A Do­na­do­ni il Ca­glia­ri pia­ce

«Nor­ma­le non es­se­re al top ora, l’im­por­tan­te è ar­ri­var­ci per l’esor­dio in cam­pio­na­to col Mi­lan»

Corriere dello Sport - - Calcio Serie A - Di Giuseppe Ami­sa­ni

LA PAR­TI­TA - «Ab­bia­mo avu­to mo­do di fare un buon te­st, contro un av­ver­sa­rio co­ria­ceo che non ha mai mol­la­to. E' sta­to po­si­ti­vo, per­ché noi ab­bia­mo sem­pre te­nu­to bot­ta e sia­mo riu­sci­ti a co­strui­re anche qual­co­sa di buo­no». L'uni­co neo po­treb­be es­se­re rap­pre­sen­ta­to dal­la scar­sa pre­ci­sio­ne ne­gli ul­ti­mi se­di­ci me­tri, ma Do­na­do­ni pre­fe­ri­sce an­da­re ol­tre e ri­ma­ne­re an­co­ra­to su­gli aspet­ti po­si­ti­vi. «E' nor­ma­le che ora ci sia un po' di stan­chez­za che non ti per­met­ta di ave­re la bril­lan­tez­za giu­sta, ma mi stu­pi­rei del con­tra­rio. Non si può pre­ten­de­re di es­se­re già a ot­ti­mi li­vel­li, ma ri­pe­to, mi in­te­res­sa che la squa­dra ab­bia rea­gi­to nel mo­do mi­glio­re e sia riu­sci­ta a co­strui­re un buon gio­co».

Gol, ve­lo­ci­tà e spet­ta­co­lo ar­ri­ve­ran­no con il pas­sa­re delle set­ti­ma­ne, anche per­ché que­sti so­no sta­ti i quin­di­ci gior­ni più pe­san­ti del­la pre­pa­ra­zio­ne. L'aspet­to del po­ten­zia­men­to mu­sco­la­re e il la­vo­ro sul­la re­si­sten­za atle­ti­ca, ha re­so me­no pre­ci­se le gam­be dei ros­so­blù che an­co­ra non gi­ra­no a mil­le. «L'av­ver­sa­rio era bel­lo to­sto, ma pre­fe­ri­sco - la con­fer­ma di Do­na­do­ni - un te­st del MA­CO­MER - Avan­ti a piccoli pas­si con l'ob­biet­ti­vo di ar­ri­va­re pron­ti al­la pri­ma ga­ra uf­fi­cia­le, l'esor­dio in cop­pa Ita­lia il 21 ago­sto pros­si­mo e so­prat­tut­to fare be­ne contro il Mi­lan al­la pri­ma di cam­pio­na­to. «Non ho più ana­liz­za­to il ca­len­da­rio, pen­so sol­tan­to al­la pri­ma par­ti­ta con il Mi­lan. Af­fron­tia­mo la squa­dra che ha cu­ci­to sul­le ma­glie lo scu­det­to, è una buo­na oc­ca­sio­ne per fare bel­la fi­gu­ra. Sap­pia­mo di po­ter mi­glio­ra­re per quel­la da­ta, il fat­to di riu­sci­re a fare be­ne di­pen­de­rà sol­tan­to ad noi». Ro­ber­to Do­na­do­ni ap­plau­de i suoi gio­ca­to­ri che ie­ri se­ra a Ma­co­mer non so­no an­da­ti ol­tre lo 0-0, ma con­si­de­ra­to il mo­men­to del­la pre­pa­ra­zio­ne e la qua­li­tà dell'av­ver­sa­rio, è sta­to co­mun­que un al­le­na­men­to più che po­si­ti­vo. ge­ne­re che una go­lea­da. Con una par­ti­ta co­me quel­la di og­gi rie­sci a cre­sce­re, e il tuo rit­mo au­men­ta. Ci man­ca an­co­ra quel­la in­ci­si­vi­tà giu­sta che, pe­rò, ar­ri­ve­rà pre­sto». L'ASPET­TO TAT­TI­CO - La squa­dra la­vo­ra già con il mo­du­lo più col­lau­da­to, anche se il tec­ni­co ros­so­blù ha pro­va­to anche a uti­liz­za­re il tri­den­te, nel fi­na­le del se­con­do tem­po, per la­scia­re più spa­zio al­le pun­te. «Pos­sia­mo gio­ca­re anche a tre in avan­ti e ho vi­sto che El Ka­bir par­ten­do più de­fi­la­to, è riu­sci­to a tro­va­re più fa­ci­li­tà nel­le sue gio­ca­te. Anche Lar­ri­vey si è mos­so con gran­de vo­lon­tà, e ha cer­ca­to di sup­por­ta­re la squa­dra».

