Con­te: Vu­ci­nic, che col­po!

Il tec­ni­co del­la Ju­ve fe­li­ce per l’ul­ti­mo ac­qui­sto e per i pri­mi ri­sul­ta­ti: «La squa­dra sta la­vo­ran­do be­ne, il pro­get­to va avan­ti». E ora as­sal­to all’ester­no: Pe­rot­ti in po­le

Corriere dello Sport - - Front Page - BA­RIL­LA’

An­to­nio Con­te, 42 an­ni og­gi: pri­ma sta­gio­ne da tec­ni­co bian­co­ne­ro

TO­RI­NO - Un ri­ta­glio di re­lax in fa­mi­glia pri­ma di im­mer­ger­si nuo­va­men­te nel­la Ju­ve, anche se, a di­re il ve­ro, An­to­nio Con­te fa­ti­ca a stac­ca­re: un po' per ca­rat­te­re, un po' per­ché ama il suo la­vo­ro, un po' per­ché la " ca­sa" è in co­stru­zio­ne e ci so­no mil­le co­se cui ba­da­re. Da Ra­lei­gh, ul­ti­ma tap­pa del­la tour­née ame­ri­ca­na, il tec­ni­co è tor­na­to co­mun­que con una cer­tez­za: la squa­dra lo se­gue con en­tu­sia­smo e non so­lo per do­ve­re, con­vin­ta da un pro­get­to tat­ti­co che me­mo­riz­za ogni gior­no di più, in­tan­to ca­pa­ce, aspet­tan­do gli au­to­ma­ti­smi e la mi­glior for­ma, di ag­grap­par­si al­la vo­lon­tà e all'ap­pli­ca­zio­ne.

Al­tra cer­tez­za, l'uni­tà d'in­ten­ti con la so­cie­tà: non ha fat­to in tem­po a ri­le­va­re la ne­ces­si­tà di nuo­vi in­ne­sti, ed ec­co Mir­ko Vu­ci­nic, ele­men­to pre­zio­so per il suo 4-2-4.

Può sor­ri­de­re, Con­te, do­po ven­ti­cin­que gior­ni di espe­ri­men­ti, aspet­tan­do la sta­gio­ne che do­vrà san­ci­re il ri­scat­to del­la Ju­ven­tus: vie­ta­to, pe­rò, cro­gio­lar­si nei pro­gres­si, per­ché la ca­sa, bel­lis­si­ma nel pla­sti­co, « è an­co­ra al­le fon­da­men­ta ». An­to­nio Con­te, vuo­le trac­cia­re un pri­mo bi­lan­cio? «Po­si­ti­vo: so­no con­ten­to di co­me sta pro­ce­den­do il la­vo­ro. La squa­dra sta cer­can­do di ca­pi­re co­sa vo­glio e io sto cer­can­do di ca­pi­re la squa­dra. La co­sa più bel­la è che tut­ti si sia­no mo­stra­ti di­spo­ni­bi­li, pron­ti a met­ter­si in gio­co». Co­me li ha con­vin­ti? «At­tra­ver­so il la­vo­ro sul cam­po e la for­za delle idee: se uno pro­pi­na fes­se­rie, è dif­fi­ci­le far­si se­gui­re».

«Stia­mo mi­glio­ran­do di gior­no in gior­no L’aspet­to po­si­ti­vo è che il grup­po ha fi­du­cia e se­gue il mio pro­get­to»

E' «Al com­pli­ca­to, con­tra­rio: è il mol­to calcio sem­pli­ce». di Con­te? La pal­la... re­go­la nu­me­ro uno: mai but­ta­re via la «Vo­glio che si gio­chi sem­pre a calcio. Cer­to, se poi ca­pi­ta il mo­men­to i cui de­vi sca­gliar­la in tri­bu­na non mi scan­da­liz­zo». Un con­cet­to su cui lei in­si­ste mol­to: l'in­ten­si­tà. «Sia­mo mi­glio­ra­ti mol­to, co­me nel­la ri­cer­ca del­la con­qui­sta del­la pal­la». La tour­née in Nord Ame­ri­ca ha evi­den­zia­to pro­gres­si in­co­rag­gian­ti... «Stia­mo cre­scen­do gior­no do­po gior­no, ep­poi ab­bia­mo vin­to due par­ti­te e que­sto aiu­ta a tro­va­re fi­du­cia in se stes­si».

