«Con i sol­di lo­ro vin­co per 10 an­ni»

De Lau­ren­tiis: «Non ci so­no 17 pun­ti tra noi e la Ju­ve E se poi da­te 150 mi­lio­ni di fat­tu­ra­to in più a me...»

Corriere dello Sport - - Serie A: 31a Giornata - Dal­la re­da­zio­ne An­to­nio Giordano

NA­PO­LI - Il cal­cio: nel­le sue vi­bra­zio­ni, de­cli­na­to per in­can­ta­re, espres­so con la leg­ge­rez­za d'una etoi­le ed un'ele­gan­za per­si­no stor­den­te. Il cal­cio: nel suo splen­do­re in­can­te­vo­le, mezz'ora che lo su­bli­ma­no ed il re­sto che de­li­zia. Il cal­cio: co­me se fos­se una fa­vo­la per gran­di e pic­ci­ni, un sof­fio lie­ve e am­ma­lian­te che tra­sci­na all'esta­si Au­re­lio De Lau­ren­tiis: «Co­sì si gio­ca!» . Il cal­cio è in quel po­ster sci­vo­la­to via nel­la not­te del­le stel­le, l'im­men­si­tà che av­vol­ge: e men­tre in­tor­no son «sur­da­ti nnam­mu­ra­ti», la not­ta­ta di De Lau­ren­tiis è tra­vol­ta da quel­la enor­mi­tà ch'è sta­to il Na­po­li, ce­le­bra­to pri­ma con cen­to­qua­ran­ta ca­rat­te­ri af­fet­tuo­sis­si­mi e poi at­tra­ver­so una se­rie di con­si­de­ra­zio­ni spar­si tra le goc­ce d'eu­fo­ria: «E' co­sì che si gio­ca! Non c'era­no ven­ti pun­ti tra noi e lo­ro e non ce ne so­no nean­che di­cias­set­te. So­no or­go­glio­so di que­sto Na­po­li» .

SCA­TE­NA­TO - Il cal­cio d'ine­brian­te bel­lez­za è rac­chiu­so in Na­po­li-Ju­ven­tus, in una se­ra­ta d'ono­re in cui non c'è trac­cia del­la «Vec­chia Si­gno­ra» ma sem­pli­ce­men­te la na­tu­ra­lez­za di scu­gniz­zi che ri­ca­ma­no, s'esal­ta­no, si stac­ca­no dal suo­lo e vo­la­no in una di­men­sio­ne oni­ri­ca nel­la qua­le De Lau­ren­tiis si lan­cia at­tra­ver­so un lin­guag­gio «ci­ne­ma­to­gra­fi­co» a pre­sa ra­pi­da: «Da­te­mi cen­to­cin­quan­ta mi­lio­ni di fat­tu­ra­to in più a sta­gio­ne e vin­co lo scudetto per die­ci an­ni di fi­la».

Il cal­cio cham­pa­gne è bol­li­ci­ne ubria­can­ti di no­van­ta mi­nu­ti che rap­pre­sen­ta­no lo spar­tiac­que tra ciò ch'è sta­to e quel po­te­va es­se­re: e pe­rò, in quell'uni­ver­so tra­vol­gen­te, c'è la sin­te­si d'una «nor­ma­li­tà» da in­se­gui­re, da go­ver­na­re at­tra­ver­so la pa­zien­za, la «tol­le­ran­za», al­la qua­le s'ap­pel­la De Lau­ren­tiis quan-

do «ar­rin­ga» il San Pao­lo: «Gioi­te, ora gioi­te. Vi sa­re­te di­ver­ti­ti e que­sta dif­fe­ren­za di cen­to­cin­quan­ta mi­lio­ni di fat­tu­ra­to non s'è vi­sto. Noi na­po­le­ta­ni do­vrem­mo es­se­re me­no ro­si­co­ni, la­men­tar­ci di me­no, per­ché ci so­no an­che mo­men­ti ne­ga­ti­vi. Ma è co­sì che si gio­ca. Ab­bia­mo fat­to un gran­de pos­ses­so pal­la per qua­ran­ta­cin­que mi­nu­ti, nel­la ri­pre­sa c'è sta­to più equi­li­brio. E il di­scor­so sul­lo sta­dio, uti­le per col­ma­re il gap, non può es­se­re rias­sun­to in po­che bat­tu­te, an­dreb­be fat­to in ma­nie­ra am­pia» .

SHOW MU­ST GO ON - Ma è una se­ra­ta ca­ri­ca, in­ten­sa, in cui la fe­li­ci­tà è pal­pa­bi­le: è ne­gli oc­chi del­la gen­te, è in quel san Pao­lo che re­sta lì, «scioc­ca­to» da una par­ti­ta sem­pre vi­va, mai ba­na­le, rias­sun­ta da un De Lau­ren­tiis ap­pa­ga­to in una fo­to­gra­fia che la con­den­sa: «Il pri­mo tem­po sia­mo sta­ti per­fet­ti: set­tan­ta mi­nu­ti di cir­co­la­zio­ne del­la pal­la» . Ed è un pie­no d'eu­fo­ria con­ta­gio­so, è (poi) adre­na­li­na al­lo sta­to pu­re che scor­re a fiu­mi e che pe­rò ad un cer­to punto di­vie­ne per­si­no in­con­trol­la­bi­le nell'al­lu­sio­ne di De Lau­ren­tiis: «So­no an­da­to a Sky per­ché vo­le­vo con­so­la­re la D'Ami­co, ma pur­trop­po non era in tra­smis­sio­ne. Pec­ca­to» .

AVAN­TI COSI' - Na­po­li 2 e Ju­ven­tus 0: al ter­mi­ne di una se­ra­ta che re­sta, che bril­la in quel­le te­ne­bre ora at­tra­ver­sa­te dal de­si­de­rio di non stac­car­si mai da una par­ti­ta de­li­zio­sa e per­si­no de­li­ca­ta, un mes­sag­gio da co­glie­re per il fu­tu­ro e pe­rò pu­re un'oc­ca­sio­ne per in­tru­fo­lar­si - dia­let­ti­ca­men­te - in un pro­vo­ca­to­rio gio­co del­le par­ti che De Lau­ren­tiis fa suo cin­guet­tan­do­lo al mon­do: «Da­te­mi i cen­to­cin­quan­ta mi­lio­ni di fat­tu­ra­to in più e vin­co lo scudetto per die­ci an­ni di fi­la» . E' il cal­cio che ali­men­ta i so­gni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.