Un An­ce­lot­ti “ne­ro” In­za­ghi: Avan­ti co­sì

Car­lo con­tra­ria­to per il ko. Pip­po: «Be­ne con Na­po­li, Ro­ma, Real. Ora il Sas­suo­lo»

Corriere dello Sport - - MILAN - Fur.fed.

- Fe­sta gran­de nel­lo spo­glia­to­io ros­so­ne­ro a fi­ne ga­ra men­tre An­ce­lot­ti non ha na­sco­sto la sua for­te de­lu­sio­ne con­fi­dan­do­si so­lo con Real Tv. Fi­lip­po In­za­ghi ha sa­lu­ta­to il suc­ces­so con­tro il Real Ma­drid con una cer­ta mo­de­ra­zio­ne, an­che per­ché del «suo» Mi­lan an­co­ra non si fi­da com­ple­ta­men­te. «So­no sod­di­sfat­to - ha det­to a fi­ne ga­ra - Era pur sem­pre un'ami­che­vo­le e, quin­di, non dob­bia­mo mon­tar­ci la te­sta. È da un po' che stia­mo gio­can­do co­sì, di­rei ab­ba­stan­za be­ne, e con­tro il Real Ma­drid le co­se so­no an­da­te an­co­ra me­glio». Il suo «pu­pil­lo» El Shaa­rawy ha man­te­nu­to fe­de al­le pro­mes­se: una dop­piet­ta al Real Ma­drid non è co­sa da tut­ti e In­za­ghi lo sa be­nis­si­mo con­si­de­ra­to il fat­to che ne fir­mò una (2-2) ai Blan­cos di Mou­ri­n­ho a San Si­ro in Champions Lea­gue, il 3 no­vem­bre 2010, ri­spon­den­do co­sì al gol di Hi­guain, pri­ma del pa­ri fi­na­le di Pe­dro Leon in pie­no re­cu­pe­ro. COM­PLI­MEN­TI. In­za­ghi ov­via­men­te a fi­ne ga­ra era con­ten­to per il Fa­rao­ne che ha de­ci­so di pro­teg­ge­re, di pre­ser­va­re ma an­che di ri­lan­cia­re nel suo Mi­lan. «Ste­phan ha fat­to mol­to be­ne, ha se­gna­to due gol bel­lis­si­mi - ha det­to il tec­ni­co - Tut­ti i miei gio­ca­to­ri han­no di­spu­ta­to un’ot­ti­ma ga­ra, an­che chi è en­tra­to do­po. Ades­so ho dav­ve­ro l'im­ba­raz­zo del­la scel­ta». An­che se, a di­re il ve­ro, In­za­ghi con­tro il Sas­suo­lo do- vrà fa­re ame­no di al­me­no 7 gio­ca­to­ri: gli in­for­tu­na­ti De Sci­glio, Van Gin­kel e Ra­mi; gli squa­li­fi­ca­ti Ar­me­ro, De Jong e Me­xes; l’in­di­spo­ni­bi­le (Cop­pa d’Asia) Hon­da. BI­LAN­CIO. Il 2014 non si sa­reb­be po­tu­to con­clu­de­re me­glio il 2014 per In­za­ghi. «Nel­le ul­ti­me tre par­ti­te ab­bia­mo af­fron­ta­to Na­po­li, Ro­ma e Real Ma­drid vin­cen­do­ne due e pa­reg­gian­do­ne una - ha ri­cor­da­to - gio­can­do al­la pa­ri con tut­ti. C'è il giu­sto spi­ri­to e la vo­glia. C'è gran­de sod­di­sfa­zio­ne. Ora pen­so al cam­pio­na­to e quel­la che sa­rà la par­ti­ta più dif­fi­ci­le per noi, il Sas­suo­lo». Ber­lu­sco­ni ave­va fat­to una te­le­fo­na­ta be­nea­gu­ran­te po­co pri­ma del fi­schio d’ini­zio. «So­no con­ten­to per il pre­si­den­te - ha spie­ga­to - l'ho sen­ti­to pri­ma del­la par­ti­ta. Aver vi­sto che ce la sia­mo gio­ca­ta l'avrà re­so con­ten­to. Ve­der­ci cre­sciu­ti co­sì tan­to mi fa ben spe­ra­re. La più bel­la sod­di­sfa­zio­ne è aver avu­to que­sto pi­glio, un or­go­glio da Mi­lan». SU­PER-ME­NEZ. La re­te se­gna­ta al 23' del pri­mo tem­po con­tro il Real Ma­drid, è sta­to il pri­mo gol rea­liz­za­to da Jé­ré­my Me­nez con­tro i Blan­cos che il fran­ce­se non ave­va mai in­cro­cia­to nel­la sua lun­ga car­rie­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.