Boom di ti­ro­ci­ni Ma l’as­sun­zio­ne è una lot­te­ria

Più che rad­dop­pia­ti dal 2010, so­lo la me­tà ce la fa

Corriere di Bologna - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nel 2016 so­no sta­ti at­ti­va­ti più di 7600 sta­ge nell’area me­tro­po­li­ta­na, il 20% in più ri­spet­to al 2015, ma il 72% in più ri­spet­to al 2014 e il 108% se si ana­liz­za­no i nu­me­ri del 2010. Per ora nel 2017, se­con­do l’ul­ti­mo ag­gior­na­men­to a giu­gno scor­so, i ti­ro­ci­ni pro­mos­si so­no sta­ti cir­ca 4.000, ma en­tro l’an­no è pre­vi­sto un au­men­to in li­nea con i nu­me­ri del 2016. L’an­da­men­to ap­pa­re in­ver­so se si guar­da ai ri­sul­ta­ti dei ti­ro­ci­ni: se nel 2015 cir­ca il 65,5% de­gli sta­gi­sti ave­va tro­va­to un im­pie­go, nel 2016 la per­cen­tua­le era sce­sa al 54,4%. Su 6.896 ti­ro­ci­ni ces­sa­ti l’an­no scor­so, so­no sta­ti quin­di 3.762 i ti­ro­ci­nan­ti che han­no con­ti­nua­to a la­vo­ra­re, an­che se non tu­tit nel­la stes­sa azien­da del­lo sta­ge. «Con l’av­ven­to gra­dua­le dell’in­du­stria 4.0 stan­no na­scen­do nuo­ve fi­gu­re che de­vo­no es­se­re for­ma­te, e lo sta­ge è il mez­zo più im­me­dia­to per far­lo», av­ver­to­no le agen­zie di la­vo­ro in­te­ri­na­le. e

Le fi­gu­re più ri­chie­ste Tec­ni­ci e ge­sto­ri di re­te, con­ta­bi­li, ma­nu­ten­to­ri di ap­pa­ra­ti elet­tro­ni­ci e re­spon­sa­bi­li mar­ke­ting

In qua­si set­te an­ni gli sta­ge so­no au­men­ta­ti qua­si del dop­pio, ma og­gi in cit­tà so­lo po­co più del­la me­tà poi tro­va un im­pie­go. Il ti­ro­ci­nio è di­ven­ta­to ne­gli ul­ti­mi an­ni uno tra gli stru­men­ti più in­fla­zio­na­ti del mer­ca­to del la­vo­ro, gra­zie an­che all’idea­zio­ne di un pro­gram­ma eu­ro­peo, co­me Ga­ran­zia Gio­va­ni, che in Emi­lia Ro­ma­gna ha coin­vol­to più di 22.500 ra­gaz­zi tra i 15 e i 29 an­ni da fi­ne 2014 al­lo scor­so set­tem­bre.

Un pro­get­to che fi­no a mag­gio del 2016 co­pri­va con fon­di Ue le in­den­ni­tà dei ti­ro­ci­nan­ti fi­no al 70%, ga­ran­ten­do ai ra­gaz­zi una me­dia di mi­ni­mo 450 eu­ro al me­se. Og­gi è an­co­ra pos­si­bi­le at­ti­va­re per­cor­si di que­sto ge­ne­re, ma i rim­bor­si spe­se ri­man­go­no a ca­ri­co del­le im­pre­se. Al di là di Ga­ran­zia Gio­va­ni, ba­sta pe­rò

Lo sta­to di sa­lu­te del mer­ca­to

Le agen­zie di la­vo­ro in­te­ri­na­le cer­ti­fi­ca­no l’au­men­to di ri­chie­ste di ti­ro­ci­ni da par­te del­le im­pre­se guar­da­re i da­ti, for­ni­ti dal Mi­ni­ste­ro del La­vo­ro, per os­ser­va­re in ge­ne­ra­le un boom di ti­ro­ci­ni: nel 2016 so­no sta­ti at­ti­va­ti più di 7600 sta­ge nell’area me­tro­po­li­ta­na, il 20% in più ri­spet­to al 2015, ma il 72% in più ri­spet­to al 2014 e il 108% se si ana­liz­za­no i nu­me­ri del 2010.

