«Bel­lo pre­ce­de­re Alon­so Ora dob­bia­mo cre­der­ci»

Corriere dello Sport - - Formula 1 Oggi Gp D’ungheria - Dall'in­via­to (An­sa) m.v.

Fe­li­pe Mas­sa, 30 an­ni, con Lewis Ha­mil­ton, 26 BU­DA­PE­ST - Sa­rà il Gua­ra­nà die­te­ti­co, la bi­bi­ta che gli fa com­pa­gnia a la­vo­ro fi­ni­to. Sa­rà la spin­ta dei ti­fo­si un­ghe­re­si. Fat­to sta che Fe­li­pe Mas­sa per la pri­ma in que­sto Mon­dia­le è fi­ni­to da­van­ti a Fer­nan­do Alon­so nel­le qua­li­fi­che e og­gi par­ti­rà quar­to in gri­glia.

«Mi fa pia­ce­re aver sca­val­ca­to il mio com­pa­gno, psi­co­lo­gi­ca­men­te è un bell'aiu­to. In ogni ca­so quel­lo che con­ta è es­se­re da­van­ti a tut­ti, ma­ga­ri ci riu­sci­re­mo nel­le pros­si­me oc­ca­sio­ni. Co­mun­que per la ga­ra so­no ot­ti­mi­sta: in quel­le più re­cen­ti ab­bia­mo di­mo­stra­to di es­se­re in gra­do di ri­bal­ta­re il ver­det­to delle qua­li­fi­che, la vit­to­ria di Fer­nan­do a Sil­ver­sto­ne è lì a te­sti­mo­niar­lo» .

Tut­ta­via qual­che pro­ble­mi­no c'è sta­to, anche nel gi­ro più ve­lo­ce del bra­si­lia­no. E in as­so­lu­to du­ran­te tut­ta la gior­na­ta.

«Al mat­ti­no, nel­le li­be­re, ave­vo mol­to so­vra­ster­zo. Si­ste­ma­to quel­lo, è ve­nu­to fuo­ri il sot­to­ster­zo, da­van­ti la mac­chi­na non era giu­sta. Nel Q3 in­ve­ce mi so­no tro­va­to un po' in dif­fi­col­tà nel se­con­do set­to­re per il ven­to» .

Mas­sa sul­la ga­ra la pen­sa co­me Alon­so.

«Red Bull e McLa­ren so­no sem­pre ve­lo­ci e in qua­li­fi­ca ren­do­no di più, pe­rò noi ci sia­mo. Scat­te­rò dal la­to spor­co del­la pi­sta, e que­sto non mi age­vo­le­rà. Tut­ta­via con­to di pren­de­re una buo­na par­ten­za e poi fare tut­to be­ne» .

DOMENICALI - Ste­fa­no Domenicali, team prin­ci­pal del­la Fer­ra­ri, ave­va qua­si fat­to la boc­ca al­la po­le.

«Con una no­sta mac­chi­na da­van­ti a tut­ti nel Q1 e nel Q2... Pe­rò sap­pia­mo che sa­reb­be sta­to mol­to dif­fi­ci­le re­sta­re da­van­ti a tut­ti e co­sì è an­da­ta. D'al­tron­de Ha­mil­ton era an­da­to for­te in ogni ses­sio­ne delle li­be­re, e la Red Bull ti­ra sem­pre fuo­ri una pre­sta­zio­ne da po­le. Non sia­mo riu­sci­ti a rea­liz­za­re il gi­ro per­fet­to con nes­su­no dei no­stri pi­lo­ti, e quin­di par­ti­re­mo an­co­ra in quar­ta e quin­ta po­si­zio­ne (a po­sti in­ver­ti­ti: Alon­so in Ger­ma­nia era da­van­ti a Mas­sa, ov­via­men­te - ndr). In ga­ra ti­ria­mo fuo­ri qual­co­sa in più ri­spet­to ai no­stri av­ver­sa­ri, pe­rò qui il cir­cui­to (Vet­tel l'ha de­fi­ni­to «di To­po­li­no, in al­cu­ni pun­ti» - ndr) non ci da­rà una ma­no e i sor­pas­si sa­ran­no com­pli­ca­ti. La par­ten­za na­tu­ral­men­te avrà mol­to pe­so sul­lo svi­lup­po del­la ga­ra, co­me pu­re il com­por­ta­men­to de­gli pneu­ma­ti­ci. Tut­ta­via la par­ti­ta è mol­to aper­ta, co­me tut­te quel­le re­cen­ti» .

FRY - Pat Fry, l'uo­mo dei te­lai ros­si, ha so­prat­tut­to una pre­oc­cu­pa­zio­ne: «Quei de­ci­mi che per­dia­mo nel ter­zo set­to­re, do­ve sof­fria­mo in mo­do par­ti­co­la­re. Cer­che­re­mo di ri­me­dia­re ma­ga­ri con una scel­ta ot­ti­ma­le nell'ef­fet­tua­zio­ne dei pit stop» .

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.