Rom­pi­ca­po Ra­fa chi re­sta fuo­ri?

Cal­le­jon, In­si­gne, Mer­tens e Ham­sik: uno è di trop­po

Corriere dello Sport - - Calcio Serie A - Di An­to­nio Giordano

Uno è di trop­po: ed è un do­lo­re (qua­si) fi­si­co do­ver­vi ri­nun­cia­re. « Per me, è dif­fi­ci­le: per­ché nel­la se­con­da li­nea, da quei quat­tro lì, ho ot­te­nu­to sem­pre tan­tis­si­mo». Jo­sè Cal­le­jon e Lo­ren­zo In­si­gne, Ma­rek Ham­sik e Dries Mer­tens: la­dies and gen­tl­men, fa­te il vo­stro gio­co, la ruo­ta del­la for­tu­na gi­ra all'im­paz­za­ta. Eh sì, ce n'è sem­pre uno di trop­po, là in mez­zo, in quel­la ter­ra di nes­su­no che in­ve­ce è pa­tri­mo­nio dell'uma­ni­tà cal­ci­sti­ca, in quel mi­cro­co­smo in cui si me­sco­la il ge­nio con la sre­go­la­tez­za, il ta­len­to con l'atle­ti­smo: pe­rò si chia­ma 4-2-3-1 e non può pre­ve­de­re con­ces­sio­ni, al­tri­men­ti sai che ba­raon­da.

Ed al­lo­ra, la pa­ro­la al cu­sci­no (si fa per di­re), in real­tà (in teo­ria, ov­via­men­te) l'in­ter­lo­cu­to­re pre­fe­ri­to da Ra­fael Be­ni­tez, che sa ama­bil­men­te de­pi­sta­re i cro­ni­sti e pu­re i pro­ta­go­ni­sti d'un brac­cio di fer­ro ad ol­tran­za, che va avan­ti da sem­pre, da quan­do è (ri)na­to il suo Na­po­li e che pu­re al­lo sta­dio Olim­pi­co pre­ve­de­rà su­span­ce.

AT­TEN­TI A QUEI DUE... Pu­re que­sti han­no un'ani­ma ed aiu­ta­no a rac­con­ta­re un an­no in­te­ro: è una re­tro­spet­ti­va su quel­lo che è ac­ca­du­to ma è an­che la chiave di lettura per pro­va­re ad in­tru­fo­lar­si nel­la vi­gi­lia d'una sfi­da che non con­sen­te di sba­glia­re e che s'an­nun­cia (ma­nia­cal­men­te) pre­pa­ra­ta nei det­ta­gli. Lo spa­gno­lo Cal­le­jon è una sor­ta di to­tem: la fa­scia de­stra è la sua, il ti­to­lo di vi­ce­ca­po­can­no­nie­re az­zur­ro pu­re: in

At­tac­co al com­ple­to il tec­ni­co, fe­de­le al suo sche­ma, de­ve de­ci­de­re a chi ri­nun­cia­re Lo spa­gno­lo se­gna di più, ma Lo­ren­zo vo­la. Il bel­ga ha l'esplo­si­vi­tà, Ma­rek dà equi­li­brio

cam­pio­na­to ha mes­so as­sie­me tren­ta­quat­tro pre­sen­ze, svi­lup­pa­te con 2642 mi­nu­ti, e que­sto ba­sta per as­se­gnar­li (pra­ti­ca­men­te) di di­rit­to, la ma­glia. Ma In­si­gne non gli è da me­no, ha lo stes­so nu­me­ro di par­ti­te, ha qual­che se- con­do in me­no - per­ché sia­mo a 2212 mi­nu­ti - cer­to gli man­ca­no i gol ma non i chi­lo­me­tri per­cor­si, per di­fen­de­re e per at­tac­ca­re. E A QUE­GLI AL­TRI DUE. Poi c'è Mer­tens, che ha gam­ba, esplo­si­vi­tà, un sen­so del­la pro­fes­sio­na­li­tà che ha col­pi­to Be­ni­tez e quel­le tren­ta ga­re che pe­sa­no: pre­ca­rio per mo­do di di­re, one­sta­men­te. Ma­rek Ham­sik è sci­vo­la­to - sta­ti­sti­ca­men­te - un fi­li­no al­le spal­le del­la com­pa­gnia, ma nel suo cur­ri­cu­lum sta­gio­na­le ci so­no i due me­si di inat­ti­vi­tà che gli han­no tol­to non so­lo le op­por­tu­ni­tà ma an­che la bril­lan­tez­za del re­cen­tis­si­mo pas­sa­to: pe­rò è co­mun­que ap­pro­da­to a ven­ti­sei par­ti­te di cam­pio­na­to (e a 1706 mi­nu­ti) e poi con­ce­de equi­li­brio, ha la pos­si­bi­li­tà di di­va­ga­re: « Lui è in­tel­li­gen­te ed in cam­po può fa­re ciò che vuo­le» .

E pe­rò (pu­re) ades­so bi­so­gna star­se­ne a me­di­ta­re, per­ché il mo­du­lo non cam­bia (né può cam­bia­re) e per­ché al­le spal­le del Pi­pi­ta c'è una dol­ce, fe­ro­ce, ter­ri­bi­le ab­bon­dan­za da go­ver­na­re e un uo­mo da sa­cri­fi­ca­re: un cu­sci­no per Ra­fa, ser­ve per la­sciar­si an­da­re....

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.