Fu­ria Co­smi: «Non sia­mo mer­ce­na­ri»

«Non ri­spet­ta­to il mio la­vo­ro e quel­lo del­lo staff. Ma in­si­sto»

Corriere dello Sport - - Calcio Serie B - Di Gian­car­lo Feb­bo

Il Co­smi-fu­rio­so non è cer­to una no­vi­tà, ma 53 mi­nu­ti di sfo­go in con­fe­ren­za stam­pa non se li aspet­ta­va nes­su­no. «A Pe­sca­ra so­no ve­nu­to con en­tu­sia­smo, umil­tà e tan­to ri­spet­to, pe­rò io e il mio staff non sia­mo sta­ti ri­spet­ta­ti. Dob­bia­mo di­fen­de­re la no­stra im­ma­gi­ne e pro­fes­sio­na­li­tà, non sia­mo mer­ce­na­ri e io non ci sto a pas­sa­re da in­ca­pa­ce o uno che sba­glia i ruo­li dei gio­ca­to­ri». Ser­se, ov­vio, non ha gra­di­to vo­ci e il­la­zio­ni sul nuo­vo cor­so del Pe­sca­ra (Zeman etc etc) do­po il pa­reg­gio in­ter­no con il No­va­ra. « No­to che per mol­ti il fu­tu­ro è già ini­zia­to, men­tre per me con­ta­no i 18 pun­ti an­co­ra in pa­lio. Non so­no un tra­ghet­ta­to­re, sem­bra che io sia ar­ri­va­to qui per ca­so, ma non mi ci ha por­ta­to la pie­na del fiu­me. Ho una car­rie­ra che mi per­met­te di sce­glie­re se re­sta­re o me­no pu­re vincendo le pros­si­me sei par­ti­te. Cre­do an­co­ra nell'obiet­ti­vo (play off) e da­rò il mas­si­mo si­no al­la fi­ne. Leg­ge­re i no­mi di al­le­na­to­ri che pren­de­ran­no il mio po­sto non por­ta for­tu­na a lo­ro: ad Arez­zo ero sem­pre in di­scus­sio­ne e si par­la­va tan­to di al­tri, ep­pu­re al­cu­ni non han­no più al­le­na­to... . Piut­to­sto, non è sta­to evi­den­zia­to a do­ve­re co­me ve-

«In pa­lio 18 pun­ti, il fu­tu­ro per me è con­qui­star­li. Per i giu­di­zi aspet­tia­mo la fi­ne del tor­neo»

ner­dì scor­so ab­bia­mo gio­ca­to in un cli­ma sur­rea­le. La squa­dra ha svol­to il ri­scal­da­men­to tra gli in­sul­ti e que­sto at­teg­gia­men­to ha da­to al No­va­ra un as­si­st in­cre­di­bi­le. Lo di­mo­stra­no an­che le pa­ro­le del lo­ro tec­ni­co (Agliet­ti) a fi­ne ga­ra, le ho ri­sen­ti­te e quan­do ha det­to che ave­va­no avu­to le mi­glio­ri oc­ca­sio­ni per vin­ce­re, se fos­si sta­to un gior­na­li­sta mi sa­rei al­za­to e me ne sa­rei an­da­to. La ve­ri­tà è che se al po­sto di Pe­liz­zo­li in por­ta aves­si mes­so il mio cap­pel­li­no sa­reb­be fi­ni­ta lo stes­so 0-0» . AR­REN­DER­SI, MAI. Dun­que, Co­smi non vuo­le ar­ren­der­si, men­tre la piaz­za ha già in­car­ta­to e get­ta­to nel ce­sti­no que­sto cam­pio­na­to. Al suo ar­ri­vo, in cin­que par­ti­te ave­va col­le­zio­na­to 10 pun­ti con un me­dia da play off (e pu­re in buo­na po­si­zio­ne), poi nel­le suc­ces­si­ve cin­que ne ha ra­ci­mo­la­ti so­lo 3, sciu­pan­do tut­to il ben fat­to. « Am­met­to che non mi era mai ca­pi­ta­ta una si­tua­zio­ne co­sì dif­fi­ci­le da ana­liz­za­re, non ci dor­mo la not­te. C'è di­so­rien­ta­men­to an­che tra i ti­fo­si, non si sa mai che pre­sta­zio­ne ver­rà fuo­ri. Ma per i giu­di­zi de­fi­ni­ti­vi aspet­tia­mo fi­ne cam­pio­na­to, ades­so vo­glio so­lo la­vo­ra­re e ca­pi­re se ci so­no al­tri mo­di per fa­re scoc­ca­re la scin­til­la. Si­cu­ra­men­te un mo­do non è quel­lo di an­nun­cia­re

Ser­se Co­smi, 54 an­ni, sem­bra­va aver ri­sol­to tut­ti i pro­ble­mi del Pe­sca­ra, in­ve­ce... che l'an­no pros­si­mo ci sa­rà un al­le­na­to­re di­ver­so, co­sì si dà so­lo un ali­bi ai gio­ca­to­ri. Tra l'al­tro ai ra­gaz­zi l'ho det­to: voi ave­te la for­tu­na di non es­se­re cri­ti­ca­ti per le ca­vo­la­te (in real­tà l'espres­sio­ne è ben più co­lo­ri­ta, ndc) che fa­te real­men­te in cam­po». Co­smi, in­fi­ne, si au­gu­ra che a Car­pi ar­ri­vi la svol­ta. « In par­ti­ta gio­chia­mo sot­to rit­mo e fac­cia­mo gi­ra­re la pal­la trop­po len­ta­men­te, men­tre du­ran­te gli al­le­na­men­ti l'in­ten­si­tà è al­tis­si­ma. Dob­bia­mo usci­re al più pre­sto da que­sto si­tua­zio­ne che sta di­ven­tan­do un ve­ro rom­pi­ca­po» .

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.