Pul­vi­ren­ti e il Ca­ta­nia ri­par­to­no da Co­sen­ti­no

E' sta­to no­mi­na­to am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to: pie­ni po­te­ri per ri­co­strui­re la squa­dra che do­vrà tor­na­re in A

Corriere dello Sport - - Calcio Serie A - Di Con­cet­to Man­ni­si

«So che so­no sta­ti com­mes­si de­gli er­ro­ri e so pu­re di qua­li er­ro­ri si trat­ta. Uno, cer­ta­men­te, è sta­to quel­lo di non con­ce­de­re più spa­zio a una ri­sor­sa co­me Pa­blo Co­sen­ti­no» . Co­sì ave­va par­la­to, nean­che due set­ti­ma­ne fa, il pre­si­den­te del Ca­ta­nia, Ni­no Pul­vi­ren­ti. La sua squa­dra era pron­ta a gio­car­si le ul­ti­me fi­ches sul ta­vo­lo ver­de del­la sal­vez­za, ma lui, ga­ran­ten­do di ave­re pron­to sia il pia­no da cui ri­par­ti­re in ca­so di un'im­pro­ba­bi­le per­ma­nen­za in Se­rie A, sia quel­lo at­tra­ver­so cui ri­tor­na­re in au­ge nel ca­so di quel­la che or­mai pos­sia­mo con­si­de­ra­re cer­ta re­tro­ces­sio­ne in Se­rie B, di­mo­stra­va spi­ri­to cri­ti­co, in­tra­pren­den­za e im­me­dia­ta vo­glia di ri­par­ti­re con una fra­se che a qual­che ti­fo­so ha fat­to stor-

ce­re il na­so. OPE­RA­TO­RE. Per­ché Pa­blo Co­sen­ti­no, per mol­ti, è sta­to l'ope­ra­to­re di mer­ca­to che non è riu­sci­to a por­ta­re in ros­saz­zur­ro l'at­tac­can­te in gra­do di far ti­ra­re il fia­to all'oc­cor­ren­za a Ber­ges­sio, ma­ga­ri af­fian­car­lo e di­vi­de­re con lui le bot­te al mo­men­to op­por­tu­no, quin­di di far spic­ca­re il vo­lo di que­sta squa­dra ver­so la per­ma­nen­za in se­rie A. Non la pen­sa co­sì, è evi­den­tis­si­mo, il mas­si­mo di­ri­gen­te del Ca­ta­nia, il qua­le do­po ave­re par­la­to ha pu­re de­ci­so. Nel sen­so che, do­po ave­re an­nun­cia­to che avreb­be in­ve­sti­to mag­gior­men­te sull'ex pro­cu­ra­to­re ar­gen­ti­no, Pul­vi­ren­ti ha as­se­gna­to a Co­sen­ti­no un ruo­lo im­por­tan­tis­si­mo in se­no al­la so­cie­tà ros­saz­zur­ra: quel­lo di am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, in pratica il brac­cio ope­ra­ti­vo, con pie­ni po­te­re, del pre­si­den­te. Una scel­ta che chi co­no­sce Pul­vi­ren­ti sa­pe­va per­fet­ta­men­te sa­reb­be sta­ta fat­ta, no­no­stan­te le cri­ti­che pio­vu­te in que­sti me­si ad­dos­so all'or­mai ex vi­ce­pre­si­den­te.

Vi­ta­li­ti sa­rà il vi­ce­pre­si­den­te Già scel­to il nuo­vo tec­ni­co che per ora ri­ma­ne top se­cret

RI­TOR­NO. Il nu­me­ro uno del Ca­ta­nia stra­ve­de per Co­sen­ti­no ed è cer­to che gra­zie a lui que­sta squa­dra ri­tor­ne­rà lì da do­ve sa­rà co­stret­ta ad an­da­re via al ter­mi­ne di que­sta sta­gio­ne dis­sen­na­ta. Per fa­re que­stio gli sta dan­do, nei fat­ti, pie­ni po­te­ri: il nuo­vo am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to ge­sti- rà il Ca­ta­nia e, pro­ba­bil­men­te, fa­rà sen­ti­re an­cor di più la pro­pria vo­ce all'in­ter­no del­lo spo­glia­to­io ros­saz­zur­ro. Il po­sto la­scia­to va­can­te da Co­sen­ti­no - quel­lo di vi­ce­pre­si­den­te - è sta­to as­se­gna­to ad An­ge­lo Vi­ta­li­ti, uo­mo di fi­du­cia sto­ri­co di Pul­vi­ren­ti. Ma sa­rà il di­ri­gen­te di ori­gi­ni su­da­me­ri­ca­ne a ti­ra­re le fi­la del Ca­ta­nia edi­zio­ne 2014-2015, quel­lo che do­vrà cer­ca­re di ri­sa­li­re su­bi­to nel mas­si­mo cam­pio­na­to. Già in­di­vi­dua­to il nuo­vo al­le­na­to­re, che sem­bra sia at­tual­men­te im­pe­gna­to in un'al­tra so­cie­tà (e quin­di il no­me al mo­men­to ri­ma­ne top se­cret) e che sa­rà uno spe­cia­li­sta del cam­pio­na­to di se­rie B. Non do­vreb­be es­se­re, a que­sto punto, Pa­squa­le Ma­ri­no, ma al Ca­ta­nia, a quan­to pa­re, le sor­pre­se so­no die­tro l'an­go­lo.

DO­ME­NI­CA 4 MAG­GIO, ORE 15

Il pre­si­den­te del Ca­ta­nia, Ni­no Pul­vi­ren­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.