Po­si­ti­vo anche Ibar­bo che ad ogni toc­co di pal­la ha in­fiam­ma­to gli ol­tre due­mi­la ti­fo­si di Ma­co­mer. «Con il no­stro as­set­to tat­ti­co sto cer­can­do di ca­pi­re se può fare il cen­tro­cam­pi­sta. Di si­cu­ro le due mez­ze ali si pos­so­no scam­bia­re di po­sto per­ché a me in­te­res­sa che i ruo­li sia­no oc­cu­pa­ti». Con la cre­sci­ta del­la con­di­zio­ne, il qua­dro di in­sie­me di Do­na­do­ni sa­rà più de­fi­ni­to e il Ca­glia­ri co­min­ce­rà a pren­de­re la sua fi­sio­no­mia. «Qual­cu­no è an­co­ra un po' in­die­tro, ma so­no sod­di­sfat­to com­ples­si­va­men­te. Con­ti? Sul pia­no del­la di­na­mi­ci­tà de­ve an­co­ra cre­sce­re so­prat­tut­to nel­la fa­se di co­stru­zio­ne, be­ne in­ve­ce nei con­tra­sti e nel la­vo­ro di con­te­ni­men­to. Il no­stro gio­co di­pen­de tan­to da lui, quin­di aspet­tia­mo che sia al top».

An­co­ra nes­su­na no­vi­tà, in­tan­to, sul ver­san­te mer­ca­to, ma il tec­ni­co ti­ra drit­to pen­san­do sol­tan­to a far cre­sce­re i gio­ca­to­ri. Tut­to il re­sto è in ma­no al pre­si­den­te Cel­li­no che con­ti­nua ad ope­ra­re per com­ple­ta­re l'or­ga­ni­co da met­te­re a di­spo­si­zio­ne del suo al­le­na­to­re. «So che il pre­si­den­te ci tie­ne a fare le co­se per be­ne e sia­mo in per­fet­ta sin­to­nia, quin­di non ho ti­mo­ri. Lo la­scio la­vo­ra­re tran­quil­lo, di si­cu­ro ci da­rà quel­lo che serve al­la squa­dra».

«Stan­chez­za e scar­sa in­ci­si­vi­tà ora ci stan­no E l’Ajac­cio era to­sto Ma di si­cu­ro una ga­ra co­sì aiu­ta a cre­sce­re»

Una ser­pen­ti­na di Vic­tor Ibar­bo, 21 an­ni, nell’ami­che­vo­le di ie­ri a Ma­co­mer contro l’Ajac­cio Abbadia S.Salv. SIE­NA-Pia­ne­se (ore 17) Fiug­gi LA­ZIO-Reg­gi­na (ore 17) Ac­qui Ter­me NO­VA­RA-Re­na­te (ore 17) Du­bli­no IN­TER-Man­che­ster Ci­ty (ore 17.30) Barakaldo Athletic Bil­bao-CA­TA­NIA (ore 21) Vi­la Real Vil­lar­real-LA­ZIO (ore 22)

Lon­dra PAR­MA-Lu­ton Fc (ore 20.45) Ro­vet­ta ATALANTA A-Lumezzane (ore 16.30) Abbadia S. Salv. SIE­NA-Ma­ri­no (ore 17) Se­sto­la BO­LO­GNA-Car­pi (ore 17) Ar­bus CA­GLIA­RI-Tre­vi­so (ore 18) San Pie­ro FIO­REN­TI­NA-Ga­vor­ra­no (ore 18.30 Ro­vet­ta ATALANTA B-Pra­to (ore 19.30) Bu­da­pe­st Va­sas Bu­da­pe­st-RO­MA (ore 20.30)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.