«Co­me agen­zia in­te­ri­na­le sia­mo mol­to cau­ti nel pro­por­re un ti­ro­ci­nio al­le azien­de — sot­to­li­nea Fran­ce­sca Tan­zil­li, re­spon­sa­bi­le dell’uf­fi­cio per­so­na­le di La­vo­ro­più —. Non so­no co­sì sem­pli­ci da at­ti­va­re: c’è un pre­ci­so iter da se­gui­re e quan­do li con­si­glia­mo de­fi­nia­mo chia­ra­men­te i li­mi­ti di uti­liz­zo, sot­to­li­nean­do la lo­ro va­len­za pu­ra­men­te for­ma­ti­va».

Per ora nel 2017, se­con­do l’ul­ti­mo ag­gior­na­men­to a giu­gno scor­so, i ti­ro­ci­ni pro­mos- si so­no sta­ti cir­ca 4.000, ma en­tro l’an­no è pre­vi­sto un au­men­to in li­nea con i nu­me­ri del 2016. So­no tut­ti da­ti che fan­no ri­flet­te­re, so­prat­tut­to se con­fron­ta­ti con i ri­sul­ta­ti rac­col­ti nell’area me­tro­po­li­ta­na a sei me­si dal­la ces­sa­zio­ne del pe­rio­do di sta­ge.

In un an­no la pos­si­bi­li­tà di fir­ma­re un con­trat­to, qua­si sem­pre de­ter­mi­na­to o di ap­pren­di­sta­to, una vol­ta con­clu­so il pe­rio­do di sta­ge, è ca­la­ta del 10%. Se nel 2015 cir­ca il 65,5% dei ti­ro­ci­nan­ti ha tro­va­to un im­pie­go, nel 2016 so­lo il 54,4% di lo­ro ha avu­to que­sta op­por­tu­ni­tà. Su 6896 ti­ro­ci­ni ces­sa­ti l’an­no scor­so, so­lo 3.762 sta­gi­sti han­no con­ti­nua­to a la­vo­ra­re, ma non tut­ti con la stes­sa azien­da do­ve han­no svol­to il pe­rio­do for­ma­ti­vo. Qua­si la me­tà di lo­ro, cir­ca 1.773 per­so­ne, ha cam­bia­to da­to­re.

A li­vel­lo re­gio­na­le la me­dia è in­ve­ce più al­ta: nel 2016 il 78% dei ti­ro­ci­nan­ti ha fir­ma­to un con­trat­to di la­vo­ro, men­tre su sca­la na­zio­na­le il con­fron­to è dra­sti­co. Cir­ca l’88% de­gli ex sta­gi­sti ha con­ti­nua­to a la­vo­ra­re a sei me­si dal­la fi­ne del per­cor­so di for­ma­zio­ne. Per at­ti­va­re un ti­ro­ci­nio ex­tra­cur­ri­cu­la­re for­ma­ti­vo e di in­se­ri­men­to/rein­se­ri­men­to nel mon­do del la­vo­ro, ri­vol­to sia a stu­den­ti, che di­soc­cu­pa­ti, inoc­cu­pa­ti o la­vo­ra­to­ri in mo­bi­li­tà, è sem­pre ne­ces­sa­ria una con­ven­zio­ne con un sog­get­to ter­zo, co­me pri­va­ti ed en­ti di for­ma­zio­ne ac­cre­di­ta­ti dal­la Re­gio­ne al­la ge­stio­ne del ser­vi­zio per l’im­pie­go.

«Noi ci oc­cu­pia­mo di se­le­zio­na­re so­lo ti­ro­ci­ni di me­dioal­to li­vel­lo per azien­de at­ten­te al lo­ro em­ployer bran­ding — sot­to­li­nea Ales­sia Bron­del­li, re­spon­sa­bi­le mar­ke­ting per Bo­lo­gna dell’agen­zia in­te­ri­na­le di Adhr—. Ne­gli an­ni la ri­chie­sta di ti­ro­ci­nan­ti è au­men­ta­ta: i più get­to­na­ti so­no i tec­ni­ci e ge­sto­ri di re­te te­le­ma­ti­che, con­ta­bi­li, ma­nu­ten­to­ri di ap­pa­ra­ti elet­tro­ni­ci-in­du­stria­li e re­spon­sa­bi­li mar­ke­ting. Con l’av­ven­to gra­dua­le dell’in­du­stria 4.0 stan­no na­scen­do nuo­ve fi­gu­re, che de­vo­no es­se­re for­ma­te, e lo sta­ge è il mez­zo più im­me­dia­to per far­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.