Po­chis­si­mi ti­ri Sol­tan­to la Spal fa peg­gio

Do­na­do­ni, l’al­lar­me do­po la ter­za scon­fit­ta di fi­la: «Dob­bia­mo es­se­re più lu­ci­di e me­no fre­ne­ti­ci»

Corriere di Bologna - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Bo­lo­gna? Bel­li­no, sì, pe­rò non ti­ra mai. È il com­men­to dell’uo­mo qua­lun­que che po­treb­be va­le­re co­me ana­li­si do­po il ko dell’Olim­pi­co: è la ter­za scon­fit­ta nel gi­ro di una set­ti­ma­na, quat­tro gol su­bi­ti e una re­te a se­gno, gen­til­men­te omag­gia­ta da Lu­lic con­tro la Lazio. L’al­lar­me è pro­prio que­sto: è tor­na­to il Bo­lo­gna spun­ta­to, in­ca­pa­ce di fa­re ma­le con­tro av­ver­sa­rie di li­vel­lo su­pe­rio­re (co­me le ul­ti­me tre, che ha af­fron­ta­to nel gi­ro di set­te gior­ni), an­che quan­do gio­ca una par­ti­ta or­di­na­ta e di­scre­ta co­me quel­la vi­sta sa­ba­to con­tro la Ro­ma. I gial­lo­ros­si so­no al­la ter­za vit­to­ria con­se­cu­ti­va per 1-0 do­po quel­le con­tro To­ri­no e Cro­to­ne e si con­fer­ma­no mi­glior di­fe­sa del cam­pio­na­to — un buon ali­bi per i ros­so­blù — ma ad in­chio­da­re il Bo­lo­gna c’è una sta­ti­sti­ca che gior­na­ta do­po gior­na­ta ve­de la squa­dra di Do­na­do­ni sem­pre più in bas­so: quel­la dei ti­ri ver­so la por­ta av­ver­sa­ria. Le sei con­clu­sio­ni ver­so la por­ta av­ver­sa­ria scoc­ca­te dai ros­so­blù all’Olim­pi­co han­no fat­to sci­vo­la­re il Bo­lo­gna me­sta­men­te al 19esi­mo po­sto del­la se­rie A in que­sta gra­dua­to­ria ov­via­men­te co­man­da­ta dal Na­po­li, do­ve so­lo la Spal sta fa­cen­do peg­gio de­gli 89 ti­ri in un­di­ci par­ti­te ra­ci­mo­la­ti da Ver­di e com­pa­gni. «Dob­bia­mo es­se­re più lu­ci­di e me­no fre­ne­ti­ci ne­gli ul­ti­mi se­di­ci me­tri», ana­liz­za­va sa­ba­to not­te a Ro­ma Do­na­do­ni do­po una ga­ra più che di­gni­to­sa ma in cui Alis­son — al pa­ri di Be­ri­sha a Ber­ga­mo e di Stra­ko­sha mer­co­le­dì con­tro la Lazio – non ha pra­ti­ca­men­te do­vu­to spor­car­si i guan­ti. In­ter­ven­ti di rou­ti­ne o po­co più per i por­tie­ri av­ver­sa­ri in un ter­zet­to di par­ti­te rav­vi­ci­na­te con­tro squa­dre da par­te si­ni­stra del­la clas­si­fi­ca — il Bo­lo­gna non lo è, gio­va ri­cor­dar­lo a chi si era pre­ma­tu­ra­men­te mon­ta­to la te­sta — con­tro cui i ros­so­blù han­no ti­ra­to nel­lo spec­chio del­la por­ta so­lo no­ve vol­te in to­ta­le, per lo più con con­clu­sio­ni vel­lei­ta­rie. È evi­den­te che il bug non è ca­sua­le, se è ve­ro che ad esem­pio in una par­ti­ta stra­do­mi­na­ta sul pia­no del gio­co co­me quel­la con­tro la Spal i ros­so­blù han­no pro­dot­to ot­to ti­ri, di cui so­lo tre nel­lo spec­chio del­la por­ta fer­ra­re­se. Il Bo­lo­gna pun­ge po­co o nul­la e ha co­strui­to il suo buon ini­zio di cam­pio­na­to ca­pi­ta­liz­zan­do al mas­si­mo i po­chi gol se­gna­ti (tre vit­to­rie su quat­tro per 1-0), ma se il da­to di do­di­ci gol su­bi­ti in un­di­ci gior­na­te è ot­ti­mo, spe­cial­men­te per chi ha già in­con­tra­to quat­tro del­le cin­que big fi­ve del cam­pio­na­to, le so­le no­ve reti se­gna­te (0,82 di me­dia a par­ti­ta) rap­pre­sen­ta­no un cam­pa­nel­lo d’al­lar­me da non sot­to­va­lu­ta­re. O più ba­nal­men­te, in­qua­dra­no al­la per­fe­zio­ne una co­per­ta cor­ta co­me quel­la ros­so­blù: le co­per­tu­re che gli ester­ni de­vo­no da­re ai ter­zi­ni, spe­cie quan­do manca Mbaye, por­ta­no Ver­di e Di Fran­ce­sco ab­ba­stan­za lon­ta­ni dal­la por­ta e quan­do manca Pa­la­cio là da­van­ti ca­la la not­te. Se a que­sto si ag­giun­ge la ste­ri­li­tà sul­le pal­le inat­ti­ve, ec­co che l’ane­mia of­fen­si­va di que­sto Bo­lo­gna ri­schia di di­ven­ta­re un re­bus de­ci­sa­men­te com­pli­ca­to da ri­sol­ve­re per non al­te­ra­re equi­li­bri che co­mun­que fin qui han pro­dot­to ri­sul­ta­ti mi­glio­ri del­le at­te­se.

A sec­co

In al­to Bru­no Pe­t­ko­vic, mai pe­ri­co­lo­so in que­sto ini­zio di sta­gio­ne Sot­to l’uni­ca oc­ca­sio­ne del Bo­lo­gna a Ro­ma (LaP­res­se)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.