El Shaa­rawy è tor­na­to in grup­po

Corriere dello Sport - - Calcio Serie A - Di Giu­sep­pe Ami­sa­ni

A iden­ti­ca do­man­da, iden­ti­ca ri­spo­sta: «So­lo fan­ta­sie al­trui». Ber­lu­sco­ni ha ri­spo­sto co­sì, in­fat­ti, a chi gli chie­de­va (sta­vol­ta “Mat­ti­no 5") dell’even­tua­le ces­sio­ne del Mi­lan. Il pa­tron ros­so­ne­ro, in­som­ma, ha ri­ba­di­to ciò che ave­va già af­fer­ma­to la scor­sa set­ti­ma­na: a ven­de­re il Dia­vo­lo non ci pen­sa nem­me­no. Re­sta in pie­di in­ve­ce la ri­cer­ca di un so­cio di mi­no­ran­za - dal 20 al 30%, fi­no ad ar­ri­va­re al 35% nel ca­so ci fos­se un coin­vol­gi­men­to pu­re nel­la co­stru­zio­ne del nuo­vo sta­dio -, ri­cer­ca per cui è sta­ta ri­chie­sta la con­su­len­za del­la ban­ca d’af­fa­ri La­zard e per la qua­le è di­ret­ta­men­te coin­vol­ta la

