Pa­la­cio c’è. Ma non ba­sta

Con De­stro in pan­ca, show di Ro­dri­go Fi­ni­sce 2-1 con un pa­lo dell’at­tac­can­te Ros­so­blù con­dan­na­ti dal­la di­fe­sa

Corriere di Bologna - - Sport - C. Ben. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se l’è gio­ca­ta fi­no all’ul­ti­mo pal­lo­ne il Bo­lo­gna, ma non ce l’ha fat­ta ad ag­guan­ta­re un pa­ri che avreb­be an­che me­ri­ta­to. È sta­to in­fi­ni­ta­men­te bra­vo Pa­la­cio, che ha se­gna­to un gol e col­pi­to un pa­lo sul 2-1. No­no­stan­te sia sta­to sem­pre squa­dra, i ros­so­blù han­no per­so an­che per quel­li che so­no i suoi li­mi­ti die­tro, per­ché non puoi con­sen­ti­re sem­pre ai di­rim­pet­tai di fa­re gol con tan­ta fa­ci­li­tà.

L’at­teg­gia­men­to giu­sto lo ha avu­to da su­bi­to, poi va det­to che il Bo­lo­gna ha fat­to quel­lo che ha po­tu­to so­prat­tut­to nel­la fa­se di pos­ses­so pal­la. An­che per­ché i suoi uo­mi­ni di mag­gio­re qua­li­tà, e ci ri­fe­ria­mo a Ver­di, Di Fran­ce­sco e per cer­ti ver­si an­che Po­li, han­no ga­ran­ti­to po­co o nien­te con le lo­ro ri­par­ten­ze. Sì, ri­par­ten­ze per­ché per tan­to pri­mo tem­po il Bo­lo­gna ha gio­ca­to al­me­no con 8 uo­mi­ni sot­to la li­nea del­la pal­la e non tan­to per­ché la Fio­ren­ti­na sta­va ar­rem­ban­do quan­to per crea­re traf­fi­co lun­go le li­nee di gio­co del­la Vio­la e per pro­teg­ge­re una di­fe­sa te­nu­ta in pie­di con i ce­rot­ti per i guai fi­si­ci di Ma­iet­ta, De Ma­io e To­ro­si­dis.

Ec­co, fa­cen­do tan­ta den­si­tà so­prat­tut­to in mez­zo al cam­po il Bo­lo­gna ha pro­cu­ra­to più di un af­fan­no al­la Fio­ren­ti­na, che so­lo sui la­ti si è fat­ta rin­cor­re­re, con­fe­zio­nan­do qual­che pe­ri­co­lo so­prat­tut­to sul la­to si­ni­stro. All’at­to pra­ti­co la Fio­ren­ti­na ha co­strui­to un pa­io di si­tua­zio­ni av­ve­le­na­te su pal­la inat­ti­va, poi so­lo fu­mo. No, non ci sia­mo di­men­ti­ca­ti di Ro­dri­go Pa­la­cio, che Do­na­do­ni ha pre­fe­ri­to a De­stro, non in buo­ne con­di­zio­ni fi­si­che. Eb­be­ne, l’ar­gen­ti­no ha la­vo­ra­to tan­to an­che quan­do il pal­lo­ne lo gio­ca­va la Vio­la, poi in quel­la di pos­ses­so ha cer­ca­to di non da­re mai pun­ti di ri­fe­ri­men­to ad Asto­ri e a Pez­zel­la. E pro­prio Pa­la­cio si è tro­va­to sul pie­de de­stro al mi­nu­to 30 la pal­la giu­sta per bat­te­re Spor­tiel­lo, ma l’ar­gen­ti­no l’ha fat­ta fi­ni­re fuo­ri. No, non è sta­to di si­cu­ro una pri­ma par­te da ri­cor­da­re né sul pia­no dell’in­ten­si­tà né su quel­lo del­la qua­li­tà, e at­ten­zio­ne, an­che da par­te del­la Fio­ren­ti­na, che pro­po­nen­do­si sem­pre a rit­mi bas­si è sem­pre sta­ta leg­gi­bi­le per i gio­ca­to­ri del Bo­lo­gna. Che han­no fi­ni­to per sof­fri­re so­lo le scor­ri­ban­de a tut­ta bir­ra di Chie­sa. Una sot­to­li­nea­tu­ra im­por­tan­te: ha co­strui­to un si­gnor pri­mo tem­po Pul­gar, che ave­va chiu­so tra ve­le­ni e po­le­mi­che la par­ti­ta con­tro il Na­po­li.

La se­con­da par­te è co­min­cia­ta con i fuo­chi di ar­ti­fi­cio, pri­ma c’è sta­to il me­ra­vi­glio­so gol di Chie­sa (gran­de, è ve­ro, ma Kraf­th e Po­li han­no dor­mi­to su di lui) poi un mi­nu­to più tar­di ec­co che il Bo­lo­gna ha pa­reg­gia­to con Pa­la­cio, e qua va fat­to un ap­plau­so an­che a Tai­der. A que­sto pun­to la Fio­ren­ti­na (con Gil Dias al po­sto di Be­nas­si) ha fat­to quel­lo che non ave­va fat­to da su­bi­to, di col­po è di­ven­ta­ta ag­gres­si­va e ha al­za­to an­che i rit­mi, co­strin­gen­do la squa­dra di Do­na­do­ni a giocare in 15 me­tri. Ine­vi­ta­bil­men­te il Bo­lo­gna ha fat­to fa­ti­ca, ma non si è mai ti­ra­to in­die­tro, e l’esem­pio glie­lo ha da­to an­co­ra una vol­ta Pa­la­cio. Fi­no a quan­do Pez­zel­la di te­sta, su pal­la inat­ti­va, ha fat­to esplo­de­re di nuo­vo il Fran­chi, ri­por­tan­do la Vio­la da­van­ti. Do­na­do­ni ha but­ta­to den­tro Pe­t­ko­vic per Po­li, poi si è fat­to ma­le Ma­si­na ed è en­tra­to Mbaye. Con Ok­won­ko per Di Fran­ce­sco e con un Pa­la­cio an­co­ra da ap­plau­si per qua­li­tà e at­teg­gia­men­to il Bo­lo­gna ha pro­va­to a sal­va­re il suo po­me­rig­gio fio­ren­ti­no. Pa­la­cio ha col­pi­to il pa­lo con Spor­tiel­lo bat­tu­to, ma la squa­dra di Do­na­do­ni non si è ar­re­sa, non ar­ri­van­do pe­rò a quel pa­ri che avreb­be an­che me­ri­ta­to.

Per i ros­so­blù a Fi­ren­ze è ar­ri­va­ta la se­con­da scon­fit­ta con­se­cu­ti­va do­po quel­la ri­me­dia­ta con­tro il Na­po­li. Mar­te­dì al Dall’Ara ar­ri­va la lan­cia­tis­si­ma In­ter di Spal­let­ti. I ros­so­blù so­no fer­mi ai quat­tro pun­ti rac­col­ti nel­le pri­me due gior­na­te con To­ro e Be­ne­ven­to

Azio­ne da mil­le e una not­te quel­la del gol ros­so­blù, con Pa­la­cio che di tac­co ester­no ap­pog­gia pal­la a Tai­der, il fran­ce­se chiu­de il trian­go­lo con un pre­ge­vo­le lob di pri­ma che pe­sca il mo­vi­men­to dell’ar­gen­ti­no che bru­cia Asto­ri e bu­ca Spor­tiel­lo cal­cian­do di pri­ma in­ten­zio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.