DY­BA­LA «PA­LER­MO IN A PER RE­STAR­CI»

De­ci­si­vo nel­la ri­fon­da­zio­ne av­via­ta da Ia­chi­ni il ta­len­to ar­gen­ti­no non ha in­ten­zio­ne di fer­mar­si

Corriere dello Sport - - Calcio Serie B - Di Pao­lo Van­ni­ni

- Tre­di­ci me­si di in­cre­di­bi­le di­giu­no, am­pli­fi­ca­to da quel­la som­ma (è co­sta­to 12 mi­lio­ni di eu­ro com­pre­se le com­mis­sio­ni pa­ga­te ai suoi agen­ti) che gli met­te­va sul­le gio­va­ni spal­le un pe­so an­co­ra mag­gio­re da sop­por­ta­re; poi fi­nal­men­te la ri­na­sci­ta con i gol (5 nel­le ul­ti­me 10 par­ti­te di cam­pio­na­to, un ve­ro e pro­prio ex­ploit) che han­no per­mes­so pra­ti­ca­men­te al Pa­ler­mo di vo­la­re e stac­ca­re de­fi­ni­ti­va­men­te ogni av­ver­sa­ria nel­la com­ples­sa lot­ta per la pro­mo­zio­ne in Se­rie A, un tra­guar­do as­so­lu­ta­men­te non scon­ta­to a iniio sta­gio­ne. E non so­lo per­ché vin­ce­re non è fa­ci­le per nes­su­no mai. Vent'an­ni ap­pe­na com­piu­ti, Pau­lo Dy­ba­la og­gi è un cal­cia­to­re ri­lan­cia­to ed un ca­pi­ta­le ri­va­lu­ta­to per la so­cie­tà ro­sa­ne­ro, e so­prat­tut­to è uno de­gli attaccanti su cui Ia­chi­ni e Zam­pa­ri­ni con­ta­no per la nuo­va sta­gio­ne di Se­rie A or­mai so­lo da cer­ti­fi­ca­re uf­fi­cial­men­te. Una A che la Joya (so­pran­no­me che di­vi­de col com­pa­gno di squa­dra Her­nan­dez) ha già as­sag­gia­to, scot­tan­do­si a cau­sa più che al­tro di un Pa­ler­mo squin­ter­na­to, ma che l'an­no ven­tu­ro po­trà af­fron­ta­re con un'al­tra con­vin­zio­ne le difficolta in­si­te nel­la mas­si­ma ca­te­go­ria. Lo ab­bia­mo sen­ti­to e lui si è pre­sen­ta­to co­sì: Dy­ba­la, lei si era ri­ve­la­to due an­ni fa se­gnan­do 17 gol con l'In­si­tu­to de Cor­do­ba nel­la Pri­me­ra, la B ar­gen­ti­na. A quel­li di og­gi nel­la B ita­lia­na che va­lo­re dà? « Due bel­le co­se, ma mol­to di­ver­se tra i lo­ro. I gol all'In­sti­tu­to mi han­no por­ta­to in Ita­lia, que­sti che fac­cio ades­so ser­vo­no a ri­da­re a Pa­ler­mo la se­rie A». Un brut­to col­po esor­di­re e re­tro­ce­de­re im­me­dia­ta­men­te. «Un'espe­rien­za du­ra ma mi è ser­vi­ta per cre­sce­re de­ci­sa­men­te co­me cal­cia­to­re e co­me pro­fes­sio­ni­sta tan­tis­si­mo. Mi so­no tro­va­to ad af­fron­ta­re un cal­cio mol­to di­ver­so da quel­lo che ave­vo im­pa­ra­to in Ar­gen­ti­na. Ri­par­to da que­sti gol in Se­rie B per mi­glio­ra­re an­che in una ca­te­go­ria su­pe­rio­re di cui non mi sfug­ge la dif­fiol­tà. Nes­su­no vuo­le ri­pe­te­re quel­la brut­ta an­na­ta del­la re­tro­ces­sio­ne che ab­bia­mo can­cel­la­to su­bi­to dal­la no­stra men­te, il Pa­ler­mo pun­ta a ri­ma­ne­re per sem­pre in Se­rie A gio­can­do con la stes­sa fa­me di­mo­stra­ta que­st'an­no. E' co­sì che si ot­ten­go­no cer­ti ri­sul­ta­ti a pre­scin­de­re dal­la ca­te­go­ria in cui si gio­ca». Il mo­men­to del­la svol­ta in que­sto tor­neo qual è sta­to? «Il gol con­tro il Ba­ri al mio rien­tro (era il 1º mar­zo, ndc): era il pri­mo, mi ha sbloc­ca­to, gra­zie a quel­lo ho tro­va­to la fi­du­cia in me stes­so per rea­liz­za­re an­che gli al­tri. Gli in­for­tu­ni mi han­no fre­na­to, in quel pe­rio­do mi so­no at­tac­ca­to a com­pa­gni e me­di­ci, ho avu­to la te­sta giu­sta per rea­gi­re. Ora vo­glio fa­re al­tri gol im­por­tan­ti per la squa­dra». Quan­ti? Man­ca­mo an­co­ra 6 gior­na­te. « Non mi so­no po­sto un tet­to, ma mio fra­tel­lo Ma­ria­no (che vi­ve an­co­ra in Ar­gen­ti­na, ndc.) il gior­no del mio ri­tor­no in cam­po mi dis­se: ne