fi­glia Bar­ba­ra. NON CAM­BIA? Nel frat­tem­po, il Mi­lan, in­te­so co­me squa­dra, si av­vi­ci­na al der­by con l’In­ter, una sfi­da che po­treb­be ria­pri­re o chiu­de­re de­fi­ni­ti­va­men­te il di­scor­so Europa Lea­gue. Ie­ri See­dorf ha par­la­to a tut­ta la squa­dra pri­ma dell’al­le­na­men­to (uni­co col­lo­quio sin­go­lo con Ka­kà, va­le a di­re uno de­gli ele­men­ti a lui più vi­ci­ni), per poi de­di­car­si ad una se­rie di eser­ci­ta­zio­ni tat­ti­che sud­di­vi­se per re­par­ti. Al mo­men­to le car­te so­no sta­te am­pia­men­te mi­schia­te, ma i se­gna­li sem­bra­no an­da­re ver­so una con­fer­ma dell’im­po­sta­zio­ne esi­bi­ta nel­le ul­ti­me ga­re. In so­stan­za, l’olan­de­se an­dreb­be avan­ti per la sua stra­da, igno­ran­do i de­si­de­ra­ta di Ber­lu­sco­ni, che vor­reb­be un mo­du­lo dif­fe­ren­te, ov­ve­ro una me­dia­na a tre e con Ka­kà tre­quar­ti­sta die­tro ad un tan­dem di pun­te con e Paz­zi­ni ad af­fian­ca­re Ba­lo­tel­li. Pro­ba­bil­men­te sa­reb­be sba­glia­to par­la­re di ve­ro e pro­prio sgar­bo, sem­mai, See­dorf non avreb­be in­ten­zio­ne di ri­nun­cia­re al­le sue idee. Da re­gi­stra­re, in­ve­ce, una buo­na no­ti­zia, co­mun­que at­te­sa e pre­vi­sta, os­sia il de­fi­ni­ti­vo rien­tro in grup­po di El Shaa­rawy, ac­col­to dai com­pa­gni con una fra­se: «Un ap­plau­so a Ste che è tor­na­to ad es­se­re il Fa­rao­ne». Buo­na, an­zi buo­nis­si­ma, la pri­ma di Mar­co Sil­ve­stri che in ap­pe­na no­van­ta mi­nu­ti ha fat­to in­na­mo­ra­re di se tut­to il po­po­lo ros­so­blù con una ot­ti­ma pre­sta­zio­ne nel gior­no del suo esor­dio in se­rie A e con la ma­glia del Ca­glia­ri. Una gior­na­ta da in­cor­ni­cia­re, co­me l'ha de­fi­ni­ta lo stes­so por­tie­re emi­lia­no, che ora spe­ra di ave­re un po' di con­si­de­ra­zio­ne in più sia in que­sta fa­se fi­na­le del­la sta­gio­ne che per il fu­tu­ro. SA­RA­CI­NE­SCA AB­BAS­SA­TA. « Non avrei cer­to po­tu­to im­ma­gi­na­re un esor­dio mi­glio­re» le sue pri­me pa­ro­le do­me­ni­ca po­me­rig­gio al ter­mi­ne del­la sfi­da con­tro il Par­ma nel cor­so del­la qua­le ha det­to di no a Cas­sa­no, Ac­quah e Amau­ri che so­no sta­ti tra i più in­si­dio­si dal­le sue par­ti. Cer­to, qual­co­sa an­drà an­co­ra mi­glio­ra­to so­prat­tut­to nel­le usci­te, ma in li­nea di mas­si­ma la sua pre­sta­zio­ne ha con­vin­to non so­lo i ti­fo­si ma so­prat­tut­to la so­cie­tà che ora avrà tem­po fi­no al­la fi­ne di giu­gno per ri­scat­tar­lo. Il suo ar­ri­vo in Sar­de­gna, in­fat­ti, è sta­to per­fe­zio­na­to a gen­na­io con la for­mu­la del pre­sti­to con di­rit­to di ri­scat­to e al­la so­cie­tà iso­la­na non re­sta che far va­le­re la vo­lon­tà di vo­ler­lo trat­te­ne­re per as­si­cu­rar­si un gio­ca­to­re dal fu­tu­ro as­si­cu­ra­to. «Per me sa­reb­be la scel­ta idea­le per­ché mi so­no tro­va­to be­ne fin dal mio pri­mo gior­no qui. Il grup­po è ec­ce­zio­na­le e mi ha ac­col­to be­nis­si- mo, ma mi è pia­ciu­ta an­che la cit­tà che con il suo ma­re mi ha stre­ga­to. Ora di­pen­de dal­la so­cie­tà per­ché se a de­ci­de­re fos­si so­lo io di­rei su­bi­to di si». IL FU­TU­RO. Il suo col­le­ga Avra­mov, squa­li­fi­ca­to do­me­ni­ca scor­sa, vor­reb­be ri­pren­der­si la sce­na ma non è det­to che Pul­ga sia d'ac­cor­do. Sil­ve­stri non ha gio­ca­to al­tre sfi­de se non quel­la con­tro la for­ma­zio­ne emi­lia­na e la so­cie­tà vor­rà ve­der­lo all'ope­ra per ca­pi­re se si è trat­ta­to di no­van­ta mi­nu­ti di gra­zie o se l'estre­mo di­fen­so­re ha i nu­me­ri per re­sta­re in se­rie A. « Fi­no ad ora ho fat­to la clas­si­ca sca­la­ta fi­no ad ar­ri­va­re nel­la mas­si­ma se­rie. Il mio ram­ma­ri­co più gran­de è non es­se­re riu­sci­to ad esor­di­re pri­ma, nei due an­ni con il Chie­vo, ma va­le­va la pe­na aspet­ta­re per una par­ti­ta del ge­ne­re». I ti­fo­si lo han­no già adot­ta­to an­che se per un por­tie­re è fa­ci­le ca­de­re dal­le stel­le al­le stal­le con qual­che ge­sto tec­ni­co non im­pec­ca­bi­le. Ne san­no qual­co­sa i pre­de­ces­so­ri di un Sil­ve­stri che co­mun­que è ap­par­so mol­to si­cu­ro di se. «Mi so­no di­ver­ti­to e ho cer­ca­to di fa­re quel­lo che so fa­re sen­za esa­ge­ra­re. Un po' quel­lo che mi han­no det­to il pre­pa­ra­to­re Fac­cio­lo e il mio com­pa­gno di re­par­to Avra­mov. A fi­ne par­ti­ta mi han­no fat­to en­tram­bi i complimenti». Sen­za tra­la­scia­re il fat­to che il Ca­glia­ri, per ap­pe­na la set­ti­ma vol­ta su tren­ta­cin­que par­ti­te, è riu­sci­to a te­ne­re la sua por­ta in­vio­la­ta. «Mi pia­ce­reb­be ave­re più spa­zio, io so­no pron­to».

LAPRESSE

Mar­co Sil­ve­stri, 23 an­ni, po­treb­be es­se­re ri­scat­ta­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.