STRI­SCE PE­DO­NA­LI IN 3D E MUL­TE PER CHI NON RI­SPET­TA IL CO­DI­CE

Corriere di Bologna - - ECONOMIA - Gi­na San­ti, © RIPRODUZIONE RISERVATA BO­LO­GNA BO­LO­GNA

Ne pos­sia­mo fare di tut­te, ma se non ci met­tia­mo in te­sta di ri­spet­ta­re le re­go­le non cam­bie­rà nien­te, ades­so ho vi­sto che il Co­mu­ne pen­sa di met­te­re le stri­sce pe­do­na­li in 3D, per­ché co­sì so­no vi­si­bi­li me­glio gior­no e not­te. Mi sta be­ne, spe­ro pro­prio in sol­di spe­si be­ne, ma se pos­so di­re la mia spen­de­rei so­prat­tut­to per fare edu­ca­zio­ne stra­da­le e poi im­por­rei a suon di mul­te il ri­spet­to del co­di­ce stra­da­le, co­sì in­ve­ce di spen­de­re il Co­mu­ne in­cas­sa e po­co al­la vol­ta ci sa­rà più edu­ca­zio­ne sul­le stra­de.

BO­LO­GNA

Gen­ti­le si­gno­ra, cer­to che può di­re la sua, per­ché ogni opi­nio­ne me­ri­ta di es­se­re va­lu­ta­ta, vi­sto che le idee giu­ste non so­no esclu­si­va di quel­li che un tem­po ve­ni­va­no chia­ma­ti «lor si­gno­ri». Og­gi que­sta de­fi­ni­zio­ne non si usa più, del re­sto si du­bi­ta spes­so sul­la si­gno­ri­li­tà di cer­ti com­por­ta­men­ti in al­to lo­co: que­stio­ne di giu­sta cau­sa. Ma an­dia­mo avan­ti. Per quan­to mi ri­guar­da, so­no sem­pre fa­vo­re­vo­le al co­sid­det­to nuo­vo che avan­za, so­prat­tut­to in ma­te­ria di tec­no­lo­gia. Con una pre­mes­sa: que­sto nuo­vo va spe­ri­men­ta­to e va­lu­ta­to, af­fin­ché non sia sol­tan­to un at­to di fede o uno spot al­la ri­cer­ca del con­sen­so. Quan­do un’app può evi­tar­mi la co­da in sta­zio­ne per fare il bi­gliet­to del tre­no, è ben­ve­nu­ta. Pol­li­ce ver­so per quel­le che il te­le­fo­ni­no di­vo­ra con inu­ti­le in­gor­di­gia bu­li­mi­ca ma poi gli re­sta­no sul­lo sto­ma­co. In sin­te­si: la se­gna­le­ti­ca 2.0 può ri­ve­lar­si uti­le. Ad esem­pio per li­mi­ta­re i dan­ni in ca­so di hard­ware stra­da­le mal riu­sci­to, an­che se a vol­te ba­ste­reb­be un dis­sua­so­re per fre­na­re i bol­len­ti spi­ri­ti mo­to­ri­sti­ci. Co­mun­que ben ven­ga­no le no­vi­tà, pur sa­pen­do che sen­za un re­set dei com­por­ta­men­ti non si ri­sol­ve­rà in to­to il pro­ble­ma dei trop­pi mor­ti e fe­ri­ti sul­la stra­da. Co­sì, ca­ra Gi­na, pas­so al pun­to più in­te­res­san­te del­la sua let­te­ra e al­lar­go il di­scor­so: è ora di im­por­re tol­le­ran­za ze­ro e, in con­tem­po­ra­nea, di av­via­re un pia­no Mar­shall di edu­ca­zio­ne stra­da­le. Mil­le per­so­ne al me­se al Pron­to soc­cor­so so­no un’in­sop­por­ta­bi­le tas­sa pa­ga­ta all’inciviltà. Ades­so va di mo­da di­chia­rar­si cit­tà smart o friend­ly, in­tel­li­gen­te e ami­che­vo­le, ma Bo­lo­gna lo è nel traf­fi­co quo­ti­dia­no? La mia ri­spo­sta è no, s/con­for­ta­to dal­la let­tu­ra dei da­ti dell’in­for­tu­ni­sti­ca. Ec­co per­ché pro­pon­go la ma­no du­ra in­ve­ce di quel­la buo­ni­sta. Con vi­gi­li ur­ba­ni «cat­ti­vis­si­mi», e mul­te sen­za ec­ce­zio­ni o ri­guar­di. Sen­za di­fe­se di ca­te­go­ria: pe­do­ni, ci­cli­sti e mo­to­riz­za­ti, tut­ti sot­to lo stes­so co­di­ce, tan­to più che i ruo­li so­no in­ter­cam­bia­bi­li. Du­bi­to che il me­ne­fre­ghi­sta con il ma­nu­brio di­ven­ti ri­spet­to­so al vo­lan­te. È ve­nu­to il mo­men­to di met­te­re Bo­lo­gna fi­nal­men­te sul­la «buo­na stra­da».