Io e il Pa­ler­mo: «Que­sta espe­rien­za mi ha for­ti­fi­ca­to tan­tis­si­mo. Ora pen­so di es­se­re pron­to an­che per le gran­di» Io e Zam­pa­ri­ni: «E' ve­ro a gen­na­io mi vo­le­va­no, ma ho scel­to di re­sta­re per­ché cre­do nel pro­get­to di que­sta so­cie­tà» Io e Va­z­quez: «Tra di noi c'è gran­de in­te­sa e non so­lo per­ché sia­mo ar­gen­ti­ni. Con Be­lot­ti ed Her­nan­dez ok» Io e l'Ita­lia: «Mi fa pia­ce­re che l'Un­der 21 azzurra mi se­gua, in Ar­gen­ti­na non c'è e la con­cor­ren­za coi gran­di è tan­ta» Io e Ia­chi­ni: «Sia­mo mol­to vi­ci­ni al tra­guar­do, ma pri­ma di fe­steg­gia­re c'è il No­va­ra. O il mi­ster si ar­rab­bia»

de­vi fa­re al­me­no 6. Or­mai ci so­no qua­si, me ne man­ca so­lo uno.... Ma po­treb­be non ba­star­mi: per un at­tac­can­te il gol è il mo­men­to più bel­lo e io vo­glio se­gna­re ogni par­ti­ta, an­che a No­va­ra». Lei e Va­z­quez sem­bra­ti fat­ti ap­po­sta per gio­ca­re as­sie­me. « Par­lia­mo la stes­sa lin­gua, den­tro e fuo­ri cam­po. Mi tro­vo be­ne con lui, ve­nia­mo all'al­le­na­men­to sem­pre as­sie­me, ci in­ten­dia­mo al­la per­fe­zio­ne. E quan­do in cam­po hai un com­pa­gno co­sì, tut­to è più fa­ci­le. In Se­rie A? Spe­ria­mo di di­mo­stra­re che sap­pia­mo fa­re le stes­se co­se an­che in una ca­te­go­ria ov­via­men­te più dif­fi­ci­le e mol­to più im­pe­gna­ti­va da af­fron­ta­re». Il Pa­ler­mo è già pron­to per es­se­re com­pe­ti­ti­vo in A? « La A è mol­to di­ver­sa e i di­fen­so­ri più fi­si­ci. Ma noi ab­bia­mo fa­me e sap­pia­mo di do­ver cre­sce­re. L'at­tac­co? Io e Be­lot­ti sia­mo mol­to gio­va­ni, Va­z­quez in A ha gio­ca­to so­lo 6 me­si e Laf­fer­ty mai. Ma la­vo­ran­do du­ro sin dal ri­ti­ro, tut­ti as­sie­me po­tre­mo da­re il me­glio». E Her­nan­dez? «Gran­de cal­cia­to­re, fa­rà il mon­dia­le, è bel­lo gio­ca­re con Abel. Ma non co­no­sco il suo fu­tu­ro, ve­drà lui, col pro­cu­ra­to­re e la so­cie­tà». L'an­no scor­so, lei fe­ce una pre­pa­ra­zio­ne spe­ci­fi­ca per met­te­re su pe­so. Era con­si­de­ra­to trop­po