«Vin­ce­rà la Juve ma mi pia­ce­va di più con Con­te»

Corriere dello Sport - - L'INCONTRO -

Gli uni­ci mo­ti­vi di di­scus­sio­ne den­tro “Il Vo­lo” ri­guar­da­no il cal­cio. Per­ché uno ju­ven­ti­no, in fon­do, fe­steg­gia qua­si sem­pre. «Ep­pu­re la Su­per­cop­pa l’ab­bia­mo per­sa...». Igna­zio Bo­schet­to lo di­ce senza pe­li sul­la lin­gua: «Con Con­te in pan­chi­na mi di­ver­ti­vo di più. Io gio­co era più av­vin­cen­te, ra­pi­do, scat­tan­te. Ades­so ve­do tut­to mol­to li­nea­re, an­che se la clas­si­fi­ca non sem­bra es­ser­si ac­cor­ta del cam­bio».

Ma lo scu­det­to do­ve an­drà? «Vi­via­mo un der­by in fa­mi­glia, ma io cre­do che re­ste­rà da noi, an­co­ra una vol­ta co­lo­ra­to di bian­co­ne­ro».

A San Re­mo, in­ve­ce, sa­re­te voi a sa­li­re sul tet­to del­la mu­si­ca ita­lia­na? «An­dia­mo per fa­re be­ne, ma so­prat­tut­to per di­ver­tir­ci per­ché la mu­si­ca per noi è so­prat­tut­to que­sto: al­le­gria e spen­sie­ra­tez­za. Con­ta par­te­ci­pa­re e, già che ci sia­mo pun­ta­re sem­pre più in al­to. Si trat­ta di un gran­de pas­so, di qual­co­sa che ci re­ga­le­rà emo­zio­ni uni­che. A di­re il ve­ro è tut­to sur­rea­le, an­che quel­lo che ab­bia­mo vis­su­to dal 2009 ad og­gi».

In Champions Lea­gue do­ve può ar­ri­va­re la Juve? «Non lon­ta­nis­si­mo. Per tor­na­re a ve­de­re una squa­dra ita­lia­na sa­li­re sul tet­to d’Eu­ro­pa ser­vi­rà an­co­ra tan­to tem­po. Spe­ro non trop­po».

“Il Vo­lo” a di­re il ve­ro è un po’ co­me se aves­se vin­to un Mon­dia­le per Club: la vo­stra fa­ma non co­no­sce con­fi­ni. «Ab­bia­mo ot­te­nu­to suc­ces­so ne­gli Usa, in Ame­ri­ca La­ti­na, in Au­stra­lia, in Nuo­va Ze­lan­da, a Sin­ga­po­re. Ora pun­tia­mo all’Eu­ro­pa e, per­ché no, an­che a ca­sa no­stra. Non can­tia­mo li­ri­ca, ma in­ter­pre­tia­mo bra­ni con sti­le e ar­ran­gia­men­ti mo­der­ni, or­mai un po’ in tut­te le lin­gue».

Qua­le il cal­cia­to­re a cui è più le­ga­to? «L’uni­co ca­pi­ta­no: Del Pie­ro».

E il can­tan­te che più sti­ma? «Ste­ve Won­der».

Che ruo­lo han­no re­ci­ta­to An­to­nel­la Cle­ri­ci e il ta­lent “Ti la­scio una can­zo­ne” nel­la sua for­ma­zio­ne? « E’ na­to tut­to lì, an­che se la pas­sio­ne per la mu­si­ca ha sem­pre fat­to par­te di me. Di quell’espe­rien­za ri­cor­do la pro­fes­sio­na­li­tà con cui la Cle­ri­ci e gli au­to­ri han­no da­to la pos­si­bi­li­tà ai me­ri­te­vo­li di es­se­re pro­ta­go­ni­sti di un pic­co­lo so­gno. Che per noi tre è di­ven­ta­to gi­gan­te­sco».

Qual è il suo so­gno più gran­de? «Vin­ce­re un Awards o un Gram­my, ma an­che po­si­zio­ni sta­bi­li nel­la clas­si­fi­ca Bill­board, ri­vi­sta sta­tu­ni­ten­se le cui gra­dua­to­rie son con­si­de­ra­te le più pre­ci­se e det­ta­glia­te al mon­do».

La mu­si­ca è sem­pre sta­ta la sua pas­sio­ne. Pri­ma per aver­la suo­na­ta, poi per aver­la esal­ta­ta. Mi­che­le Tor­pe­di­ne ha por­ta­to al suc­ces­so gran­di ar­ti­sti, da Zuc­che­ro - pri­mo ar­ti­sta ita­lia­no ad esi­bir­si al Crem­li­no - ad An­drea Bo­cel­li. Da qual­che an­no la sua at­ten­zio­ne si è con­cen­tra­ta sui tre ra­gaz­zi de “Il Vo­lo”. «Li vi­di in tv, se­guen­do “Ti la­scio una Can­zo­ne” e mi ven­ne­ro in men­te i tre te­no­ri: Igna­zio (Bo­schet­to, ndr) mi ri­cor­da­va il pe­so di Pa­va­rot­ti, Pie­ro (Ba­ro­ne) in­car­na­va la fur­bi­zia di Pla­ci­do Do­min­go e Gian­lu­ca (Gi­no­ble) l’ele­gan­za di Jo­sé Car­re­ras». Ha ca­pi­to su­bi­to che si tro­va­va da­van­ti a tre fe­no­me­ni e non ha per­so tem­po. Li ha ac­com­pa­gna­ti nel­la lo­ro asce­sa in cam­po in­ter­na­zio­na­le e ora, con “Il Vo­lo”, si prepara al de­but­to a San Re­mo. «L’obiet­ti­vo è di sfon­da­re a li­vel­lo eu­ro­peo do­po i suc­ces­si mon­dia­li. A ri­dos­so del Fe­sti­val usci­re­mo con un album in 53 Pae­si che ri­cor­de­rà le più bel­le can­zo­ni del pas­sa­to del Fe­sti­val, men­tre nel pros­si­mo au­tun­no sa­rà la vol­ta nel nuo­vo album». In­tan­to do­ma­ni, 1 gen­na­io, su Rai Due, in pri­ma se­ra­ta, è in pro­gram­ma uno spe­cia­le sul trio, dal ti­to­lo “Uni­ci”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.