BA­RI Ec­co Zam­fir è il ma­go del mercato

E’ un ma­na­ger del Cluj (Ro­ma­nia) Ve­te­ra­no del cal­cio in­ter­na­zio­na­le

Corriere dello Sport - - SERIE B - Di Gio­van­ni Maz­zil­li

Raz­van Zam­fir, exe­cu­ti­ve ma­na­ger del­la squa­dra ru­me­na del Cluj. E’ lui il con­su­len­te di mercato cui Gian­lu­ca Pa­pa­re­sta fa­rà ri­fe­ri­men­to per al­le­sti­re il Ba­ri che ver­rà. IL SE­GRE­TO. Un no­me che do­ve­va ri­ma­ne­re se­gre­to an­co­ra per qual­che giorno es­sen­do il di­ri­gen­te ru­me­no an­co­ra le­ga­to con­trat­tual­men­te al Cluj e che in­ve­ce è im­prov­vi­sa­men­te di­ve­nu­to di do­mi­nio pub­bli­co. Ov­via­men­te la col­la­bo­ra­zio­ne tra Raz­van Zam­fir e Pa­pa­re­sta non ha an­co­ra i cri­smi dell’uf­fi­cia­li­tà. I due si ve­dran­no tra qual­che giorno per va­lu­ta­re le con­di­zio­ni e i con­tor­ni del­la sua ope­ra­ti­vi­tà. Raz­van Zam­fir è un per­so­nag­gio no­to ne­gli am­bien­ti cal­ci­sti­ci ita­lia­ni. Ha avu­to e ha tutt’ora ot­ti­mi rap­por­ti con mol­ti club del Bel Pae­se. Po­li­glot­ta (parla cin­que lin­gue tra cui an­che un ot­ti­mo ita­lia­no) è un ve­te­ra­no del cal­cio in­ter­na­zio­na­le. Con il Cluj è sta­to pro­ta­go­ni­sta sia in Ro­ma­nia che in Eu­ro­pa. E nel Cluj han­no gio­ca­to tra gli al­tri gli ita­lia­ni Fe­li­ce Pic­co­lo (og­gi nel­lo Spe­zia), Ro­ber­to De Zer­bi (og­gi al­le­na­to­re del Fog­gia) e l’ex ba­re­se Nan­do Sfor­zi­ni che do­po gli ono­ri del­la Champions Lea­gue (2011) ora mi­li­ta nel La­ti­na. Ma una co­sa è chia­ra e net­ta. L’uo­mo mercato del Ba­ri sa­rà Gian­lu­ca Pa­pa­re­sta che tra l’al­tro qual­che me­se fa su­pe­rò bril­lan­te­men­te l’esa­me per di­ven­ta­re Di­ret­to­re spor­ti­vo. STRA­TE­GIE E PRIORITA’. Per il mo­men­to, il Pre­si­den­te è in va­can­za in mon­ta­gna a smal­ti­re le ul­ti­me de­lu­sio­ni del cam­pio­na­to e a ri­tro­va­re le ener­gie per scor­ta­re la squa­dra ver­so un gi- ro­ne di ri­tor­no più si­cu­ro da ogni pun­to di vi­sta. Do­po l’umi­lian­te scon­fit­ta in­ter­na con­tro lo Spe­zia, Pa­pa­re­sta e Ni­co­la so­no sta­ti in­sie­me a ce­na per con­cor­da­re le nuo­ve stra­te­gie di mercato e sta­bi­li­re le prio­ri­tà di in­ter­ven­to. PRI­MI AP­PROC­CI. Si par­ti­rà dal po­ten­zia­men­to dell’at­tac­co. Due le uni­tà ne­ces­sa­rie al com­ple­ta­men­to del re­par­to. Il pri­mo in­di­zio par­te dal­lo Spe­zia che avreb­be of­fer­to il ni­ge­ria­no Eba­gua e Pa­squa­le Schiat­ta­rel­la. Il pri­mo, che pro­ba­bil­men­te non ha rap­por­ti idil­lia­ci con l’al­le­na­to­re Bje­li­ca avreb­be le ca­rat­te­ri­sti­che giu­ste per il gio­co di Ni­co­la. Strut­tu­ra pre­stan­te, espe­rien­za, e buo­na espres­sio­ne tec­ni­ca. Schiat­ta­rel­la in­ve­ce è un cen­tro­cam­pi­sta che Ni­co­la co­no­sce be­ne aven­do­lo al­le­na­to nel Li­vor­no. Per ora sol­tan­to ap­proc­ci con una pos­si­bi­li­tà di ap­pro­fon­di­men­to se lo Spe­zia ac­cet­te­rà di par­la­re di scam­bi. Da un la­to Eba­gua e Schiat­ta­rel­la, dall’al­tro Sciau­do­ne (mol­to ap­prez­za­to da An­ge­loz­zi che lo pre­le­vò a pa­ra­me­tro ze­ro dal Ta­ran­to) e Ste­va­no­vic, si­cu­ra­men­te bra­vo tec­ni­ca­men­te che pe­rò non è riu­sci­to a ri­ta­gliar­si un po­sto sta­bi­le sia con Man­gia che con Ni­co­la. Al­tri obiet­ti­vi, for­se più vi­ci­ni al­le ne­ces­si­tà tec­ni­co-tat­ti­che di Ni­co­la, so­no l’esper­to e dut­ti­le at­tac­can­te ata­lan­ti­no Ro­lan­do Bian­chi e il cen­tro­cam­pi­sta par­men­se Da­nie­le Gal­lop­pa del qua­le pe­rò so­no da va­lu­ta­re le con­di­zio­ni fi­si­che do­po una le­sio­ne al le­ga­men­to cro­cia­to del gi­noc­chio si­ni­stro ri­me­dia­to due an­ni fa. In stand by la si­tua­zio­ne di­fe­sa. La pri­ma scel­ta ri­ma­ne Di Ce­sa­re del Bre­scia sul qua­le pe­rò ha fat­to son­dag­gi an­che lo Spe­zia.

Il pre­si­den­te Gian­lu­ca Pa­pa­re­sta stu­dia nuo­ve stra­te­gie per usci­re dal­la cri­si

Co­no­sce cin­que lin­gue, so­ster­rà il pa­tron Pa­pa­re­sta nel­le stra­te­gie su ac­qui­sti e ces­sio­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.