pe­ti­zio­ni, ma pur­trop­po gli in­te­res­si eco­no­mi­ci dell’ae­ro­por­to han­no la me­glio sul­la no­stra sa­lu­te.

Al­la lu­ce de­gli ul­ti­mi tra­gi­ci even­ti (ca­mion esplo­so a bor­go pa­ni­ga­le, pon­te di Genova) e me­mo­ri del­la scuo­la Sal­ve­mi­ni di Ca­sa­lec­chio di Re­no, vie­ne da chie­der­si, ma esi­ste un pia­no di si­cu­rez­za a tu­te­la del­la col­let­ti­vi­tà bo­lo­gne­se?

Non si avrà pri­ma o poi l’en­ne­si­ma tra­ge­dia an­nun­cia­ta? Scri­vo a no­me di tut­ti.

Sil­via Fac­cio­lo, BO­LO­GNA

Du­ran­te la cam­pa­gna elet­to­ra­le del suo pri­mo man­da­to, lo slo­gan del sin­da­co Me­ro­la era: «Se vi va tut­to be­ne, io non va­do be­ne». A di­stan­za di die­ci an­ni, non ci va tut­to be­ne. Co­lui che do­vreb­be rap­pre­sen­ta­re gli in­te­res­si di tut­ta la co­mu­ni­tà, dal pal­co del­la fe­sta dell’ Uni­tà si per­met­te di di­re che, nel­la que­rel­le del Pas­san­te di mez­zo, il nuo­vo go­ver­no sba­glia se se­gue le ra- gio­ni dei co­mi­ta­ti (che al­tro non so­no che cit­ta­di­ni e re­si­den­ti e non as­so­cia­zio­ni a de­lin­que­re) del «non sot­to ca­sa mia». Egli, che ri­den­do e scher­zan­do tra ca­ri­che va­rie so­no lu­stri che baz­zi­ca nel­la am­mi­ni­stra­zio­ne bo­lo­gne­se, sa per­fet­ta­men­te che quel­li che per lui so­no «ghi­gno­si», per usa­re lo slang lo­ca­le, so­no gli stes­si che da­gli an­ni 60 si fan­no ca­ri­co di un far­del­lo co­sti­tui­to dal pas­sag­gio quo­ti­dia­no in­qui­nan­te, ru­mo­ro­so e in­ces­san­te di de­ci­ne di migliaia di mez­zi in un ter­ri­to­rio ur­ba­no che ha già tan­ti pro­ble­mi, sen­za es­ser­ne tu­te­la­ti sot­to il pro­fi­lo am­bien­ta­le e del­la sa­lu­te di cui, tra l’ al­tro, è il re­spon­sa­bi­le.

In­ve­ce che pon­ti­fi­ca­re e de­ni­gra­re con bat­tu­te fuo­ri luo­go, il sin­da­co di Bo­lo­gna do­vreb­be in­ver­ti­re il suo at­teg­gia­men­to la­ti­tan­te e ascol­ta­re i cit­ta­di­ni «ghi­gno­si», per com­pren­de­re le lo­ro istan­ze ed ado­pe­rar­si in pri­ma per­so­na per met­te­re fi­nal­men­te in cam­po quel­lo che la gen­te si aspet­ta da un buon am­mi­ni­stra­to­re.

Noi, i «ghi­gno­si»

Aiu­tia­mo le Mo­bi­ke

La Mo­bi­ke è un gran­de ser­vi­zio ma i van­da­li non si fer­ma­no. Sta a noi cit­ta­di­ni se­gna­la­re. Tra­mi­te App si può.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.