«Con­tro il Ge­noa per esal­tar­ci Vo­glio scin­til­le, non pro­ces­si»

In­za­ghi: «In cit­tà c’è ot­ti­mi­smo ma io so che è du­ra. De­stro? Mi di­mo­stri che sba­glio»

Corriere di Bologna - - SPORT - Ales­san­dro Mos­si­ni

Un at­to di fede con­tro le cri­ti­che e le per­ples­si­tà ge­ne­ra­te da tre par­ti­te sen­za gol e con un so­lo pun­to all’at­ti­vo: la de­li­ca­ta vi­gi­lia di Ge­noa-Bo­lo­gna ve­de un In­za­ghi ver­sio­ne stop­per, più che cen­tra­van­ti. Fa mu­ro, di­fen­de il grup­po e il suo la­vo­ro, re­ga­la a tut­ti una ca­rez­za due set­ti­ma­ne do­po l’In­ter: «Il ri­sul­ta­to è sta­to trop­po pe­na­liz­zan­te, ho fat­to ri­ve­de­re la par­ti­ta ai ra­gaz­zi per­ché è sta­ta buo­nis­si­ma. Voi guar­da­te so­lo al ri­sul­ta­to, io de­vo ve­de­re an­che al­tre co­se e ci so­no sta­ti mi­glio­ra­men­ti sot­to ogni pun­to di vi­sta: la squa­dra non de­ve far­si tra­vol­ge­re da ciò che si leg­ge, con­tro l’In­ter pri­ma del gol di Naing­go­lan se c’era una squa­dra che do­ve­va se­gna­re era la no­stra».

Ri­pen­sa al­le ri­par­ten­ze chiu­se dai ti­ri fuo­ri ber­sa­glio di Dze­mai­li, pro­ba­bil­men­te esa­ge­ra an­che ma è una di­fe­sa spas­sio­na­ta del grup­po. Non a ca­so, In­za­ghi sot­to­li­nea a più ri­pre­se an­che le as­sen­ze: «Pa­la­cio è out, He­lan­der spe­ria­mo se la ca­vi con 3 set­ti­ma­ne di stop. Sia­mo sfor­tu­na­ti, per­ché ci so­no po­chi guai mu­sco­la­ri e in­for­tu­ni se­ri na­ti da con­tra­sti ba­na­li: è suc­ces­so an­che a Paz e a Don­sah, che or­mai tut­ti han­no di­men­ti­ca­to ma per noi è im­por­tan­te». Al­cu­ni ele­men­ti so­no fuo­ri, al­tri ci sa­ran­no an­che se ac­ciac­ca­ti. Pro­prio qui ruo­ta il re­bus dell’at­tac­co do­ve quat­tro gio­ca­to­ri si gio­che­ran­no due po­sti. Ma da­gli exit-poll il tec­ni­co esclu­de una ipo­te­si: «Fal­ci­nel­li si è al­le­na­to do­po l’in­fluen­za, San­tan­der per 3-4 gior­ni ha avu­to un ri­sen­ti­men­to (ta­ciu­to dai re­port uf­fi­cia­li, ndr) ma sem­bra che stia be­ne. Tut­ti i quat­tro at­tac­can­ti, com­pre­so Ok­won­k­wo, so­no in liz­za: di cer­to in que­sto mo­men­to San­tan­der e De­stro non pos­so­no gio­ca­re in­sie­me dall’ini­zio per ca­rat­te­ri­sti­che e con­di­zio­ne fi­si­ca».

Ma se il pa­ra­gua­ya­no è ac­ciac­ca­to, l’asco­la­no si al­le­na in grup­po or­mai da set­ti­ma­ne. E quan­do vie­ne chie­sto a In­za­ghi co­me vi­ve De­stro que­sta si­tua­zio­ne sen­za po­sto da ti­to­la­re fis­so la ri­spo­sta è sec­ca: «Do­vre­ste chie­der­lo a lui. L’uni­ca di­mo­stra­zio­ne che può dar­mi è bru­cia­re l’er­ba quan­do gio­ca, il me­tro di giu­di­zio è quel­lo. Chi sta fuo­ri de­ve di­mo­strar­mi che sba­glio».

A cen­tro­cam­po in­ve­ce non cam­bie­rà nul­la a li­vel­lo di in­ter­pre­ti, men­tre può es­ser­ci una no­vi­tà par­zia­le con il ri­cor­so al 3-4-1-2 con Dze­mai­li qual­che me­tro avan­ti: «Può far­lo, an­che se per co­me gio­chia­mo noi Ble­rim fa già quel ti­po di la­vo­ro. È una so­lu­zio­ne pro­va­ta che pos­sia­mo adot­ta­re an­che a ga­ra in cor­so, an­che Or­so­li­ni può gio­ca­re lì», am­met­te In­za­ghi.

Die­tro si gio­ca­no due ma­glie De Ma­io, Gon­za­lez e Ca­la­bre­si al fian­co di Da­ni­lo, ma il tec­ni­co del Bo­lo­gna non si scom­po­ne e pro­fes­sa fi­du­cia: «Che fos­se du­ra lo sa­pe­vo, al­tri­men­ti il Bo­lo­gna non avreb­be cam­bia­to al­le­na­to­re ma so­no se­re­no e con­vin­to del­la scel­ta fat­ta, al­la fi­ne i ti­fo­si sa­ran­no or­go­glio­si di noi. Se do­po tre par­ti­te si fan­no pro­ces­si non abbiamo ca­pi­to nul­la: è chia­ro che dob­bia­mo fare me­glio ma abbiamo cam­bia­to mol­to. Ser­ve una scin­til­la».

Un gol o me­glio an­co­ra un ri­sul­ta­to po­si­ti­vo, per usci­re dal mo­men­to de­li­ca­to e re­ga­lar­si un po’ di fi­du­cia pri­ma di Roma e Ju­ven­tus. Ma In­za­ghi scac­cia ogni for­ma di pes­si­mi­smo: «Non ne per­ce­pi­sco. Quan­do va­do in gi­ro sem­bra che abbiamo vin­to tut­te le par­ti­te, for­se è an­che trop­po. Quel­la col Ge­noa è una par­ti­ta che può esal­tar­ci: la for­tu­na va ri­cer­ca­ta, spe­ria­mo che la pal­la ci dia una ma­no. Io ci cre­do e so­no mol­to fi­du­cio­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.