Trie­ste fa un al­tro cam­pio­na­to. La For­ti­tu­do è mol­to in­die­tro

Green in­con­te­ni­bi­le, ro­ster più for­te: i bian­co­ros­si vo­la­no, la Ef­fe po­treb­be cam­bia­re qual­co­sa

Corriere di Bologna - - Sport -

Ma se Trie­ste è que­sta, chi la va a ri­pren­de­re? Più an­co­ra che la ba­sto­na­tu­ra ri­me­dia­ta nel con­fron­to di­ret­to, quel che for­se fa più ma­le al­la For­ti­tu­do do­po il big-mat­ch di A2 è la sen­sa­zio­ne di non ave­re al mo­men­to le ar­mi per vin­cer­la, que­sta lun­ga cor­sa a due per la pro­mo­zio­ne. E di non sa­pe­re do­ve met­te­re le ma­ni, in un even­tua­le ri­tor­no sul mer­ca­to, pos­si­bi­le ma de­li­ca­to, sce­glien­do un do­ma­ni se mi­glio­ra­re il play­ma­king o il re­par­to lun­ghi, pun­ti do­len­ti di og­gi. Si fa fa­ti­ca a de­ru­bri­ca­re la prima scon­fit­ta del­la sta­gio­ne co­me un brut­to epi­so­dio, non per­ché non ci sia­no il tem­po e i mar­gi­ni per cre­sce­re, ma per l’im­pres­sio­nan­te pro­va di for­za for­ni­ta dall’av­ver­sa­ria de­si­gna­ta. Per rag­giun­ger­la, e bat­ter­la — so­prat­tut­to a ca­sa sua — ser­ve un’im­pre­sa, lo si sa­pe­va già, ma ades­so è il te­ma cen­tra­le del­la sta­gio­ne. Da quan­do è ini­zia­ta que­sta stra­na ri­va­li­tà in A2, due an­ni fa, la Ef­fe con­tro i bian­co­ros­si ha per­so 7 vol­te su 10, all’Al­ma Are­na 6 vol­te su 6. Qua­si tut­ti gli as­sal­ti al­la for­tez­za trie­sti­na si so­no con­clu­si con un mas­sa­cro, ri­me­dian­do nell’or­di­ne 28, 5, 10, 22, 20 e in­fi­ne 25 pun­ti di scar­to, do­me­ni­ca. 25 quan­te le gior­na­te che re­sta­no in sta­gio­ne re­go­la­re, sei me­si di par­ti­te, un’eter­ni­tà, ep­pu­re vien da pen­sa­re che la cor­sa al pri­mo po­sto sia già in par­te com­pro­mes­sa, uno scar­to co­sì al ri­tor­no è qua­si im­pos­si­bi­le da ri­bal­ta­re, il gap in clas­si­fi­ca di fat­to è di quat­tro pun­ti, non due (mol­la­re di schian­to, men­tre dall’al­tra par­te chiun­que en­tra­va con­ti­nua­va a ma­ci­na­re gio­co, è sta­ta una col­pa gra­ve). Nel­le ul­ti­me due sta­gio­ni Trie­ste in ca­sa ha per­so 2 par­ti­te su 30, in sei me­si può suc­ce­de­re di tut­to ma og­gi è una mac­chi­na da guerra. Ha co­mun­que in pro­gram­ma ag­giu­sta­men­ti, ad esem­pio Gi­ga Ja­ne­li­d­ze, tra i mi­glio­ri do­me­ni­ca, è sta­to pre­so a get­to­ne in esta­te quan­do si è rot­to Da Ros e vie­ne buo­no ora che Bo­wers è di nuo­vo fuo­ri. In­de­ci­sa se an­da­re su un al­tro lun­go stra­nie­ro a get­to­ne o aspet­ta­re che la Vir­tus pren­da il 4 ame­ri­ca­no e li­be­ri Ros­sel­li, al qua­le fa la cor­te da me­si, al mo­men­to Trie­ste può com­pli­car­si la vi­ta so­lo con le pro­prie ma­ni. Ma in­tan­to si go­de un mo­struo­so Ja­von­te Green, a og­gi l’in­di­scus­so Mvp di A2, ol­tre che top-sco­rer del gi­ro­ne e pri­mo per re­cu­pe­ri e va­lu­ta­zio­ne, e può aspet­ta­re che Ca­va­lie­ro re­cu­pe­ri la con­di­zio­ne. Ora ha da­van­ti al­tre par­ti­te du­re, va a Ra­ven­na poi ri­ce­ve Tre­vi­so e va a Man­to­va, un ci­clo nel qua­le ma­ga­ri la Ef­fe, che do­me­ni­ca ri­gio­ca fi­nal­men­te al Pa­laDoz­za con Verona (poi va a Imo­la ed ha Ber­ga­mo in ca­sa) po­treb­be re­cu­pe­ra­re qual­co­sa. La stra­da è an­co­ra lun­ga.

A fon­do

Ales­san­dro Ami­ci e la For­ti­tu­do non so­no riu­sci­ti a reg­ge­re l’ur­to di Trie­ste

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.