LA REAL­TÀ PARALLELA DEI NO VAX

Corriere di Bologna - - DA PRIMA PAGINA - di Fran­co Rel­la

Le azio­ni dei ge­ni­to­ri con­tra­ri al­la vac­ci­na­zio­ne dei fi­gli, e dun­que con­tra­ri ad ogni leg­ge che ne sta­bi­li­sca l’ob­bli­go, ha aspet­ti in­te­res­san­ti ma an­che in­quie­tan­ti su cui va­le la pe­na di sof­fer­mar­si un at­ti­mo. Ri­sul­ta sto­ri­ca­men­te pro­va­to che i vac­ci­ni han­no de­bel­la­to una lun­ga se­rie di ma­lat­tie. Ri­sul­ta al­tre­sì pro­va­to, non so­lo at­tra­ver­so gli at­te­sta­ti scien­ti­fi­ci, ma an­che at­tra­ver­so l’espe­rien­za per­so­na­le, che si è for­ma­ta nel­la fre­quen­ta­zio­ne di mi­glia­ia o, a li­vel­lo na­zio­na­le, di mi­lio­ni di bam­bi­ni, che i vac­ci­ni non so­no pe­ri­co­lo­si. C’è da chie­der­si al­lo­ra co­sa spin­ga del­le per­so­ne adul­te e re­spon­sa­bi­li a tra­sfor­ma­re i pro­pri fi­gli in scu­di uma­ni per por­ta­re avan­ti una bat­ta­glia ideo­lo­gi­ca. Co­sa li spin­ga a tra­sci­na­re i lo­ro pic­co­li ad es­se­re te­sti­mo­ni di sgra­de­vo­li con­ten­zio­si con le in­se­gnan­ti, quel­le a cui, pri­ma o do­po, que­sti bam­bi­ni do­vran­no pu­re af­fi­dar­si. Pen­so si trat­ti di un di­nie­go del­la real­tà che Freud ha stu­dia­to in uno dei suoi sag­gi più il­lu­mi­nan­ti. È qui in at­to una per­ver­sio­ne lo­gi­ca che re­si­ste ad ogni pro­va di real­tà. Ne ab­bia­mo avu­to esem­pi in pas­sa­to re­cen­te con la vi­cen­da sta­mi­na, e pri­ma con la cu­ra Di Bel­la, su cui fi­dei­sti­ca­men­te c’è sta­to an­che chi ha mes­so in gio­co la pro­pria vi­ta. Suc­ce­de co­sì, di­ce Freud, a li­vel­lo in­di­vi­dua­le, quel­lo che è ca­pi­ta­to a li­vel­lo più ge­ne­ra­le all’umanità che «an­ch’es­sa ha svi­lup­pa­to del­le for­ma­zio­ni de­li­ran­ti che so­no inac­ces­si­bi­li al­la cri­ti­ca lo­gi­ca e che con­trad­di­co­no la real­tà.

Dal mo­men­to che es­se pos­so­no eser­ci­ta­re un po­te­re straor­di­na­rio su­gli uo­mi­ni, la ri­cer­ca con­du­ce co­sì al­la stes­sa con­clu­sio­ne che per il sin­go­lo in­di­vi­duo». Ta­le for­ma­zio­ne de­li­ran­te re­si­ste dun­que ad ogni smen­ti­ta, esat­ta­men­te co­me av­vie­ne nel ca­so de­gli psi­co­ti­ci.

Ba­sta guar­dar­si in­tor­no. Ba­sta spor­ger­si e guar­da­re co­sa ac­ca­de nel mon­do.

L’Isis con gli scu­di uma­ni, e con gli at­ten­ta­to­ri sui­ci­di. Il raz­zi­smo e l’omo­fo­bia. Chi può con­vin­ce­re il raz­zi­sta che in real­tà la pa­ro­la raz­za è una pu­ra con­ven­zio­ne? Chi può con­vin­ce­re l’omo­fo­bo che l’omo­ses­sua­li­tà non è una ma­lat­tia, e so­prat­tut­to che non è as­so­lu­ta­men­te, a dif­fe­ren­za per esem­pio del mor­bil­lo, una ma­lat­tia con­ta­gio­sa?

I co­sid­det­ti non-vax re­si­sto­no in una sor­ta di real­tà parallela, co­me non si ren­des­se­ro con­to che i bam­bi­ni tra­sci­na­ti da­van­ti ai can­cel­li, nei si­tin di pro­te­sta, so­no de­sti­na­ti poi a vi­ve­re nel­la real­tà di tut­ti, a fian­co dei lo­ro coe­ta­nei, da cui è si­cu­ra­men­te cru­de­le e scri­te­ria­to se­pa­rar­li. Bam­bi­ni chiu­si in un au­la con i lo­ro ge­ni­to­ri, lon­ta­no dai com­pa­gni, è un’im­ma­gi­ne grot­te­sca e, po­trem­mo di­re, ma­la­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.