Dra­go: Cro­to­ne non mol­la

«Avel­li­no? In­ci­den­te di per­cor­so. Bat­tia­mo il Pa­do­va»

Corriere dello Sport - - Calcio Serie B - Di Lui­gi Ioe­le

Ad Avel­li­no un'oc­ca­sio­ne man­ca­ta, ma, una co­sa è cer­ta, il Cro­to­ne non mol­la. E nel­le ul­ti­me sei gior­na­te (tre ga­re le gio­che­rà al­lo Sci­da e tre fuo­ri) fa­rà l'im­pos­si­bi­le per di­men­ti­ca­re lo sci­vo­lo­ne sul ter­re­no ir­pi­no sot­to un di­lu­vio di ac­qua e gran­di­ne. Non è nel dna dei gio­ca­to­ri, ma so­prat­tut­to non è una men­ta­li­tà di Mas­si­mo Dra­go che un at­ti­mo do­po il fi­schio di Pin­za­ni, sa­ba­to scor­so, ha con un col­po di spu­gna can­cel­la­to la pro­va ne­ga­ti­va con­tro la for­ma­zio­ne di Rastelli, pen­san­do già al con­fron­to col Pa­do­va al­lo Sci­da.

E' lo stes­so Dra­go a fa­re il punto del­la si­tua­zio­ne, non ac­cam­pan­do scu­se: « E' sta­to so­lo un in­ci­den­te di per­cor­so e ba­sta. Una scon­fit­ta do­po ot­to ri­sul­ta­ti uti­li con­se­cu­ti­vi ci può sta­re. Que­sto è un cam­pio­na­to dif­fi­ci­le, con mol­te squa­dre che non han­no re­so per co­me avreb­be­ro do­vu­to e so­no con­vin­to che il Cro­to­ne sa­prà ri­scat­ta­re e fa­re un fi­na­le di cam­pio­na­to all'al­tez­za» .

Un Dra­go pie­na­men­te con­vin­to del­la for­za del­la sua squa­dra, che in que­ste sei ga­re fi­na­li vuo­le il mas­si­mo. E av­vi­sa i suoi: «Dob­bia­mo ot­te­ne­re il mas­si­mo. Cer­to, non sia­mo il Pa­ler­mo, ma i 55 pun­ti con­qui­sta­ti fi­no a que­sto mo­men­to non ce li ha re­ga­la­ti nes­su­no. Li ab­bia­mo con­qui­sta­ti con la no­stra for­za e con la grin­ta dei miei ra­gaz­zi» . DIF­FI­COL­TÀ. E' tan­to ga­sa­to Mas­si­mo Dra­go che, pur con tut­te le dif­fi­col­tà at­tra­ver­sa­te dal Cro­to­ne in que­sto mo­men­to, è con­vin­to che si pos­so­no an­co­ra rag­giun­ge­re tra­guar­di im­por­tan­ti: «Ad una con­di­zio­ne: tut­ti de­vo­no, dob­bia­mo da­re il mas­si- mo. Di­spia­ce non po­te­re ave­re in di­fe­sa un gio­ca­to­re co­me Li­gi che da un an­no e mez­zo sta dan­do il mas­si­mo, co­me, del re­sto, tut­ti i ra­gaz­zi schie­ra­ti fi­no a que­sto mo­men­to. Noi non sia­mo il Pa­ler­mo e non oso nem­me­no pen­sar­lo, ma sia­mo il Cro­to­ne che lot­ta par­ti­ta do­po par­ti­ta, che sa espri­me­re un ot­ti­mo cal­cio e fi­no­ra ha ca­la­mi­ta­to giu­di­zi lu­sin­ghie­ri» .

Una squa­dra che fi­no­ra ha vin­to set­te vol­te in tra­sfer­ta, che ha la­scia­to una bel­la im­pres­sio­ne ovun­que ha gio­ca­to: in­som­ma, an­che in que­sto fi­na­le si fa­rà ri­spet­ta­re. DRA­GO FRE­ME. E lo stes­so Dra­go è pron­to a scom­met­te­re su una gran­de pro­va dei suoi: «Cer­to non è una bel­la set­ti­ma­na: l'in­ci­den­te su­bi­to da Li­gi, che non ci per­met­te­rà di schie­rar­lo fi­no al­la fi­ne di que­sto cam­pio­na­to è una brut­ta bot­ta. Poi l'im­pos­si­bi­li­tà di la­vo­ra­re con tut­to il grup­po, aven­do do­vu­to ri­nun­cia­re ai mol­ti ra­gaz­zi chia­ma­ti per l'Un­der 21, ne ho avu­to do­di­ci/tre­di­ci. Ma, sia chia­ro, non ac­cam­po scu­se. Ho a mia di­spo­si­zio­ne un grup­po di gio­va­ni co­me Ber­nar­de­schi, De­zi, Sua­gher, Ca­tal­di e Cri­se­tig che san­no di gio­car­si una car­ta im­por­tan­te e so­no con­vin­to che la chia­ma­ta da par­te di Di Bia­gio li gal­va­niz­ze­rà al punto di ri­tro­var­li più che mai de­ci­si sa­ba­to con­tro un Pa­do­va che vie­ne da una scon­fit­ta in­ter­na col Ba­ri, ma la set­ti­ma­na pri­ma ave­va vin­to su un cam­po non fa­ci­le co­me Bre­scia» . In­som­ma Dra­go cre­de nei suoi ra­gaz­zi, per non al­len­ta­re il so­gno se­rie A: no­no­stan­te i quat­tro pun­ti che se­pa­ra­no i ca­la­bre­si dall'Em­po­li, il se­con­do po­sto in clas­si­fi­ca è an­co­ra rag­giun­gi­bi­le. Ec­co­me!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.