fra­gi­le per re­si­ste­re all'im­pat­to con i di­fen­so­ri eu­ro­pei. « Sì, ma poi l'ho in­ter­rot­to per­chè mi di­ce­va­no che avreb­be pre­giu­di­ca­to il mio sti­le di gio­co ba­sa­to sul­la ra­pi­di­tà. So che de­vo an­co­ra la­vo­ra­re tan­to per fa­re be­ne con­tro rivali for­tis­si­mi ma quan­to ho im­pa­ra­to in que­sti me­si l'an­no pros­si­mo mi ser­vi­rà mol­tis­si­mo». Dy­ba­la pri­ma o se­con­da pun­ta? « Io mi sen­to tut­ti e due. Mi al­le­no per gio­ca­re ovun­que e da­re il me­glio do­ve me lo chie­de l'al­le­na­to­re». Nel boom di voi ar­gen­ti­ni c'è an­che una cena pa­ri­gi­na con il gran­de ex Pa­sto­re... « A Pa­squa io e Va­z­quez sia­mo an­da­ti a tro­var­lo. Ci sia­mo vi­sti al ri­sto­ran­te per man­gia­re asa­do... Ja­vier ci ha fat­to i complimenti ed è con­ten­tis­si­mo che il Pa­ler­mo stia per tor­na­re in A». Na­zio­na­le ita­lia­na o ar­gen­ti­na? « E' un pia­ce­re sen­ti­re che l'Un­der 21 ita­lia­na s'in­te­res­sa a me, ma non è fa­ci­le de­ci­de­re, ne de­vo par­la­re an­che con la mia famiglia. Per ades­so non so­no con­vo­ca­bi­le in az­zur­ro, ve­dre­mo. In Ar­gen­ti­na non c'è l'Un­der 21 e or­mai pos­so mi­ra­re so­lo al­la na­zio­na­le mag­gio­re. Ma in que­sto mo­men­to ho co­sì tan­ti attaccanti fe­no­me­na­li da­van­ti....». A gen­na­io la ri­vo­le­va­no al suo pae­se. Poi co­sa è suc­ces­so, ce lo spie­ga? « Ma io vo­le­vo re­sta­re qua, la te­sta era all'obiet­ti­vo di ri­tor­na­re in A, Sen­ti­vo di do­ver da­re di più al Pa­ler­mo e gra­zie a Dio so­no riu­sci­to a fa­re quan­to ci si aspet­ta­va da me». Ave­te or­ga­niz­za­to i fe­steg­gia­men­ti? Man­ca un so­lo punto e poi voi or­mai gio­ca­te sul vel­lu­to... «Sia­mo mol­to vi­ci­ni e qua­si si­cu­ri del­la A ma pri­ma di fe­steg­gia­re, dob­bia­mo vin­ce­re a No­va­ra. An­che per­chè se ci di­stra­ia­mo, Ia­chi­ni si... ar­rab­bia».

GETTY IMAGES

Il ta­len­to ar­gen­ti­no del Pa­ler­mo, Pau­lo Dy­ba­la, 20 an­ni, uo­mo del fu­tu­ro ro­sa­ne­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.