«Par­ti­rò per Bo­lo­gna», punk, rap, hip-hop, reg­gae

Og­gi all’Estra­gon As­sal­ti Fron­ta­li, Ban­da Bas­sot­ti, Roy El­lis

Corriere di Bologna - - Tempo Libero - An­drea Tin­ti © RIPRODUZIONE RISERVATA

«Par­ti­rò per Bo­lo­gna» è il ti­to­lo di una fa­mo­sa can­zo­ne del­la Ban­da Bas­sot­ti ma an­che il no­me del fe­sti­val che l’Estra­gon ospi­ta og­gi dal­le 17.30 al­le 2.00 (eu­ro 15). Sul pal­co del lo­ca­le pe­tro­nia­no si av­vi­cen­de­ran­no una sfil­za di band ita­lia­ne e al­cu­ni ospi­ti stra­nie­ri le­ga­ti a un uni­ver­so di ge­ne­ri mu­si­ca­li dal punk all’Oi!, per ar­ri­va­re al com­bat rock, al rap e al reg­gae. Ge­ne­ri le­ga­ti tra lo­ro per im­pe­gno so­cia­le e an­ti­fa­sci­smo mi­li­tan­te. Ad apri­re le dan­ze sa­ran­no i ro­ma­ni Kla­xon, grup­po at­ti­vo dal lon­ta­no 1979, che nel cor­so di que­sti an­ni ha su­pe­ra­to una de­ci­na di sta­gio­ni di sta­si crea­ti­va per ri­tor­na­re più cat­ti­vo che pri­ma e da­re sfo­go a una car­rie­ra che non ac­cen­na a fer­mar­si, nel 2014 è av­ve­nu­ta la pub­bli­ca­zio­ne del lo­ro ul­ti­mo al­bum, «Ani­me cor­sa­re». Do­po il grup­po ro­ma­no toc­che­rà a Fi­lip­po An­drea­ni e i suoi Ata­ras­sia Grop e sa­rà un’oc­ca­sio­ne uni­ca con­si­de­ran­do che Fi­lip­po non in­cro­cia­va la band dal 2008. Com­bat rock che sfo­cia nel punk. A se­gui­re un no­me sto­ri­co del rock ita­lia­no, i Gang dei fra­tel­li Se­ve­ri­ni da Filottrano (An­co­na). La band agli ini­zi era con­si­de­ra­ta la ri­spo­sta pe­nin­su­la­re al punk dei The Cla­sh, poi il pas­sag­gio a li­ri­che in ita­lia­no val­se al com­bo una nuo­va pri­ma­ve­ra ar­ti­sti­ca. La Bo­lo­gna punk-Oi! sa­rà in­ve­ce rap­pre­sen­ta­ta dai Ghet­to 84, no­me di cul­to tra gli esti­ma­to­ri del ge­ne­re, il lo­ro al­bum del 1995, «A den­ti stret­ti!», è una pie­tra mi­lia­re tra co­ri da sta­dio e in­vet­ti­ve. Con gli As­sal­ti Fron­ta­li si cam­bie­rà re­gi­me so­no­ro. L’hip hop del col­let­ti­vo ca­pi­to­li­no è ri­con­du­ci­bi­le al­la old school del rap ita­lia­no che ne­gli an­ni non ha mai per­so mor­den­te e con­ti­nua ad ac­cu­sa­re le ma­le­fat­te che ve­de at­tor­no a sé. Toc­che­rà quin­di agli Ar­pio­ni da Ber­ga­mo, band che ha ac­com­pa­gna­to To­ni­no Ca­ro­to­ne nel­le sue in­cur­sio­ni mu­si­ca­li. Ska so­la­re per di­me­na­re il ba­ci­no. Il pri­mo ospi­te stra­nie­ro sa­rà, in­ve­ce, Roy El­lis, una leg­gen­da gia­mai­ca­na del reg­gae. At­ti­vo dal­la fi­ne de­gli an­ni Ses­san­ta, Roy è un fie­ro rap­pre­sen­tan­te del­lo ski­n­head reg­gae. Inu­ti­le ri­cor­da­re che El­lis è un ar­ti­sta di co­lo­re. In chiu­su­ra la Ban­da Bas­sot­ti che dal 1987 so­no un sim­bo­lo di lot­ta. Il grup­po ro­ma­no avrà tra le sue fi­la un ospi­te, il mu­si­ci­sta ba­sco Fer­min Mu­gu­ru­za, che in mol­ti ri­cor­da­no in at­ti­vi­tà con i Ne­gu Gor­riak e Kor­ta­tu. A fi­ne con­cer­to la not­ta­ta pro­se­gui­rà con le mu­si­che se­le­zio­na­te dai dj di Bo­lo­gna Ci­ty Roc­kers. «Par­ti­rò per Bo­lo­gna» tra ban­die­re al ven­to e ri­cor­di. E sa­rà una fe­sta.

Cult Roy El­lis è una leg­gen­da gia­mai­ca­na del reg­gae. At­ti­vo dal­la fi­ne de­gli an­ni Ses­san­ta, Roy è un fie­ro rap­pre­sen­tan­te del­lo ski­n­head reg­gae

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.