­RI - E’ sta­to in quel mo­men­to che Do­na­do­ni ha de­ci­so di af­fi­da­re a Laz­za­ri il com­pi­to di ri­por­ta­re il Ca­glia­ri in at­tac­co. E nel­la mezz’ora a sua di­spo­si­zio­ne, Laz­za­ri ha al­za­to il li­vel­lo tec­ni­co del­la ma­no­vra dei sar­di. Per far­gli spa­zio è usci­to Ne­nè e ac­can­to a Ma­tri è sa­li­to Cos­su. Al 33’ è suc­ces­sa una del­le co­se più stra­ne per una par­ti­ta di cal­cio. Do­na­del ha fat­to un gol da 30 me­tri (e già que­sto era ab­ba­stan­za stra­no), una bot­ta mi­ci­dia­le che ha fat­to im­paz­zi­re tut­ti. Ma il guar­da­li­nee Altomare ha vi­sto una po­si­zio­ne di fuo­ri­gio­co at­ti­vo di Za­net­ti che, piz­zi­ca­to dal­le te­le­ca­me­re di Me­dia­set, ha sfio­ra­to il pal­lo­ne con la spal­la si­ni­stra. Il gol è sta­to an­nul­la­to men­tre i vio­la fe­steg­gia­va­no tut­ti da­van­ti al­la pan­chi­na e for­se qual­che ri­ser­va e qual­che ma­gaz­zi­nie­re an­che den­tro il cam­po. In quel pre­ci­so istan­te, bat­ten­do su­bi­to la pu­ni­zio­ne per il fuo­ri­gio­co, il Ca­glia­ri è par­ti­to di scat­to in con­tro­pie­de, Ma­tri ha tro­va­to un’au­to­stra­da da­van­ti a sè, ma an­che un pi­lo­ne die­tro l’ul­ti­ma cur­va e, quel pi­lo­ne po­lac­co, di no­me Bo­ruc, gli ha re­spin­to il ti­ro. Poi al­tra pal­la mes­sa da Mu­tu nel­la re­te di Agaz­zi ma col ro­me­no in fuo­ri­gio­co.

Il Ca­glia­ri si è ro­ve­scia­to nel cen­tro­cam­po vio­la, Ma­tri ha al­za­to di po­co un cross da si­ni­stra di Ra­ga­tzu, ap­pe­na en­tra­to, e con­trol­la­to da un al­tro gio­va­nis­si­mo de­but­tan­te vio­la, Cri­stia­no Pic­ci­ni, clas­se ‘92. Ma al ter­zo dei 5 mi­nu­ti di re­cu­pe­ro, Var­gas ha sba­glia­to lo stes­so iden­ti­co gol di Ma­tri: po­te­va toc­ca­re la pal­la a Mu­tu, in­ve­ce ha scel­to di ti­ra­re, ma ad­dos­so ad Agaz­zi.

L’ul­ti­mo fi­schio dell’in­cer­to Pe­ruz­zo è sta­to un sol­lie­vo per la Fio­ren­ti­na che ha in­fi­la­to la quar­ta vit­to­ria con­se­cu­ti­va in ca­sa, la se­sta com­pre­se le due di Cop­pa Ita­lia. In una squa­dra do­ve man­ca­no an­co­ra gio­ca­to­ri co­me Mon­to­li­vo, Jo­ve­tic e Gi­lar­di­no (pro­va­te a to­glie­re al Mi­lan di og­gi Am­bro­si­ni, Ro­bi­n­ho e Ibra­hi­mo­vic, op­pu­re Mau­ri, Her­na­nes e Za­ra­te al­la La­zio) è da con­si­de­ra­re un gran­de suc­ces­so. Un suc­ces­so, o quan­to me­no una buo­na idea, è sta­to an­che quel­lo di apri­re la cur­va Fer­ro­via a qual­che scuo­la cal­cio. C’era­no cen­ti­na­ia di ra­gaz­zi­ni e fi­nal­men­te un po’ d’al­le­gria.

La gio­ia di Mu­tu, 31 an­ni: non se­gna­va in A dal 17 gen­na­io

UN­DI­CI ME­SI DO­PO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.