Smar­ri­ta la via del gol Chi c’è ol­tre Pa­la­cio?

Sen­za Ro­dri­go è nor­ma­le sof­fri­re. An­che la di­fe­sa sui cal­ci piaz­za­ti va mi­glio­ra­ta

Corriere di Bologna - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Se il Bo­lo­gna è più for­te di quel­lo dell’an­no pas­sa­to, è so­prat­tut­to per­ché a me­tà ago­sto è ar­ri­va­to a Ca­stel­de­bo­le Pa­la­cio e per­ché Pul­gar sta ga­ran­ten­do più pro­te­zio­ne al­la di­fe­sa di quan­to ne ga­ran­ti­va Vi­via­ni. Poi è ve­ro che so­no cre­sciu­ti Di Fran­ce­sco, Mbaye, Don­sah e Pe­t­ko­vic, ma que­ste so­no con­se­guen­ze di que­sto Bo­lo­gna che ha un mag­gio­re sen­so lo­gi­co ri­spet­to a quel­lo di ie­ri, an­che per­ché c’è una bel­la dif­fe­ren­za tra ave­re una prima pun­ta che fa la guerra con il mon­do in­te­ro e un’al­tra che la guerra fin qua l’ha fat­ta so­prat­tut­to a se stes­so. Se a og­gi guar­di la clas­si­fi­ca del Bo­lo­gna ti fai l’idea non so­lo che ab­bia i pun­ti che me­ri­ta ma che pos­sa es­se­re la scar­pa giu­sta per il suo pie­de an­che da qui a mag­gio. Nel sen­so che tut­te le squa­dre che gli so­no da­van­ti han­no di più, e già sa­reb­be il mas­si­mo del­la vi­ta se a giu­gno fos­se sta­to su­pe­ra­to so­lo dal To­ri­no e aves­se mes­so die­tro il Chie­vo. Che ci sa­rà pu­re un mo­ti­vo se tut­ti gli an­ni fa me­glio del Bo­lo­gna.

Che il Bo­lo­gna sen­za Pa­la­cio sia fa­cil­men­te leg­gi­bi­le dai di­rim­pet­tai e che an­che con Pa­la­cio ab­bia po­co il gol ad­dos­so è un se­gre­to co­no­sciu­to a Bo­lo­gna, ma c’è dell’al­tro e se vai a leg­ge­re be­ne den­tro que­ste tre scon­fit­te di fi­la lo tro­vi. Ad esem­pio la mar­ca­tu­ra a zo­na sui piaz­za­ti va as­so­lu­ta­men­te ri­vi­si­ta­ta da su­bi­to.

Par­tia­mo da una fra­se pro­nun­cia­ta da Eu­se­bio Di Fran­ce­sco al­la fi­ne di Ro­ma-Bo­lo­gna, «quan­do co­pri a zo­na spes­so fi­ni­sci per sco­pri­re il se­con­do pa­lo, è suc­ces­so an­che a me, e noi in que­sti gior­ni ab­bia­mo la­vo­ra­to su que­sta gio­ca­ta». Ora, è ve­ro che El Shaa­rawy ha ti­ra­to fuo­ri il co­ni­gliet­to dal ci­lin­dro, co­me è ve­ro che Ver­di si è di­men­ti­ca­to di lui, ma quan­te vol­te il Bo­lo­gna ha sof­fer­to sul­le pal­le inat­ti­ve an­che a Ber­ga­mo e con­tro la Lazio. Se an­da­te a ri­ve­de­re quel­lo che è sta­to in quel­le due par­ti­te, ma an­che a Ge­no­va e con­tro la Spal in ca­sa, po­tre­te ac­cor­ger­vi che spes­so il pal­lo­ne lo han­no pre­so gli al­tri. È dif­fi­ci­le pen­sa­re che a que­sto pun­to Do­na­do­ni e Got­ti cam­bi­no idea, ma a tut­ti e due ri­cor­dia­mo un par­ti­co­la­re di si­cu­ro non tra­scu­ra­bi­le: Ro­ma e In­ter, che so­no le due squa­dre che han­no su­bi­to me­no gol, sui piaz­za­ti co­pro­no a uo­mo. So­lo un ca­so?

Al­tro pun­to che è sta­to evi­den­zia­to so­prat­tut­to con­tro l’Ata­lan­ta e nel pri­mo tem­po con­tro la Lazio. Do­na­do­ni ha par­la­to di man­can­za di co­rag­gio da par­te dei suoi gio­ca­to­ri, e per cer­ti ver­si la sua ana­li­si può es­se­re an­che cor­ret­ta, ma è con­si­glia­bi­le che pre­di­chi an­che per se stes­so, per­ché se ab­bas­si in con­ti­nua­zio­ne Ver­di e Di Fran­ce­sco su Spi­naz­zo­la e Ca­sta­gne con­tro l’Ata­lan­ta e Ver­di e Kre­j­ci su Lu­lic e Ma­ru­sic ine­vi­ta­bil­men­te poi la squa­dra fa fa­ti­ca a ri­par­ti­re, aven­do trop­po cam­po da per­cor­re­re.

L’ul­ti­ma an­no­ta­zio­ne ri­guar­da De­stro: che fin qua ab­bia da­to po­co è si­cu­ro, ma guai a di­men­ti­ca­re l’im­por­tan­za del­la ge­stio­ne di un gio­ca­to­re. E il Bo­lo­gna no, non lo ha ge­sti­to be­ne. La ci­lie­gi­na sul­la tor­ta l’ha mes­sa Do­na­do­ni sa­ba­to a Ro­ma, fa­cen­do­lo en­tra­re a 4 mi­nu­ti dal­la fi­ne, co­me se fos­se un Ok­won­k­wo qual­sia­si. E cor­ren­do il ri­schio di pas­sa­re dal­la ra­gio­ne al tor­to.

Tec­ni­co Ro­ber­to Do­na­do­ni al­le pre­se con un pal­lo­ne in cam­po L’al­le­na­to­re ha par­la­to di man­can­za di co­rag­gio da par­te dei suoi gio­ca­to­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.