Crol­lo For­ti­tu­do A Trie­ste non c’è par­ti­ta

Green do­mi­na la ga­ra, For­ti­tu­do spaz­za­ta via 99-74. Per an­da­re in se­rie A ser­ve un al­tro li­vel­lo

Corriere di Bologna - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sven­to­la il bian­co­ros­so e svo­laz­za­no i co­rian­do­li, all’Al­ma Are­na è sem­pre fe­sta quan­do ar­ri­va — e va al tap­pe­to — la For­ti­tu­do. Non si vin­ce mai in via Fla­via, an­zi non ci si va nem­me­no vi­ci­no, cam­bia­no le squa­dre ma non cam­bia l’esi­to de­gli as­sal­ti al­la for­tez­za trie­sti­na, do­ve l’Aqui­la fi­ni­sce re­go­lar­men­te spen­na­ta. Co­min­cia a na­sce­re il ta­bù di un pa­laz­zo nel qua­le la Ef­fe ha per­so sei vol­te su sei nel gi­ro di due an­ni so­la­ri (men­tre il bi­lan­cio com­ples­si­vo con Trie­ste è 7-3), con una me­dia di 19,3 pun­ti di scar­to. Sta­vol­ta ne pren­de 25, che so­no tan­ti an­che in ot­ti­ca di dop­pio con­fron­to, per quan­to inu­ti­le pos­sa sem­bra­re pen­sa­re al­la par­ti­ta di ri­tor­no del lon­ta­no 7 feb­bra­io, se dav­ve­ro le due squa­dre fa­ran­no cor­sa a par­te in que­sta A2. Quel che pre­oc­cu­pa non è tan­to la scon­fit­ta in sé, quan­to la sua pro­ie­zio­ne nell’ar­co del­la sta­gio­ne, è l’in­quie­tan­te sen­sa­zio­ne che se si vuo­le an­da­re in Se­rie A qui bi­so­gne­rà tor­nar­ci, nei playoff, ma­ga­ri in fi­na­le, e sa­rà ma­le­det­ta­men­te dif­fi­ci­le esco­gi­ta­re una qual­che ma­nie­ra per vin­cer­ci, una buo­na vol­ta.

La prima scon­fit­ta del­la sta­gio­ne è ov­vio che ci sta, con­tro un’av­ver­sa­ria co­sì, 28 vit­to­rie in­ter­ne su 30 par­ti­te uf­fi­cia­li nell’ar­co del­le ul­ti­me due sta­gio­ni, ca­pa­ce di ar­ma­re le sue tan­te boc­che da fuo­co, tri­ple da sei gio­ca­to­ri di­ver­si per il 43% da tre. Lo schiaf­fo­ne pe­rò è for­tis­si­mo ed il ri­sve­glio, do­po il quat­tro su quat­tro ini­zia­le, è mol­to bru­sco. Tol­to for­se il pri­mo quar­to la Ef­fe non se l’è mai gio­ca­ta, non per­ché in­ciam­pa­ta in una gior­na­ta par­ti­co­lar­men­te stor­ta, ma sem­pli­ce­men­te per­ché dall’al­tra par­te c’era una squa­dra net­ta­men­te più for­te. E si fi­ni­ce per chie­der­si co­me la si po­trà mai bat­te­re Trie­ste, se do­mi­na a rim­bal­zo (41-31) an­che sen­za Bo­wers, cioè il suo lun­go più for­te. Di là man­ca­va Cin­cia­ri­ni, ma non è un’at­te­nuan­te, spe­cie per una di­fe­sa che in­cas­sa qua­si un cen­to­ne, crol­lan­do pia­no pia­no, do­po un av­vio in­co­rag­gian­te. Era 3-10 do­po po­chi mor­si di par­ti­ta, Pi­ni tro­va­to con con­ti­nui­tà e l’at­tac­co che sem­bra scor­re­re flui­do, poi più nul­la, per­so di 6 il se­con­do quar­to, di 8 il ter­zo e il quar­to, nes­su­na ve­ra rea­zio­ne, nes­su­no da sal­va­re, tut­ti fe­no­me­ni dall’al­tra par­te. So­prat­tut­to uno, Ja­von­te Green, che quan­do en­tra in par­ti­ta non lo fer­ma nes­su­no, né con le buo­ne né con le cat­ti­ve (quan­do ci pro­va Man­ci­nel­li bec­ca l’an­ti­spor­ti­vo che por­ta l’Al­ma a +14 e chiu­de ogni di­scor­so), e ne met­te 27 con 9/13 e 8 rim­bal­zi, do­mi­nan­do. Due o tre sue to­nan­ti schiac­cia­te rie­cheg­gia­no la mi­glior Trie­ste dell’an­no scor­so, quel­la atle­ti­ca­men­te di­la­gan­te che nes­su­no sa­pe­va co­me pren­de­re. Il tem­po non manca, ma bi­so­gne­rà pur tro­va­re un mo­do.

Spun­ta­to

Ste­fa­no Man­ci­nel­li do­po al­cu­ne gran­di par­ti­te non è riu­sci­to a tra­sci­na­re la For­ti­tu­do a Trie­ste (fo­to Pal­la­ca­ne­stro Trie­ste)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.