Due vit­to­rie sen­za su­bi­re gol... «La di­fe­sa ha fat­to mol­to be­ne: il Chi­vas ha po­tu­to ti­ra­re in por­ta so­lo da fuo­ri area. E' im­por­tan­te per­ché il re­par­to era sta­to cri­ti­ca­to: con pre­sta­zio­ni co­sì, im­pa­ri a cre­de­re in te stes­so» Giu­di­zio ana­lo­go per l'attacco? «E' sta­to in­ci­si­vo e ha so­lo scon­ta­to la stan­chez­za» Era que­sto il li­vel­lo di pre­pa­ra­zio­ne che im­ma­gi­na­va do­po il ri­ti­ro di Bar­do­nec­chia e la tour­née? «Stia­mo pas­san­do uno step do­po l'al­tro: i cal­cia­to­ri stan­no pren­den­do fi­du­cia, ci cre­do­no, han­no vo­glia. Per la tra­sfer­ta in Ame­ri­ca io ero pes­si­mi­sta: ave­vo mes­so in pre­ven­ti­vo de­gli schiaf­fo­ni per­ché non era­va­mo pron­ti per gio­ca­re que­ste par­ti­te, in­ve­ce sia-

«La di­fe­sa ha fat­to mol­to be­ne: il Chi­vas ha ti­ra­to in por­ta so­lo da fuo­ri area E’ im­por­tan­te, per­ché il re­par­to era cri­ti­ca­to»

mo riu­sci­ti a fare una tour­née de­co­ro­sa. Pe­rò...» Pe­rò? «C'è an­co­ra tan­to da fare: non de­ve spa­ven­tar­ci, ma è be­ne te­ner­lo a men­te. Re­gi­stria­mo pu­re i pas­si fat­ti, ma... te­sta bas­sa e pe­da­la­re» E' ca­pi­ta­to, in que­sti ven­ti­cin­que gior­ni bian­co­ne­ri, che qual­che cal­cia­to­re l'ab­bia fat­ta in­ca­vo­la­re? «Mai, han­no fat­to tut­ti quel­li che do­ve­va­no». Rim­pian­ti? «Nem­me­no. Avrem­mo avu­to bi­so­gno più di al­le­nar­ci che di gio­ca­re, ma i pas­si avan­ti li ab­bia­mo com­piu­ti lo stes­so.». Al ri­tor­no da Re­lai­gh, ha tro­va­to la sor­pre­sa Vu­ci­nic... «E' di si­cu­ro un gio­ca­to­re da Ju­ven­tus, non lo sco­pro cer­to io, ma ne par­le­rò so­la­men­te quan­do sa­rà uf­fi­cial­men­te no­stro». Lei ave­va in­vo­ca­to "di­ver­si in­ne­sti", per­ciò im­ma­gi­nia­mo che il mer­ca­to non sia chiu­so: aspet­ta top o, per ri­ci­cla­re una sua bat­tu­ta, "bass" player? «Non è im­por­tan­te: con­ta sol­tan­to che chi ar­ri­va ab­bia fa­me e si met­ta a di­spo­si­zio­ne. Noi non vo­glia­mo met­ter­ci a di­spo­si­zio­ne di nes­su­no, è il con­tra­rio». In tre par­ti­te, ha ruo­ta­to tut­ti gli uo­mi­ni: non ha an­co­ra ab­boz­za­to una for­ma­zio­ne ti­to­la­re? «Lo fac­cio ap­po­sta: per me, cam­bian­do l'or­di­ne de­gli ad­den­di, il ri­sul­ta­to non de­ve cam­bia­re».

SOD­DI­SFAT­TO (La Pres­se)

An­to­nio Con­te, 42 an­ni, tor­na a ca­sa dall’Ame­ri­ca con mol­ti se­gna­li in­co­rag­gian­ti per il fu­tu­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.