Tut­ti paz­zi per l’ar­gen­ti­no Do­na­do­ni: «Lui tra­sci­na tut­ti»

Il tec­ni­co: «Ma ab­bia­mo fat­to trop­pi er­ro­ri, dob­bia­mo es­se­re più cat­ti­vi»

Corriere di Bologna - - Sport - Fer­nan­do Pel­le­ra­no © RIPRODUZIONE RISERVATA

Do­na­do­ni fa i com­pli­men­ti al­la squa­dra e ai sin­go­li, ma da Fi­ren­ze è usci­to an­co­ra una vol­ta scon­fit­to. Qual è la con­trad­di­zio­ne al­lo­ra? In real­tà i giu­di­zi po­si­ti­vi del tec­ni­co, ora più ora me­no, s’in­fran­go­no non so­lo con­tro il ri­sul­ta­to fi­na­le (se­sta scon­fit­ta con­se­cu­ti­va al Fran­chi), ma so­prat­tut­to sull’at­teg­gia­men­to che trop­pe vol­te i ros­so­blù ma­ni­fe­sta­no sul cam­po di gio­co, «poca in­tra­pren­den­za in fa­se of­fen­si­va».

E’ an­da­ta co­sì an­che con­tro la Vio­la. E lui lo di­ce chia­ra­men­te, «non bra­vis­si­mi, dob­bia­mo es­se­re più in­si­sten­ti nel gio­co». Sin­go­lar­men­te tut­ti han­no fat­to il com­pi­to, poi, quan­do ci si muo­ve in­sie­me man­ca un po’ di sfron­ta­tez­za nell’at­tac­ca­re l’av­ver­sa­rio. «È ve­ro che nel­la pri­ma par­te sia­mo sta­ti lu­ci­di e com­pat­ti, ma va an­che det­to che in fa­se of­fen­si­va avrem­mo po­tu­to fa­re mol­to di più». E non c’è bi­so­gno di ti­ra­re fuo­ri il fa­mi­ge­ra­to «ul­ti­mo pas­sag­gio». «Ab­bia­mo com­mes­so trop­pi er­ro­ri su pas­sag­gi ba­na­li, non sem­pre il com­pa­gno di fa il mo­vi­men­to e ti sug­ge­ri­sce l’im­bu­ca­ta, e og­gi non sia­mo sta­ti bra­vis­si­mi». Non so­lo og­gi. Trop­po spes­so la squa­dra non si sen­te in gra­do di ag­gre­di­re l’av­ver­sa­rio. Con­te­ne­re or­di­na­ta­men­te, chiu­de­re gli spa­zi, ri­ma­ne­re cor­ti: va be­ne, ma poi ser­ve il gol.

Ie­ri ci ha pen­sa­to Pa­la­cio, con De­stro in pan­chi­na. «Mattia non ei era al­le­na­to con noi ne­gli ul­ti­mi due gior­ni e co­sì ho pen­sa­to di aver­lo in per­fet­te con­di­zio­ni mar­te­dì se­ra con­tro l’in­ter. Mi ser­vo­no gio­ca­to­ri al top, che stan­no be­ne al 100%, al­tri­men­ti non sei d’aiu­to per te stes­so e per la squa­dra». Per for­tu­na c’è Ro­dri­go. Il tec­ni­co lo elo­gia an­co­ra una vol­ta. «Ha of­fer­to qua­li­tà, spes­so­re, per­so­na­li­tà: gran­de pre­sta­zio­ne la sua. È un esem­pio per mo­vi­men­ti e fa­me ago­ni­sti­ca. Non si ac­con­ten­ta ed è un mo­del­lo per tut­ti noi. Rie­sce a tra­sci­na­re gli al­tri». Con­fer­ma­to l’ex in­te­ri­sta, ma con cam­bio di mo­du­lo: 4-3-3. I ros­so­blù nel pri­mo tem­po han­no ret­to l’ur­to de­gli av­ver­sa­ri. «E ab­bia­mo avu­to l’oc­ca­sio­ne più pu­li­ta con Pa­la­cio. Sia­mo an­da­ti be­ne sì. In ge­ne­ra­le ci so­no sta­ti po­chi er­ro­ri in­di­vi­dua­li». Co­me nei gol. «For­se su Chie­sa po­te­va­mo es­se­re più ag­gres­si­vi e con­tra­star­lo me­glio pri­ma, ma il ti­ro è sta­to ec­ce­zio­na­le. Il col­po di te­sta di Pez­zel­la è sta­to an­che for­tui­to, ma il cal­cio è an­che co­sì». Co­me il pa­lo fi­na­le di Ro­dri­go. «Che può la­sciar­ti gran­de fru­stra­zio­ne op­pu­re dar­ti quel­la rabbia che ti spin­ge a crear­te­ne al­tre tre o quat­tro di oc­ca­sio­ni co­sì. Il fat­to è che con­tro squa­dre di va­lo­re le po­che pal­le che ti ca­pi­ta­no de­vi but­tar­le den­tro».

Un plau­so al­la cop­pia di­fen­si­va, ine­di­ta e ov­via­men­te po­co af­fia­ta­ta. Ep­pu­re. «He­lan­der, ot­ti­ma pre­sta­zio­ne, so­no con­ten­to per lui e fe­li­cis­si­mo per Gon­za­lez che ha gio­ca­to una bel­la par­ti­ta: que­sto per noi è im­por­tan­tis­si­mo». An­che per­ché in vi­sta di mar­te­dì mez­za di­fe­sa è out, con Ma­si­na usci­to do­lo­ran­te al­la te­sta do­po un con­tra­sto con Si­meo­ne.

«È pre­sto per sa­pe­re chi può giocare, l’im­por­tan­te è che ci en­tra fac­cia la sua par­te, co­me è suc­ces­so og­gi. Pec­ca­to per cer­te so­sti­tu­zio­ni ob­bli­ga­te… un po’ tan­te in que­sto ini­zio di cam­pio­na­to: og­gi avrei fat­to en­tra­re Don­sah, ma si è fat­to ma­le Adam…».

E l’attacco? «Di Fran­ce­sco non era sta­to be­ne e non avreb­be do­vu­to giocare, ma poi è sta­to ma­le an­che Kre­j­ci: ha lot­ta­to, ma può da­re di più. Ver­di ci ha pro­va­to tan­te vol­te e può ca­pi­ta­re che nel­la quan­ti­tà qual­co­sa re­sti fuo­ri». Do­po­di­ché, ri­cor­dan­do quan­to con­ti la qua­li­tà nel cal­cio, ri­ca­pi­to­la le gio­ca­te di Pa­la­cio, «tre: un ti­ro fuo­ri, un gol e un pa­lo». Pro­prio co­sì: e al­lo­ra, che fac­cia scuo­la “l’hom­bre che sta fuo­ri dal pro­get­to”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.