LE PAR­ROC­CHIE E GLI IM­MI­GRA­TI, UNA DIF­FI­CI­LE TRIN­CEA

Il vi­ca­rio Sil­va­gni do­po gli at­tac­chi e le po­li­ti­che del go­ver­no: «La Chie­sa avrà gros­si pro­ble­mi» So­lo no­ve par­roc­chie su no­van­ta ospi­ta­no. La Ca­ri­tas ha riem­pi­to le sue strut­tu­re con 63 pro­fu­ghi

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - Bep­pe Per­si­chel­la © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ac­co­glien­za e mi­gran­ti, un bi­no­mio che nem­me­no nel­le par­roc­chie è de­col­la­to. A ospi­ta­re i mi­gran­ti sono so­lo no­ve par­roc­chie su no­van­ta a Bo­lo­gna, la Ca­ri­tas ha riem­pi­to le sue strut­tu­re e sette fa­mi­glie han­no mes­so a di­spo­si­zio­ne una ca­me­ra: in 63 han­no tro­va­to una si­ste­ma­zio­ne. «Può dar­si che la Chie­sa da qui a po­co avrà gros­se dif­fi­col­tà a por­ta­re avan­ti cer­ti in­se­gna­men­ti», di­ce il vi­ca­rio del­la Cu­ria, Giovanni Sil­va­gni.

” Don Tar­ci­sio Sal­vi­ni in­ter­pre­ta il Van­ge­lo a mo­do suo, so be­ne che nel­la mia par­roc­chia ci sono fe­de­li in di­sac­cor­do con le mie pre­di­che ” Don Pro­di Gli estre­mi si stan­no po­la­riz­zan­do sem­pre più, chi non ha ac­col­to con­ti­nue­rà a non far­lo ma con più rabbia den­tro

I por­ti chiu­si, le of­fe­se sul web. «Può dar­si che la Chie­sa da qui a po­co avrà gros­se dif­fi­col­tà a por­ta­re avan­ti cer­ti in­se­gna­men­ti. Non me­ra­vi­glie­rei se ci fos­se­ro osta­co­li, de­ni­gra­zio­ne e sva­lu­ta­zio­ne da par­te dell’opi­nio­ne pub­bli­ca». Il vi­ca­rio ge­ne­ra­le del­la Cu­ria mon­si­gnor Giovanni Sil­va­gni di­ce di non es­se­re pre­oc­cu­pa­to, ma sol­tan­to per­ché, per un uo­mo di Chie­sa, «ogni epo­ca ha i suoi pro­ble­mi». Non per que­sto sot­to­va­lu­ta la si­tua­zio­ne po­li­ti­ca na­zio­na­le. «Quan­do ho sen­ti­to lo slo­gan por­ti chiu­si mi si è stret­to il cuo­re», con­fes­sa.

Di cer­to la Cu­ria bo­lo­gne­se non ar­re­tre­rà di un mil­li­me­tro, co­me è chia­ro dal­le pa­ro­le dell’ar­ci­ve­sco­vo Mat­teo Zup­pi. Do­po gli in­sul­ti del web, il gior­no se­guen­te è tor­na­to a par­la­re di ac­co­glien­za. Ac­co­glien­za che, no­no­stan­te i ri­pe­tu­ti sol­le­ci­ti di Pa­pa Ber­go­glio, non è mai dav­ve­ro de­col­la­ta nel­le par­roc­chie bo­lo­gne­si. A ospi­ta­re og­gi sono so­lo no­ve su ol­tre no­van­ta spar­se per Bo­lo­gna, al­tre sette fa­mi­glie han­no mes­so a di­spo­si­zio­ne una ca­me­ra, men­tre la Ca­ri­tas ha riem­pi­to le sue tre strut­tu­re. In tut­to han­no tro­va­to un tet­to 63 mi­gran­ti. «Ma­ga­ri aves­si­mo al­tre no­stre ca­se vuo­te», si la­men­ta il di­ret­to­re Ma­rio Mar­chi. An­che lui os­ser­va una si­tua­zio­ne in con­ti­nua evo­lu­zio­ne — lo stop agli sbar­chi e le cri­ti­che ai pre­ti — ma non si scom­po­ne. «Se og­gi ci sen­tia­mo più so­li in ciò che fac­cia­mo? Non che pri­ma fos­si­mo mol­to ac­com­pa­gna­ti». In pe­ri­fe­ria il cli­ma cam­bia. Il rap­por­to con i fe­de­li è qua­si quo­ti­dia­no, i par­ro­ci san­no che cer­te opi­nio­ni che si pos­so­no leg­ge­re sui so­cial sono le stes­se di al­cu­ni fe­de­li la do­me­ni­ca a mes­sa. «Sal­vi­ni in­ter­pre­ta il Van­ge­lo a mo­do suo. E io so be­nis­si­mo che in chie­sa da me c’è chi è d’accordo con le mie pre­di­che e chi no», di­ce don Tar­ci­sio Nar­del­li del Cuo­re Im­ma­co­la­to di Ma­ria a Bor­go Pa­ni­ga­le. Qual­che pic­co­lo se­gna­le, chis­sà quan­to in­si­gni­fi­can­te, in que­sti giorni lo ha avu­to. «Ho una mai­ling li­st di fe­de­li do­ve tra le al­tre co­se ri­pe­to il sen­so di al­cu­ne mie pre­di­che. Sono ve­nu­to a sa­pe­re che uno si è ap­pe­na can­cel­la­to. For­se il mio mes­sag­gio lo ave­va di­stur­ba­to». Di­stur­ba­to è so­prat­tut­to il suo sta­to d’ani­mo per le pa­ro­le espres­se dal­la ca­po­grup­po le­ghi­sta Fran­ce­sca Sca­ra­no, quel­le dell’orgoglio del­la «di­su­ma­ni­tà» di fronte a una «im­mi­gra­zio­ne in­con­trol­la­ta». «Se un cri­stia­no ar­ri­va a que­sto, non è più un cri­stia­no», non ac­cet­ta giu­sti­fi­ca­zio­ni don Nar­del­li.

Al­tro pre­te di fron­tie­ra è don Mat­teo Pro­di, ni­po­te dell’ex pre­mier. In­se­gna ai bam­bi­ni dell’hub di via Mat­tei, do­po es­se­re sta­to per tan­ti an­ni par­ro­co a Pon­te Ron­ca di Zo­la Pre­do­sa. Nel­la sua ana­li­si mol­to rea­li­smo e po­co ot­ti­mi­smo. «Gli estre­mi si stan­no po­la­riz­zan­do sem­pre di più. Chi fi­no ad ora ha ac­col­to con­ti­nue­rà a far­lo. Chi non ha ac­col­to con­ti­nue­rà a non far­lo, ma con più rabbia den­tro. E chi di­ce “sono con­sa­pe­vol­men­te di­su­ma­no” è un po’ lon­ta­no dall’es­se­re cre­den­te».

Ac­co­glien­za Uno dei mo­men­ti in una par­roc­chia del­la cit­tà che ospi­ta i ri­chie­den­ti asi­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.