DA PA­SCUT­TI E CER­VEL­LA­TI A DI VA­IO I ROSSOBLU’ CHE CON­QUI­STA­RO­NO MI­LA­NO

Corriere dello Sport Stadio (Nazionale) - - Bologna -

Gli eroi e i cro­cia­ti e i pro­di e gli au­da­ci ros­so­blù che con­qui­sta­ro­no San Si­ro. E co­min­cia­mo dal do­po­guer­ra (pri­ma si gio­ca­va all’Are­na) quan­do il Bo­lo­gna gui­da­to dall’ex in­te­ri­sta Al­do Cam­pa­tel­li (su­ben­tra­to al di­mis­sio­na­rio Gi­po Via­ni) espu­gna San Si­ro li­qui­dan­do con un pe­ren­to­rio tre a ze­ro pro­prio l’In­ter con gol di Cer­vel­la­ti, Ran­don e del di­cian­no­ven­ne Pa­scut­ti. Sia­mo nel­la pri­ma­ve­ra del cin­quan­ta­sei e da quel gior­no per il Bo­lo­gna a Mi­la­no ci so­no so­lo ba­sto­na­te a raf­fi­ca fin­ché pe­rò nel mar­zo del ses­san­ta­quat­tro il gran Bo­lo­gna di Ber­nar­di­ni si im­po­ne sul Milan con gol di Ha­rald Niel­sen e dell’im­man­ca­bi­le e im­pla­ca­bi­le Pa­scut­ti. I ros­so­blù vin­co­no e già pre­fi­gu­ra­no una chan­ce di quel set­ti­mo si­gil­lo che poi ver­rà. Un sal­to in avan­ti di qual­che an­no e nel­la pri­ma gior­na­ta il Bo­lo­gna di Ce­sa­ri­no Cer­vel­la­ti vin­ce a Mi­la­no (In­ter) e se­gna il gol vin­cen­te lo stra­va­gan­te Gil De Pon­ti, un to­sca­nac­cio che già a Ce­se­na gi­ron­zo­la­va te­nen­do al guin­za­glio una mal­ca­pi­ta­ta oca e an­co­ra più tar­di il Bo­lo­gna in Cop­pa Ita­lia e in una se­ra­ta di tre­gen­da (neb­bia e ne­ve) fa fuo­ri il gran Milan ber­lu­sco­nia­no e l’eroe del­la se­ra­ta è Ste­fa­no­ne Tor­ri­si che con il ri­go­re de­ci­si­vo fa cen­tro e an­cor og­gi dal­la lon­ta­na Pra­ga (Ste­fa­no­ne insieme al­la mo­glie ce­ca ha un suo ne­go­zio di ab­bi­glia­men­to la ram­men­ta l’im­pre­sa gon­fian­do i pet­to­ra­li). E nel Bo­lo­gna di Gui­do­lin il su­da­me­ri­ca­no Cruz al­la sua pri­ma sta­gio­ne bat­te la fiac­ca e al­lo­ra Gui­doln lo to­glie e al suo po­sto fa en­tra­re il bo­lo­gnes­s­si­mo Gia­co­mo Ci­pria­ni (che por­ta il Bo­lo­gna al­la vit­to­ria con una im­pe­rio­sa dop­piet­ta) e che poi do­vrà con­clu­de­re pre­sto la car­rie­ra per via di una in­cre­di­bi­le ca­te­na di in­for­tu­ni. E ne­gli an­ni Due­mi­la ar­ri­va a Bo­lo­gna Mar­co Di Va­io, qua­si sbo­lo­gna­to dal Ge­noa che non cre­de più mi­ni­ma­men­te nel gio­ca­to­re. Ma nel mat­ch di aper­tu­ra a Mi­la­no-Milan Di Va­io gio­ca per­ché al­tri non stan­no be­ne e fa gol e fa vin­ce­re il Bo­lo­gna e da quel po­me­rig­gio na­sce e ger­mo­glia per Mar­co Di Va­io, la sua gran epo­pea rossoblu. Gia­co­mo Bul­ga­rel­li rac­con­ta­va sem­pre che a Mi­la­no mai gli ave­va­no fi­schia­to un­ri­go­re a fa­vo­re, in vent’an­ni di car­rie­ra e in ef­fet­ti ra­ris­si­ma­men­te il Bo­lo­gna las­sù e riu­sci­to a sal­va­re la pel­lac­cia. Ma c’è una sto­ria da­ta­ta mil­le­no­ve­cen­to­ses­san­tu­no che vo­glio rac­con­ta­re. In­ter con­tro Bo­lo­gna, per ben quat­tro vol­te il Bol­gna va in van­tag­gio e par­ti­co­lar­men­te Pa­scut­ti e Luis Vin­cio im­per­ver­sa­no. Ma quell’In­ter del Ma­go Her­re­ra pun­tual­men­te ri­mon­ta, il por­tie­re del Bo­lo­gna San­ta­rel­li non è im­pec­ca­bi­le e in­som­ma sei a quat­tro per l’In­ter e rin­gra­zia­re. Ma quel gior­no chi era là (e an­ch’io fra i tan­ti) eb­be la sen­sa­zio­ne che stes­se per na­sce­re un gran­de Bo­lo­gna. L’an­no do­po ec­co il Bo­lo­gna da Pa­ra­di­so e, do­po due quar­ti po­sti con­se­cu­ti­vi, quel me­mo­ra­bi­le scu­det­tis­si­mo sof­fer­to e tan­to più ine­brian­te. E quel quat­tro a sei? Gia­co­mo Bul­ga­rel­li ave­va vent’an­ni, Ro­ma­no Fo­gli ne ave­va ven­ti­due e il bom­be­ris­si­mo Pa­scut­ti con i suoi ven­ti­quat­tro era nel fio­re. E al­lo­ra si, sei a quat­tro per lo­ro, ma già si sen­ti­va un gran pro­fu­mo di co­se bel­lis­si­me.

Il cen­tra­van­ti del­lo scu­det­to a di­cian­no­ve an­ni mi­se il si­gil­lo su un gran 3-0 all’In­ter

Tor­ri­si su ri­go­re pie­ga il Milan più for­te. Nell’era Gui­do­lin la dop­piet­ta di Ci­pria­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.