Alon­so: Han­no un bot­to­ne ma­gi­co

«Qual­co­sa fa vo­la­re nel­la Q3 la Red Bull di Vet­tel: per me ri­ma­ne ir­rag­giun­gi­bi­le»

Corriere dello Sport - - Formula 1 Oggi Gp D’ungheria - Dall'in­via­to Ma­rio Vig­gia­ni

BU­DA­PE­ST - Vi­sta da fuo­ri e vi­sta da den­tro, do­ve il den­tro sta per abi­ta­co­lo del­la Fer­ra­ri. Fer­nan­do Alon­so la met­te co­sì, per spie­ga­re il quin­to po­sto che og­gi lo co­strin­ge­rà ad av­viar­si dal­la quin­ta po­si­zio­ne in gri­glia, anche se dal­la par­te pu­li­ta del­la pi­sta. Un ri­sul­ta­to de­lu­den­te per co­me è sca­tu­ri­to, con lo spa­gno­lo in­ca­pa­ce di mi­glio­ra­re in Q3 l'1'20"365 rea­liz­za­to in Q2, pro­prio men­tre in­ve­ce Jen­son But­ton con la McLa­ren e in­fi­ne il suo com­pa­gno Fe­li­pe Mas­sa lo han­no but­ta­to in­die­tro di una fi­la e due po­sti.

«Da fuo­ri - è la sua spie­ga­zio­ne - do­po le li­be­re po­te­va sem­bra­re che ci fos­se­ro i pre­sup­po­sti per un ri­sul­ta­to mi­glio­re, se non la po­le. E in­ve­ce non mi aspet­ta­vo nien­te di più dal Q3, per­ché io gi­ra­vo su rit­mi co­stan­ti e lo­ro in­ve­ce co­me sem- pre era­no pron­ti a spin­ge­re ul­te­rior­men­te. Né so­no sor­pre­so che la Red Bull sia sem­pre da­van­ti a tut­ti: c'era riu­sci­ta ne­gli al­tri die­ci gran pre­mi, quin­di è nor­ma­le che l'ab­bia fat­to per l'un­di­ce­si­ma vol­ta, anche se in In­ghil­ter­ra l'ab­bia­mo bat­tu­ta noi e in Ger­ma­nia la McLa­ren. Am­met­to che nel gi­ro fi­na­le non so­no sta­to per­fet­to, che ho sba­glia­to qual­co­sa, ma non serve a cam­bia­re al­cun­ché. D'al­tron­de, sem­bra che nel Q3 lo­ro ab­bia­no un bot­to­ne ma­gi­co che li fa chiu­de­re sem­pre da­van­ti a tut­ti. Io, anche sen­za que­gli er­ro­ri, al mas­si­mo avrei rea­liz­za­to un tem­po si­mi­le a But­ton e non avrei con­qui­sta­to la pri­ma fi­la» .

Lo spa­gno­lo si di­vi­de tra rea­li­smo e ot­ti­mi­smo.

«Par­ten­do quin­to, sa­rà du­ra vin­ce­re. Fos­si ri­ma­sto ter­zo, sa­reb­be sta­to di­ver­so, per­ché qui con­ta tan­tis­si­mo re­sta­re da­van­ti sca­val­can­do ma­ga­ri gli al­tri al

«Dal­la ter­za po­si­zio­ne avrei po­tu­to pen­sa­re di vin­ce­re, dal­la quin­ta è dif­fi­ci­le. Co­mun­que non mi ar­ren­do»

via. Tut­ta­via me­glio che quin­to e av­viar­si sul­la par­te pu­li­ta, che quar­to da quel­la spor­ca. Per il re­sto, sap­pia­mo che in ga­ra le no­stre pre­sta­zio­ni so­no più con­si­sten­ti, co­me ab­bia­mo vi­sto a Sil­ver­sto­ne, do­ve ho vin­to, e al Nür­bur­gring, do­ve ho lot­ta­to fi­no all'ul­ti­mo per il suc­ces­so» .

Co­sa cam­bia al via, con Mas­sa da­van­ti?

«Bè, ma­ga­ri do­vrò es­se­re più pru­den­te, ma de­vo re­cu­pe­ra­re e quin­di fa­rò di tut­to per par­ti­re for­te e cer­ca­re subito di re­cu­pe­ra­re. Se ci riu­sci­rò, ma­ga­ri in tem­pi ra­pi­di, al­lo­ra po­trò dav­ve­ro pen­sa­re al­la vit­to­ria anche sta­vol­ta. In­tan­to complimenti a Fe­li­pe, ha fat­to un gi­ro bel­lis­si­mo e un gran la­vo­ro. E poi è im­por­tan­te es­se­re tut­ti e due com­pe­ti­ti­vi al­lo stes­so mo­do, con la pos­si­bi­li­tà di fi­ni­re en­tram­bi da­van­ti al­le Red Bull, ma­ga­ri in­sie­me al­la McLa­ren (e quin­di to­glie­re pun­ti pre­zio­si al lea­der del Mon­dia­le - ndr). sa è mol­to aper­ta anche sta­vol­ta» . La ga­ra idea­le per vin­ce­re? «Bè, che gli al­tri che mi par­to­no da­van­ti sia­no tut­ti fuo­ri al­la pri­ma cur­va. Scher­zi a par­te, ser­vi­ran­no una bel­la par­ten­za per non re­sta­re nel grup­po, un buon rit­mo e pit stop per­fet­ti al mo­men­to giu­sto, ol­tre ov­via­men­te al­la for­tu­na. So­prat­tut­to la par­ten­za, ri­pe­to, sa­rà im­por­tan­te: con una buo­na, può cam­bia­re tut­ta la ga­ra. Ov­vio che cer­che­rò di fre­na­re più tar­di pos­si­bi­le, nel ten­ta­ti­vo di in­fi­la­re But­ton per esem­pio» . Il fa­vo­ri­to? «Di­rei Ha­mil­ton, per­ché nel week-end il suo ren­di­men­to com­ples­si­vo è sta­to ele­va­to» . E per il Mon­dia­le? «Il cam­pio­na­to è nel­le ma­ni di Vet­tel. La pres­sio­ne è tut­ta sua, noi non ab­bia­mo più nien­te da per­de­re. Dob­bia­mo so­lo pen­sa­re a vin­ce­re quan­to più pos­si­bi­le da qui al­la fi­ne del­la sta­gio­ne» .

«Complimenti a Fe­li­pe per il gran gi­ro e il suo la­vo­ro. E’ im­por­tan­te por­ta­re via più pun­ti pos­si­bi­le a Se­ba­stian»

IN TER­ZA FI­LA

Fer­nan­do Alon­so, 30 an­ni, ie­ri non è sta­to bril­lan­tis­si­mo nel­la Q3: par­te die­tro Vet­tel, le due McLa­ren e il com­pa­gno Mas­sa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.